.
Annunci online

rossoshocking
dove tutto è famiglia
POLITICA
1 agosto 2008
La maligna Mara Carfagna:"L'omofobia è solo un reato di pensiero"

Separare il DDL riguardante il reato di stalking e violenza contro le donne da un eventuale legge sull'omofobia: questa l'intenzione della maggioranza contro la quale oggi si è duramente scagliata l'onorevole Anna Paola Concia. In Commissione Giustizia oggi il Ministro Carfagna ha ribadito la volontà del governo di affrontare stalking e omofobia separatamente, ed ha sottolineato che l'omofobia è da considerare come "reato di pensiero".
"Di omofobia si muore  - ha dichiarato la Concia - e i casi di violenza omofobica sono in costante aumento, come dimostrano le cronache". "C'è bisogno assolutamente di una legge, perché l'omofobia è una cosa seria, è una emergenza sociale di cui è vittima il 10% della popolazione italiana".
In seguito all'intervento dell'onorevole l'Ufficio di Presidenza ha stabilito di calendarizzare la discussione della legge contro l'omofobia a settembre. "Farò - ha concluso la Concia - supportata dal gruppo del Partito Democratico, una battaglia in Commissione Giustizia, usando ogni strumento che la legge mette a diposizione dei deputati, perchè venga approvata questa legge di civiltà per il nostro Paese".

Fonte Gay.tv

Capisco che la Carfagna è una velina che andava saltellando nuda da uno studio televisivo all'altro e che di politica e di pari opportunità ne capisce quanto un sordo di musica,però quando si rasenta la malignità allora il mio disprezzo e il mio sdegno divengono spropositati. Mi piacerebbe tanto incontrarla e chiederle perchè tale accanimento contro persone che nulla le tolgono (forse è per questo... vorrebbe essere sfilata le mutande). Ammettere che in Italia, come nel mondo, di omofobia si muore significa essere una persona ben calata nella società e nella realtà. Voler fare qualcosa per tale problema signifa voler migliorare una situazione che penalizza un vasto ramo della società. Non volendo ammettere il problema, invece, è sintomo di intolleranza razzista, omofoba e soprattutto sintomo di una malignità e di una cattiverisa tale da far invidia alla peggiore delle bestie, al più spietato killer. E per questo che la signora Mara Carfagna a me FA SCHIFO!!!

POLITICA
27 giugno 2008
La ministra al razzismo Mara Carfagna taglia i fondi per una ricerca anti discriminazione



La mediocre donna, messa al ministero delle Pari Opportunità solo perchè ha aperto bene le cosce in tv, ha pensato di cancellare i fondi destinati all'Istat per indagare contro le discriminazioni per orientamento sessuale.
La somma tagliata corrisponde a 180.000 €, un'inezia per lo stato. Somma che potrebbe benissimo essere recuperata sollevando dal suo incarico questa donnucola.

Ecco come ha risposto l'On. Paola Concia del Pd

"Il governo getta la maschera, dice di voler combattere le discriminazioni contro gli omosessuali e, per coprire il buco lasciato dalla cancellazione dell'ICI, taglia 180.000 euro stanziati in favore dell'ISTAT per l'indagine contro le discriminazioni per orientamento sessuale
La somma tagliata è una inezia per il bilancio dello stato ed è evidentemente un attacco contro gli omosessuali, perché è la prima volta che all'ISTAT viene commissionata una indagine del genere. Il fenomeno delle discriminazioni per orientamento sessuale va studiato per poter essere compreso.
E' un evento storico che l'ISTAT faccia questo studio: il Ministro Carfagna non deve cedere alle spinte omofobe della sua maggioranza, abbia il coraggio di essere all'altezza delle destre europee, prenda esempio dai Ministri di altri governi di destra, come quelli francesi che esaltano le differenze e non le cancellano, come vorrebbe fare il governo italiano. Quanto tempo ancora ci metterà la destra italiana a capire che le società aperte ed inclusive generano maggiore ricchezza, rispetto alle società retrograde?"

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Mara Carfagna paola concia

permalink | inviato da neutronik80 il 27/6/2008 alle 17:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
POLITICA
8 giugno 2008
Improvvisamente l'inverno scorso ARRIVA in parlamento


giovedì 12 Giugno nella Sala delle Colonne di Palazzo Marini, è stata la deputata del PD Anna Paola Concia, rappresentante omosessuale del partito che ha invitato tutti i parlamentari alla visione del documentario sui DICO "IMPROVVISAMENTE L'INVERNO SCORSO"

Gustav Hofer e Luca Ragazzi (in coppia anche nella vita), realizzatori del documentario si augurano: "Dopo piazza San Giovanni negata al Gay Pride noi vogliamo continuare il dialogo e fare in modo che anche l'Italia segua l'Europa"

Speriamo che adesso tutti i deputati si rendano conto quanto facciano SCHIFO!!!


