.
Annunci online

rossoshocking
dove tutto è famiglia
POLITICA
19 giugno 2009
Piero Ricca sputtana Mara Carfagna. Correte a vedere
 

Mi vergogno per Mara Carfagna. Io avrei troppa vergogna di uscire di casa... Le tatuerei sul petto la lettera SCARLATTA. La P di PECCATRICE!!!!



Ma tra le altre cose chi è sta cretina che risponde al posto della disonorevole Carfagna???!!!
POLITICA
15 maggio 2009
Storia di una sciagurata: con la Carfagna neanche più i disabili sono al sicuro.

 
Oramai è noto che dove mette le mani la Carfagna tutto va in malora. LEI, l'ex velina, l'ex reginetta di bellezza, l'ex porno-show-gril, l'ex apritrice di cosce in fascia protetta, l'ex ballerina senza mutande, l'ex bellona di turno che ha inturgidito il kapò Berlusconi, ne ha combinata un'altra delle sue. Questa volta non sono gli OMOSESSUALI a farne le spese, ma i DISABILI. Ma tranquilli!!!! E' più che lecito che accade ciò. Se prendiamo una qualunquissima ragazza "nessuno" e la mettiamo in parlamento solo perchè ha un bel paio di TETTE è fisiologico che: IERI, AL FORUM P.A DI ROMA, LA CARFAGNA NEL PREMIARE GERMANA LANCIA (presso la quale io ho lavorato), RESPONSABILE DI UNO SPORTELLO PER DISABILI, ABBIA DIMENTICATO DI  FAR COSTRUIRE UN ACCESSO AL PALCO PER LE PERSONE CON DISABILITA'. MANCAVA UNA RAMPA CHE PERMETTESSE A GERMANA LANCIA (bloccata su una sedia a rotelle) DI SALIRE SUL PALCO E RICEVERE IL PREMIO PER LE PARI OPPORTUNITA'!!!!!

"Un assurdità" ha commentato la povera Germana!!!

incommentabile.


ps
dimenticavo. Con la lasciva ministra c'era pure quella volpe di Brunetta. In due ci son voluti per farci fare l'ennesima figura di MERDA!!!!!
POLITICA
21 agosto 2008
Mara Carfagna è una fannullona, andrebbe licenziata!
II ministro per le pari opportunita', Mara Carfagna, dovrebbe essere "licenziato" dal premier Silvio Berlusconi perché è "una fannullona": la provocazione è del presidente nazionale di Arcigay, Aurelio Mancuso che si chiede dove sia in ferie Mara Carfagna e aggiunge che "di certo rispetto all'omofobia, i diritti di cittadinanza delle persone lgbt non ha mai iniziato a lavorare, per cui si puo' essere certi che non si stia riposando da fatiche inesistenti".

"Quello che ci domandiamo è come un ministro delle Pari Opportunita', dopo mesi di ciondolante permanenza nei suoi uffici, non abbia ancora avuto la decenza di richiedere almeno un contatto con le associazioni nazionali lgbt. Comprendiamo che il ministro non gradisca il contatto con associazioni che tutti i giorni si trovano a fronteggiare in drammatica solitudine omicidi, violenze, discriminazioni, ma sarebbe suo dovere, visto il ruolo istituzionale, farsi coraggio e prender finalmente dimestichezza con una materia di cui da come sembra non conosce quasi nulla".

"Segnaliamo, infine - conclude - che intanto l'omofobia e la violenza non rispettano le vacanze agostane, come confermano gli episodi avvenuti nella capitale negli ultimi giorni, dalle scritte omofobe sui muri di una gelateria della Gay Street all'omicidio dell'architetto".

Mara Carfagna è solo da capire... E' una razzistella, fascistoide di bassa lega e che poteva essere solo scelta come "vetrina" da uno degli uomini politici più indegni che l'Italia potesse avere... La Mara Carfagna rispecchia in pieno i valori socio-culturali di un italietta mediocre e corrotta guidata da un team politico costituito da vecchie glorie oramai andate allo sfacelo.
Inutilre ricordare ciò che era e che probabilmente è ancora Mara Carfagna... una donna che a furia di mostrar VAGINA TETTE e CULO è arrivata a ricporire la carica di MINISTRO AL RAZZISMO!
cinema
21 agosto 2008
Mary Poppins (Julie Andrews) mostra le tette


Il film in cui Julie mostra il meglio di se è S.O.B.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. julie andrews sob tette poppe mary poppins

permalink | inviato da neutronik80 il 21/8/2008 alle 16:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
CULTURA
23 maggio 2008
Il gioco del criceto e le labbra della Mussolini a casa di B.
 Per chi ancora non lo sapesse questi siamo Io, L'amore mio, V e B


Come precedentemente detto ieri io V e l'Amore mio siamo stati ospiti di B. Siamo arrivati da B con circa 30 minuti di ritardo. Erano le 21 passate quando abbiamo bussato al citofono.
La tavola era già imbandita. Io ero affamato e non vedevo l'ora che si aprissero le danze.
Per fortuna B ci chiede quasi subito se vogliamo già mangiare. Io senza aspettare che glialtri rispondessero accendo la mia risposta: "Sì, ora, adesso"!

