.
Annunci online

rossoshocking
dove tutto è famiglia
SOCIETA'
6 settembre 2009
Roma-Stoccolma 0 a 100

 
Sono da poco ritornato da una vacanza a Stoccolma. Che dire... Un altro mondo, un'altra culutra e soprattutto un'altra civiltà. Mentre qui in Italia la gente si affatica per opprimere, infierire e discriminare le culture altre, le minoranze e coloro che sono diversi, in Svezia c'è un differente modo di fare: cercare di riunire tutti, rendendo ogni singola persona meritovole degli stessi diritti.
Le persone sono cordiali ed educate. Si rispetta il prossimo e l'ambiente. Se a Roma la carta viene buttata a terra a Stoccolma la carta si recicla. Le metropolitane sono linde e pinte. Nessun coglione ha voglia di scrivere sui muri rendendoli delle vere schifezze. Il riciclaggio è una vera e propria arte. Se in Italia i rifiuti si buttano dove capita a Stoccolma anche nei più piccoli supermercati c'è il contenitore per le bottiglie vuote. Inserisci la tua bella bottiglia e la macchinetta ti sputa uno scontrino con uno sconto che potrai utilizzare per comperare altra merce. Per invogliare la gente a fare questo piccolo sacrificio all'acqua viene applicato un piccolo sovraprezzo che sarà poi restituito nel momento del riciclaggio. Ogni scala,scalinata o singolo gradino è provvisto di un passaggio speciale per i passeggini. I padri hanno gli stessi diritti delle madri di potersi godere i propri figli e quindi hanno quasi lo stesso numero di ferie per paternità e i gay e le lesbiche possono contrarre matrimonio.
Le ragazze hanno la possibilità di girare con vestiti a dir poco succinti senza dover temere di essere stuprate ad ogni angolo o anfratto. Orde di ragazze con minigonne inguinali e tacchi vertiginosi si aggirano per le strade di Stoccolma agli orari più assurdi. Ragazzi gay o uomini vestiti in modo a dir poco singolare possono felicemente camminare fieri senza doversi sentire etichettati o osservati come animali da circo. Hai i capelli rossi e rosa? Bene!!! Sei una persona normalissima come gli altri. Se a Roma osi indossare una gonna sotto il ginocchio e un paio di tacchi sta sicuro che vieni stuprato nel primo posto utile. Se a Roma osi camminare mano nella mano con il tuo ragazzo stai sicuro che a casa arrivi con un occhio pesto. Se hai voglia di tingerti i capelli di verde e argento puoi esser certo che ti tirano uova marcie per ricordarti che non sei "normale". Se sei gay e vuoi sposare il tuo compagno puoi esser certo che sarai etichettato come figlio del diavolo, colpevole di portare l'intera umanità verso l'estinzione e la lascivia più totale!!! Insomma l'elenco è lungo...
A Roma, in Italia, viviamo come neanche gli uomini primitivi osavano farlo. A Stoccolma, in Svezia, l'uomo è invogliato ad esprimere se stesso, rispettando l'ambiente e gli altri!!!
Per questo ed altri infiniti motivi posso dire che Roma-Stoccolma finisce con uno 0 a 100!!

POLITICA
4 febbraio 2009
Ex sindaco LEGHISTA stupra e brutalizza prostituta ROMENA
Roberto Manenti EX sindaco leghista era stato protagonista di battaglie infuocate e non prive di inventiva contro clandestinità e prostituzione. Ma è stata proprio una sua foto comparsa su un quotidiano locale a costargli una condanna a sei anni per stupro. Il gup di Verona ha condannato ieri l'ormai ex primo cittadino di Rovato, grosso centro del Bresciano, per una serie di brutali violenze di gruppo ai danni di una giovane lucciola romena, strappata ai suoi aguzzini durante una operazione contro il racket del sesso sul lago di Garda quasi dieci anni fa.

Lui si dichiara estraneo ai fatti!


PS
perchè  NESSUNO si scaglia contro quest'uomo come è stato fatto con gli stupratori romeni? Perchè un italiano può stuprare o bruciare un uomo e nessuno si scandalizza???

