Blog: http://rossoshocking.ilcannocchiale.it

Violenza mai vista: transessuale massacrato

Milano, in fondo a via Novara, prima periferia. Sono le 5.24 del 29 luglio. Le telecamere installate dal Comune riprendono una scena insolita. Due ragazzi si avvicinano con l’auto a dei transessuali che si prostituiscono sulla strada. Dopo una breve discussione uno di questi viene caricato a forza in macchina e portato via.

Da quel momento nessuno avrà più notizie di Gustavo Rangel Brandau, brasiliano di 30 anni, conosciuto come Samantha. Sarà la Sezione criminalità organizzata della Squadra mobile a ricostruire le sue ore successive, fatte di violenze gratuite e feroci. Finite, purtroppo, nel peggiore dei modi. “Un delitto di una efferatezza mai vista in 20 anni di carriere in polizia”, ha commentato Francesco Messina, capo della Mobile.

La scorsa notte sono stati fermati con le accuse di sequestro di persona, rapina, violenza sessuale di gruppo e omicidio due giovani: M.R., marocchino di 17 anni con precedenti per furto e droga, che viveva nella comunità di recupero di don Gino Rigoldi, e Davide Giuseppe Grasso, detto Peppe, 19enne già noto alla polizia e originario di Catania che abita a Rozzano, poco fuori Milano. Il ragazzo marocchino ha confessato dopo ore di interrogatorio e ha portato la polizia al luogo dove è stato ritrovato il corpo ormai quasi irriconoscibile della vittima, che era irregolare e nel “giro” si faceva chiamare Samantha.
La notte da Arancia Meccanica dei due giovani comincia col furto di una Ford Escort e, forse, con l’assunzione di droga. Poi la puntata in via Novara in cerca di un rapporto sessuale con un trans, che però non intendono pagare. Samantha si rifiuta e viene sequestrata. Il suo incubo si consuma a bordo di quell’auto, per le vie della città. Cerca di scappare due volte, ma non riesce ad avere la meglio contro i due uomini. Che a un certo punto tornano anche in via Novara per recuperare la borsetta della loro vittima e l’incasso di quella notte, 60 euro nascosti dietro un albero.

Ma i soldi non bastano a placare la violenza. Samantha viene massacrata di botte, accoltellata in varie parti del corpo e stuprata. Alla fine abbandonata in una scarpata vicino a un’aea di servizio sulla Tangenziale Ovest, è ancora da accertare se già morta o agonizzante. Di sicuro quando la polizia ritrova la Ford, circa due ore dopo il sequestro, il sangue e ovunque all’interno. C’è anche un’impronta digitale, che porterà gli investigatori al ragazzo marocchino. Anche se le indagini partono con la denuncia della scomparsa del brasiliano da parte di Paola, un altro transessuale che aveva assistito al rapimento.

Solo il primo agosto, quando ormai teme il peggio e attraverso il proprio avvocato per la paura di essere espulsa, Paola si decide a raccontare al commissariato cosa è successo due notti prima in via Novara.
ll VIDEO che documenta il momento del rapimento di Samantha:

 

Pubblicato il 6/8/2008 alle 19.3 nella rubrica Politica, politici e le loro cazzate.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web