Primo Piatto: insalata di riso (uno dei miei piatti preferiti)
Secondo Piatto : Tortino rustico con wursterl e zucchine (ottimo)
Bevande: Coca cola, acqua, e prosecco (omaggio di V)
Frutta: Fragole

Dessert: Mignon (omaggio mio e dell'amore mio)

 Tra una chiacciera e una risata, una battuta e una cazzata la nostra cena è stata allietata da "Anno Zero".
La cosa che però più ci ha scosso sono stati i labbroni della Mussolini. Eravamo terrorizzati. Pensavamo che da un momento all'altro potessero uscire dalla TV e fagocitarci tutti.




Finita la cena è finito anche "Anno Zero" e con esso anche la paura che le mostruose fauci della Alessandra, tetta facile, Mussolini, potessro ingoiarci vivi.
Tetta Facile? Perche? Vedere per credere.
 Questa foto è stata appositamente tagliata da me. Per la versione originale clicca
qui.

Dopo cena ci siamo dedicati una bella sigaretta. Assolutamente fuori il balcone. B non fuma!


Paghi della nostra bella sigaretta abbiamo deciso di dedicarci a qualcosa di CULTURALE ed estremamente impegnativo: Giocare al "Gioco Del Criceto" una variante del Gioco della Carfagna, oops dell'Oca!


Io sono il criceto giallo e modestamente parlando HO VINTO!!!! Non potete immaginare neanche lontanamente quanto sia stato stressante e difficile arrivare al traguardo. Ho rischiato parecchio.
Ma non contenti ci siamo voluti provare in un altro gioco: "Salti in mente". Dico solo che ho riso per tutta la partita.
Stanchi, devastati e distrutti per tali impegni culturali io V e l'amore mio ci siamo congedati.
Ed è così che le nostre strade si dividono, ma solo momentaneamente!

Ciao miei cari e dolci amici.

POLITICA
19 maggio 2008
Mara Carfagna RAZZISTA E OMOFOBA: SCHIFA I GAY! E
 Ecco, non è che Mara Carfagna schifa i gay... tutt'altro.. però  hanno obiettivi che lei non condivide. <<Io sono pronta ad occuparmi di contrasto alle forme di discriminazione e di violenza. Sono pronta a dare patrocini a seminari e convegni che si occupano di questi problemi, penso (perchè questa pensa pure?) che l'unico obiettivo dei Gay Pride sia quello di arrivare al riconoscimento ufficiale delle coppie omosessuali, magari equiparate ai matrimoni. E su questo certo non posso esser d'accordo ».
Della serie do il patrocinio a tutti, ma non parlatemi dei gay...
La verità è che con i gay non sono Magalli, i gay non sono Berlusconi, i gay non sono etero. Ai gay non interessa vedere la sua VAGINA!!!!
Se apre le gambe ad un gruppo di gay cosa ci guadanga? NULLA
Giustamente preferisce farlo per cause più propizie.

Ma scherzi a parte, si tratta semplicemente di pura e semplice OMOFOBIA. Dio o chi per lui non poteva darle tutto.... Con lei si è limitato a darle due tette e un culo.
POLITICA
19 marzo 2008
2 video molto sexy per Alessandra Mussolini
 

In questo film (sempre risalente agli anni '80) la signora Mussolini si diverte a mostrarci chiappe e tette!!!







Qui, invece, Alessandra Mussolini, interpreta Liora in un film sul Nazismo. Da notare con quanto ardore la nostra onorevole mette in mostra tutta la sua merce.
Il film in questione è del 1990 e si chiama Derech L'Ein Harod, Ha


E pensare che c'è gente che si lamenta di Vladimir Luxuria...
CULTURA
11 marzo 2008
Tette e Piselli al vento
Nella rubrica Nudi e Famosi continua la carrellata di tette e piselli al vento. Accontento tutti, maschietti e femminucce, gay e lesbiche, etero e bisessuali.
w la parcondicio sessuale!
 