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. lega roberto manenti stupro romeni

permalink | inviato da neutronik80 il 4/2/2009 alle 12:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
POLITICA
31 gennaio 2009
I carabinieri picchiano i romeni accusati di stupro
 "Ci hanno picchiati, sì. Prima i carabinieri, nella camera di sicurezza della caserma di Guidonia; poi le guardie, entrando a Rebibbia. Hanno picchiato me e hanno picchiato anche gli altri: sentivo le loro urla". Uno dei romeni accusati dello stupro di Guidonia lo ha detto ieri a Rita Bernardini, la parlamentare radicale che ha visitato i detenuti insieme al segretario dell'associazione "Nessuno tocchi Caino", 
Ai due giovani accusati di favoreggiamento il gip ha già concesso i domiciliari, una decisione contro cui la procura ricorrerà. Per la paura di aggressioni, ieri sono stati accompagnati in una residenza segreta e protetta nel Nord Italia. In serata la Bernardini ha comunicato di avere ricevuto numerose mail piene di insulti per le sue affermazioni. Critiche da Walter Veltroni che rinnova l'apprezzamento per i carabinieri. No comment del sindaco Gianni Alemanno.


Questo è il minimo che potesse accadere dopo giorni e giorni in cui i i media utilizzano un linguaggio violento e discriminatorio.
Tanto accanimento contro questo ennesimo caso di stupro si spiega solo perchè gli aggressori sono romeni...

SOCIETA'
27 gennaio 2009
Se lo stupratore è rumeno allora la folla e i media gli si scagliano contro... se è italiano le reazioni sono molto più fiacche e meno violente

 Agghiacciante quello che è accaduto ai ragazzi a Guidonia, ma è altrettanto scandaloso che la gente e i media si accaniscono i modo così violento contro gli stupratori. La folla gridava "A morte, a morte" Ma siamo forse tornati nel medioevo???


Mi chiedo percHè quanto è accaduto a capodanno (31 dicembre 2008) non ha suscitato le stesse polemiche e le stesse reazioni violente e razziste? Forse perchè i ragazzi stupratori erano ITALIANI.
Anche il servizio del tg è palesemente meno violento, meno accattivante, addirittura ci si sofferma sulle buone qualità del ragazzo. Lo definiscono come un bravo ragazzo... bah
POLITICA
20 novembre 2008
SVEGLIATI!!!! Firma anche tu contro il lodo alfano
  Io oggi ho firmato per il referendum indetto da Antonio Di Pietro contro il Lodo Alfano. Ma cos'è questo maledetto Lodo Alfano o Legge Bavaglio? E' un disegno di legge recente recante "Disposizioni in materia di sospensione del processo penale della alte cariche dello stato che permetterà  a SILVIO BERLUSCONI di bloccare i suoi procedimenti penali:

 

  •  Caso Mills (corruzione giudiziaria del testimone)
  • Diritti Mediaset (frode fiscale, falso in bilancio, appropriazione indebita)
  •  Compravendita di senatori dell'Unione (Istigazione aalla corruzione)
  • Scandalo Saccà (corruzione dell'incaricato di pubblico servizio)

Tutti questi processi si bloccheranno fino alla fine della legislatura, se il Lodo Alfano diventerà legge. Ma nel frattempo che il lodo diventi Legge il Ministro Alfano ha fatto in modo si SALVARE IL PREMIER bloccaNDO i giudici e i giornalisti:
 

  •  Si sospenderanno per un anno i processi in fase di dibbattimenti di primo grado ed i processi in fase di udienza preliminare che riguardano reati con dieci anni di pena e commessi fino al giugno 2002 (blocco processo Mills).
  • Si limita il ricorso alle intercettazioni della magistratura e si vieta alla stampa di pubblicare quasiasi notizia relavita alle indagini, fino al processo.