POLITICA
6 maggio 2008
GIANNI ALEMANNO: il gay pride è esibizionismo sessuale!!!
Alemanno ha finalmente detto quello che pensa del Gay Pride:

GIANNI ALEMANNO: “Ho tutto il rispetto possibile per le persone omosessuali, li conosco, ho delle amicizie, nessuna discriminazione ma il Gay Pride e’ un fatto di esibizionismo sessuale ed io sono contrario all’esibizionismo, sia omosessuale che eterosessuale. Non mi piace questa forma un po’ aggressiva, non positiva anche per chi manifesta. Il problema non e’ “omosessualita’ si’ o no, ma esibizionismo si’ o no”.

PAOLA CONCIA: "Fa piacere che il Sindaco di Roma Gianni Alemanno abbia affermato che non intende discriminare nessuno anche perché sarà il Sindaco della più grande comunità omosessuale italiana, Il Gay Pride non è ostentazione, ma un evento che fa parte della storia della comunità omosessule mondiale e che ha inciso e incide profondamente nella società, durante il quale centinaia di migliaia di cittadini riescono a esprimere la gioia per il solo fatto di poter liberamente parlare di sè. A me preoccupa invece che Alemanno, così come qualunque altro politico, debba decidere quale deve essere lo stile di una manifestazione.
 
Il Gay Pride è un evento positivo e propositivo a cui prendono parte anche cittadini eterosessuali e famiglie e che vuole ribadire il valore fondamentale della libertà. Se proprio vogliamo preoccuparci dell’ostentazione pensiamo alla rappresentazione arcaica e volgare che i media danno delle donne e all’esibizione di un certo tipo di machismo.
 
Forse la preoccupazione di Alemanno - peraltro assolutamente infondata - nasconde altri sentimenti: non si capisce per quale motivo, come ha fatto la sua compagna di partito Giorgia Meloni, affermi di essere contrario a ogni forma di discriminazione e poi è così osessionato dal Gay Pride. Bisogna avere una cultura del rispetto degli altri a prescindere dal fatto di avere amici omosessuali.
 
Quello che a me preoccupa di più dell’infondato allarmismo su un evento pacifista, non violento e positivo come il Pride sono i saluti romani esibiti vistosamente in Campidoglio da alcuni - sicuramente una minoranza - sostenitori del centrodestra il giorno della vittoria al ballottaggio, nei confronti dei quali Alemanno non ha ritenuto di prendere le distanze. Non è che sono loro i veri ispiratori delle preoccupazioni di Alemanno sul  Gay Pride?


Ma sbaglio o il family day non era anche una manifestazione sull'esibizionismo sessuale?

POLITICA
24 aprile 2008
Silvio Berlusconi sempre più OMOFOBO.
BERLUSCONI DICE: "Ho visto che Prodi si e’ lamentato per la decisione di Barroso di cambiare il nostro portafoglio nella Commissione Europea. E’ sbagliato - ha commentato Silvio Berlusconi all'indomani del passaggio dell'Italia da Giustizia e Libertà a Trasporti - All'interno della Commissione Ue prima ci occupavamo di tematiche come l’omosessualità, ora di trasporti. Mi sembra un vantaggio strategico per l’Italia".


IO DICO: "quello che vuole dire Silvio Berlusconi, la Cher italiana, è che preferisce occuparsi DI TRASPORTI PIUTTOSTO DI OMOSESSUALI E GAY".

PAOLA CONCIA RISPONDE: “Berlusconi, purtroppo, non perde mai occasione per dimostrare la sua omofobia. Su questo tema, grazie alla destra, facciamo sempre delle gran brutte figure in tutta Europa”.
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

 

 

 





banner200x175













Ultimo Film Visto: 
     
          
                Voto 4


Il Libro Che Sto Leggendo




Ultimo libro letto



La serie tv che sto guardando




Ultima serie tv vista: LA TATA 

          VOTO 10






Prima di tutti vennero a prendere gli zingari e fui contento perchè rubacchiavano.
Poi vennero a prendere gli ebrei e stetti zitto perchè mi stavano antipatici.
Poi vennero a prendere i comunisti ed io non dissi niente perchè non ero comunista.
Un giorno vennero a prendermi e non c'era rimasto nessuno a protestare
 
Bertold Brecht

 

 











Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha responsabilità per quanto riguarda i siti cui è possibile accedere tramite i collegamenti interni al sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Il fatto che il blog offra questi collegamenti non ne implica l'approvazione, sulla cui qualità , contenuti e grafica l'autore declinapertanto qualsiasi responsabilità, così come declina responsabilità di qualsiasi tipo sui commenti inerenti ai post. Inoltre questo sito contiene, tra le altre cose, immagini di nudi. La sua visione, quindi, è consigliata ad un pubblico maggiorenne. 

 


Poor is the man whose pleasures depend on the permission of another




IL CANNOCCHIALE