POLITICA
8 marzo 2008
Luxuria, Mussolini, la tetta, la lettera e ... "meglio fascista che frocio"...
 Come dicevo nel post precedente cercando delle immagini carine di Vladimir Luxuria in "google immagini" mi sono imbattutto in una marea di foto osè di Alessandra Mussolini, quella dalla tetta facile. Ho detto "vuoi vedere che pesco qualche altra foto nuda della Mussolini? Vuoi vedere che oltre la tetta questa ci ha fatto vedere anche il resto?" L'esito della mia ricerca è stato negativo. La foto di Vladimir l'ho trovata, ma ho trovato anche una lettera di una ragazza che ha ben pensato di scrivere alla gentilissima Mussolini e per avere una chiarificazione sulle numerose foto nude che la suddetta gentilissima avrebbe fatto quando era solo una ragazza. La lettera risalirebbe al 9 Marzo 2006 durante la campagna elettorale.
Ecco quanto dice la ragazza nella lettera (testo integrale)

Gentilissima Sig.ra Alessandra Mussolini,

l’altra sera, 9 marzo, Lei, durante la trasmissione televisiva “Porta a Porta”, si è rivolta ad un altro ospite dello Studio, il transgender Vladimir Luxuria, come Lei candidata alle prossime elezioni politiche, e molto chiaramente ha affermato che è meglio essere fascisti, piuttosto che “froci”.

Chi Le scrive non si permetterà di giudicare i Suoi giudizi.

E non si permetterà nemmeno di giudicare le occasioni che Lei sceglie per esternarli, né le modalità espressive, verbali e non, che ritiene di adoperare al riguardo.

Tanto meno si formalizzerà se Lei ha voluto parlare di “froci” anziché di “omosessuali” o “gay” (spero però che un giorno mi chiarirà quale criterio omologo di giudizio unisca queste due categorie, la prima delle quali fa riferimento alle preferenze sessuali, l’altra, invece, a scelte – si spera autonome e consapevoli, non portate da moti inconsci della psiche – ideologiche e politiche: e proprio non capisco cosa c’entrino insieme, per esprimere giudizi comparativi sulle persone).

Chi Le scrive non rivelerà nemmeno la propria identità sessuale: etero, bi, omo, trans: potrebbe avere venti anni ed essere “frocio” – come dice Lei – oppure cinquantadue – o quarantasette, trentanove: faccia Lei – ed essere eterosessuale nonché felicemente sposato da anni e anni, con figli e figli.
Lei e le persone di cui Lei si circonda avete anche – e certamente – tutto il diritto di affermare privatamente e pubblicamente che “omosessuali, transessuali, lesbiche, travestiti” sono un “triste spettacolo” e le loro adunate “l’ennesimo scempio della nostra civiltà”, come leggo in un volantino di Forza Nuova, che protesta perché a Verona “sabato 26 febbraio sfileranno i figli legittimi di questo sistema” (cioè, appunto, “omosessuali, transessuali, lesbiche, travestiti”), intitolando il foglietto di propaganda “L’Italia ha bisogno di figli non di omosessuali” (frase, questa, per la quale però ammetterà – spero – la liceità della contraria affermazione).

Devo tuttavia dirLe che proprio dopo la Sua esternazione su “froci” e “fascisti” ho compiuto un rapido giro su Internet, e, su un motore di ricerca, alla sezione “Immagini”, voce “Alessandra Mussolini”, ho trovato molte immagini di una giovane e bella ragazza che si dice essere Lei (e, in effetti, Le somiglia), ritratta a petto scoperto e il resto non troppo coperto.

Se la persona delle foto non è Lei, Le chiedo subito scusa, e naturalmente mi auguro che Lei provvederà immediatamente alla rimozione del Suo nome dalle immagini in questione, previa doverosa smentita della identità della persona lì ritratta, indebitamente attribuitaLe.

Se invece dovesse trattarsi della Sua persona, mi permetto di dirLe che quelle che ho visto sono fotografie le quali – per intenderci – quando i “fascisti” erano alla guida della Nazione non sarebbero certamente approvate dal Regime; che la morale “fascista”, altrettanto certamente, ancora oggi riprova, giacché tale morale si pone a “salvaguardia della famiglia tradizionale come cellula vitale della società e palestra naturale per l’educazione delle future generazioni nel segno dei principi etici che contraddistinguono un vero popolo”, come scrive il volantino di Forza Nuova di cui Le ho appena detto, in quanto, come invece è scritto nel programma politico di Azione Sociale, “la famiglia fondata sul matrimonio costituisce il nucleo e il pilastro portante della società, in quanto primo sano momento pedagogico e formativo della società”.

Nel mentre mi rimangono impresse le parole che Lei ebbe a pronunciare quale commento ad una famosa sentenza della Suprema Corte in tema di ''maschilismo becero'': «C'è ancora molta strada da fare, anche se è innegabile che la Cassazione ha fatto dei passi in avanti rispetto alla sentenza sui jeans: tuttavia io affermerei il principio che sotto le gonne delle donne, di tutte le donne, non solo quelle elette, non si sbircia e basta!».

Sia ben chiaro: tra i diritti di ogni persona rientra certamente anche quello di spogliarsi, di farsi fotografare spogliata, di autorizzare la pubblica circolazione delle immagini, e – da ultimo, e non per ultimo – di cambiare idee e comportamenti.