Elenco dei reati per i quali i processi saranno sospesi
- aborto clandestino
- abuso d’ufficio
- adulterazione di sostanze alimentari
- associazione per delinquere
- bancarotta fraudolenta
- calunnia
- circonvenzione di incapace
- corruzione
- corruzione giudiziaria ( è quella per cui Silvio Berlusconi ha fatto questo decreto)
- detenzione di documenti falsi per l’espatrio
- detenzione di materiale pedo-pornografico
- estorsione
- falsificazione di documenti pubblici
- frodi fiscali
- furto con strappo
- furto in appartamento
- immigrazione clandestina (“pensate, dopo tutte le menate che fanno con la storia dell’immigrazione clandestina, adesso sospendono i processi” – Marco Travaglio)
- incendio e incendio boschivo
- intercettazioni illecite
- maltrattamenti in famiglia
- molestie
- omicidio colposo per colpa medica
- omicidio colposo per norme sulla circolazione stradale vietata (“tutti quelli che stendono la gente per la strada ubriachi, bene quelli non li si processa” – Marco Travaglio)
- peculato
- porto e detenzione di armi anche clandestine
- rapina
- reati informatici
- ricettazione
- rivelazioni di segreti d’ufficio
- sequestro di persona
- sfruttamento della prostituzione
- somministrazione di reati pericolosi
- stupro e violenza sessuale
- traffico di rifiuti
- truffa alla Comunità Europea
- usura
- vendita di prodotti con marchi contraffatti
- violenza privata


http://www.rinnovamentopolitico.it/

POLITICA
13 agosto 2008
Donne rumene stuprate: carne da macello
 Due donne sono state violentate nel giro di poco tempo e la notizia non suscita molto scalpore. Forse perchè ad essere violentate sono due rumene e gli stupratori erano italiani. Se fosse

successo il contrario si sarebbero registrati espisodi di violenza e di intolleranza xenofoba da parte di tutto il centro destra.

Ecco quanto è accaduto:
Due nuovi casi di molestie contro le donne in poche ore. Martedì sera, al Portuense, un pregiudicato italiano di cinquanta anni ha aggredito una 23enne rumena senza fissa dimora. Poco dopo le 22, in via Francesco dall'Ongaro, l'uomo ha avvicinato la ragazza, l'ha spinta per terra e ha cominciato a palpeggiarla. È stato l'intervento degli agenti della polizia del commissariato Monteverde a salvare la giovane. L'aggressore è stato arrestato e dovrà rispondere di violenza sessuale.
Porta Cavalleggeri. I carabinieri della stazione Porta Cavalleggeri hanno invece arrestato un romano di 66 anni sorpreso su un autobus dell'Atac mentre molestava una romena di 32 anni. Le grida della ragazza hanno attirato l'attenzione degli agenti che hanno fermato l'uomo con l'accusa di violenza sessuale. Per lui si sono spalancate le porte del carcere di Regina Coeli.

sessualità
20 giugno 2008
A 10 anni il primo stupro
Nel frattempo ne sono passati 18. E per 3-4 volta la settimana questa bambina (adesso, una donna) doveva subire le violenze e le angherie del padre. Su consiglio di alcune amiche la ragazza, dopo ben 18 anni di soprusi, è riuscita a lasciare la casa e a denunciare il padre, che adesso ha 53 anni. L'uomo, un operaio veronese, sconterà, perecchi anni in carcere.

Succede anche questo nella famiglia tradizionale!


sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

 

 

 





banner200x175













Ultimo Film Visto: 
     
          
                Voto 4


Il Libro Che Sto Leggendo




Ultimo libro letto



La serie tv che sto guardando




Ultima serie tv vista: LA TATA 

          VOTO 10






Prima di tutti vennero a prendere gli zingari e fui contento perchè rubacchiavano.
Poi vennero a prendere gli ebrei e stetti zitto perchè mi stavano antipatici.
Poi vennero a prendere i comunisti ed io non dissi niente perchè non ero comunista.
Un giorno vennero a prendermi e non c'era rimasto nessuno a protestare
 
Bertold Brecht

 

 











Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha responsabilità per quanto riguarda i siti cui è possibile accedere tramite i collegamenti interni al sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Il fatto che il blog offra questi collegamenti non ne implica l'approvazione, sulla cui qualità , contenuti e grafica l'autore declinapertanto qualsiasi responsabilità, così come declina responsabilità di qualsiasi tipo sui commenti inerenti ai post. Inoltre questo sito contiene, tra le altre cose, immagini di nudi. La sua visione, quindi, è consigliata ad un pubblico maggiorenne. 

 


Poor is the man whose pleasures depend on the permission of another




IL CANNOCCHIALE