.
Annunci online

rossoshocking
dove tutto è famiglia
POLITICA
14 giugno 2008
Berlusconi il nuovo dittatore pone fine all'era delle intercettazionei




Oramai ci siamo. Ci stiamo avviando verso un regime dittatoriale. Dopo aver imbavagliato magistrati e giornalisti, cacciato rom ed extracomunitari, perseguitato prostitute e viados, militarizzato città e paesini, spogliato di ogni diritto lesbiche gay e transessuali, strumentalizzato la religione, riempito montecitorio di donne e uomini dal basso livello intellettuale, di razzisti, delinquenti ed ex carcerati il dittatore Berlusconi seguito da Papa Ratzinger, nazisti e neo nazisti, Leghisti, e fascisti si appresta a marciare sull'Italia sdradicando tutto ciò che possa nuocere alla loro ascesa.
Adesso tocca alle intercettazioni.
Ecco cosa succede.
impossibilità per i magistrati di poter usufruire delle intercettazioni per:

  • scippi
  • furti in casa
  • rapine
  • sfruttamento della prostituzione
  • sequestri non a scopo di estorsione (vedi rom che ruba bambino)
  • falso in bilancio
  • l'evasione fiscale
  • la truffa
  • i reati societari.
  • estorsione

 Ma di più... I Magistrati non potranno utlillazre

  • filmati che la polizia utilizza per seguire un criminale
  • per gli ascolti ambientali
  • Filmati per i reati commessi agli stadi (E certo il Milan è di Berlusconi. Dovrà pur difendere i suoi delinqueti)
  • il pm, per ottenere un'intercettazione, dovrà rivolgersi a un tribunale collegiale, e questo determinerà tempi più lunghi e incompatibilità a catena nei piccoli tribunali
  • gli ascolti non potranno andare oltre i tre mesi
  • E la prova di un crimine pur contenuta in una telefonata non potrà consentire un'ulteriore richiesta di ascolto. Ci vorrà una prova "diversa".
  • nel corso nell'indagine, le intercettazioni chieste per un reato dovessero rivelare che l'imputato va perseguito per un delitto diverso da quello iniziale dovranno essere buttate via.

In più:

  • Carcere ai giornalisti che violeranno queste norme
  • Carcere a chi farà circolare tali intercettazioni


Quindi, se da un lato si approva l'esercito nelle città, l'espulsione di rom ed extracomunitari, vergognosi pestaggi a danni di prostitute e viados, pacchetti di sicurezza varati in fretta e furia dall'altro, si approva una legge che permette a i delinquenti di poter continuare a delinquere. Fermo restando che, per me, un reato da nove è equiparabile ad uno da 10 anni e per questo degno di essere intercettato.

Questo è il paese dei balocchi e Berlusconi and Co stanno giocando un pò troppo con le nostre vite. Prevedo guai...

POLITICA
17 maggio 2008
Se Napoli brucia i Rom, Roma fa la "guerra" ai VIADOS
Oramai dilaga a macchia d'olio la violenza tra le strade. Ragazzini che uccidono un adonna perchè incinta, ragazzi che bruciano i capelli ad un proprio compagno reo di non appartenere al gruppo di estrema destra Qds (questione di stile), altri a Verona, sempre di destra, uccidono un ragazzo reo di avere i capelli troppo lunghi e di non aver voluto offrire una sigaretta.
A Napoli la gente brucia vivi i Rom facendosi giustizia fai da te. Sempre a Napoli la gente iveisce contro la polizia gettandogli dei sassi (sperando così che la loro causa, quella della spazzatura, si risolva) paghi del fatto che il nuovo governo è a favore della violenza e della discriminazione.
Roma, visto il sindaco, non è da meno.
Al quartiere Prenestino la polizia interviene durante una manifestazione di rabbia degli abitanti contro i viados. Distrutte alcune delle capanne dove si appartavano con i clienti. Controlli straordinari contro la prostituzione nella notte, in particolare su via Salaria, Via Palmiro Togliatti, piazzale Pino Pascali e le aree nei pressi del mattatoio. Sulla Salaria, tre le ragazze denunciate per atti contro la pubblica decenza, mentre altre 20, di cui una minorenne, sono state identificate. Altre due ragazze dell'est e 16 trans sudamericani sono stati fermati in via Palmiro Togliatti.

Prima i Rom, adesso i Viados.... Domani????
Siamo in guerra, una guerra civile!!! I forti contro i deboli!



Qui una transessuale vessata da alcune persone.

Qui la stessa trans è portata via per aver svolto "il mestiere più antico del mondo. Il suo Male? Quello di aver tolto lavoro alle colleghe italiane. Le prostitute italiane non si toccano!!! Quelle straniere o quelle transessuali invece sì!

La trans è portata davanti la folla come un fenomeno da baraccone!

La gente è paga e felice per aver fatto "il proprio lavoro"

Alcune di loro piangono... A volte ci dimentichiamo che anche loro sono delle persone. Ma tutti noi non facciamo altro che etichettarle cone Tran/Viados, puttane!

Lo stronzo con il cellulare ha fatto la foto.... ora è felice e soddisfatto.
Chissà quanti di questi usufruiscono del servizio però... chissà quante persone hanno portato i loro figli dalle cosidette puttane per far perdere loro la verginità...

Molti, non sanno, presi dalla foga della violenza, che molti transessuali sono "costretti" a prostituirsi proprio per problemi realitvi alla loro identità sessuale. Molti non riescono a farsi cambiare il nome sul documento, molti, troppi non trovano lavoro perchè la gente ha pregiudizi...




 
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

 

 

 





banner200x175













Ultimo Film Visto: 
     
          
                Voto 4


Il Libro Che Sto Leggendo




Ultimo libro letto



La serie tv che sto guardando




Ultima serie tv vista: LA TATA 

          VOTO 10






Prima di tutti vennero a prendere gli zingari e fui contento perchè rubacchiavano.
Poi vennero a prendere gli ebrei e stetti zitto perchè mi stavano antipatici.
Poi vennero a prendere i comunisti ed io non dissi niente perchè non ero comunista.
Un giorno vennero a prendermi e non c'era rimasto nessuno a protestare
 
Bertold Brecht

 

 











Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha responsabilità per quanto riguarda i siti cui è possibile accedere tramite i collegamenti interni al sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Il fatto che il blog offra questi collegamenti non ne implica l'approvazione, sulla cui qualità , contenuti e grafica l'autore declinapertanto qualsiasi responsabilità, così come declina responsabilità di qualsiasi tipo sui commenti inerenti ai post. Inoltre questo sito contiene, tra le altre cose, immagini di nudi. La sua visione, quindi, è consigliata ad un pubblico maggiorenne. 

 


Poor is the man whose pleasures depend on the permission of another




IL CANNOCCHIALE