Dirò di più: chi Le scrive ha sempre difeso il diritto di dive e divette – o aspiranti tali – a farsi ritrarre in abiti succinti, men che succinti e senza niente addosso.

Né tale diritto viene meno quando, strumentalmente, il ricorso a queste manifestazioni della propria personalità (ed esibizione della propria persona) ha il lucido e consapevole obiettivo di farsi strada nel pur difficilissimo mondo dello spettacolo (ecletticamente inteso), e quindi presuppone un giudizio comparativo tra mezzi e fine, nel quale i valori etici del pudore e della riservatezza della persona, cedono il posto a quello, evidentemente ritenuto più importante, della propria affermazione professionale.

Ma un soggetto politico quale è Lei, che pubblicamente esprime valutazioni di rango morale su profili che attengono alla (mera) identità sessuale delle persone, di altre persone, e nemmeno ai relativi comportamenti, e anzi le pone in negativa comparazione con scelte ideologiche e politiche, che peraltro si richiamano ad esperienze sulle quali il giudizio storico si è pressoché esclusivamente formato in senso negativo, dovrebbe poi fornire chiarimenti: non tanto e non solo sulla coerenza dei propri giudizi con propri comportamenti che, almeno prima facie, sembrano con quelli contrastare, quanto e soprattutto proprio sul fatto di aver espresso un verdetto – negativo – sulle scelte sessuali delle persone (sui froci, per usare le Sue parole) – e nemmeno su loro modi di fare pubblici – in presenza dei propri comportamenti in questione, sia pur pregressi (se è Lei, le immagini che ho visto risalgono certamente a parecchi anni fa).

Comportamenti che adesso, e ora per allora, dovrebbero comunque essere oggetto di pubblico esame e valutazione (così come è stato il giudizio sui “froci”), almeno in adesione al precetto evangelico – che, immagino, Lei predica e attua – “Non giudicate se non volete essere giudicati”.
Posso sperare in una Sua cortese risposta?

Con i migliori saluti di

Chimeraweb

Non so dirvi se la gentilissima quanto finissima e Mussolini abbia mai risposto. Ma pur se lo avesse fatto che poteva dire? LE TETTE SO MIE E ME LE GESTISCO IO?

Ecco alcune delle foto incriminate
Alessandra Mussolini nudaAlessandra Mussolini

Questo, invece, è uno stralcio della trasmissione "Porta a Porta" in cui Mussolini e Vladimir Luxuria si confrontato. Da notare la finezza della signora Mussolini "MEGLIO FASCISTA CHE FROCIO"



Alessandra, ma anche ai tuoi figli fai vedere le tue tette? O questo spettacolo lo riservi solo a pochi?
Alessandra ma quanto sono sfottuti i tuoi figli? Io avrei vergogna ad avere una mamma tettaiola e buzziocona come te!!! Dai ammettilo non sei certo il ritratto della donna di classe.
Alessanda, ma il tuo caro Benito Mussolini cosa avrebbe detto se fossi andata in giro con le tette di fuori?

POLITICA
27 febbraio 2008
Alessandra Mussolini, ma Sophia Loren sa delle tue Tette?
Quandi dico che le ONOREVOLI di destra amano DISONORARSI senza pudore mi riferivo a queste foto di Alessandra Mussolini, la fascistona che dice "meglio fascista che frocio"
Avete capito bene quella imparentata con la Sophia Loren, quella che ha un cognome un pò bruttarello, per farla a breve quella che ha le tette piccole e pure appese come le orecchie del cocker.


sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

 

 

 





banner200x175













Ultimo Film Visto: 
     
          
                Voto 4


Il Libro Che Sto Leggendo




Ultimo libro letto



La serie tv che sto guardando




Ultima serie tv vista: LA TATA 

          VOTO 10






Prima di tutti vennero a prendere gli zingari e fui contento perchè rubacchiavano.
Poi vennero a prendere gli ebrei e stetti zitto perchè mi stavano antipatici.
Poi vennero a prendere i comunisti ed io non dissi niente perchè non ero comunista.
Un giorno vennero a prendermi e non c'era rimasto nessuno a protestare
 
Bertold Brecht

 

 











Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha responsabilità per quanto riguarda i siti cui è possibile accedere tramite i collegamenti interni al sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Il fatto che il blog offra questi collegamenti non ne implica l'approvazione, sulla cui qualità , contenuti e grafica l'autore declinapertanto qualsiasi responsabilità, così come declina responsabilità di qualsiasi tipo sui commenti inerenti ai post. Inoltre questo sito contiene, tra le altre cose, immagini di nudi. La sua visione, quindi, è consigliata ad un pubblico maggiorenne. 

 


Poor is the man whose pleasures depend on the permission of another




IL CANNOCCHIALE