.
Annunci online

rossoshocking
dove tutto è famiglia
vita familiare
19 gennaio 2009
Cosa bolle in pentola - Lasagna vegetariana


Realizzata da me, B e S.
Bona!
consumi
9 novembre 2008
Shopping con l'amore mio
Oggi con l'amore mio abbiamo fatto un pò di spese pazze... Ogni tanto ci vuole!!!


Un cuscino nuovo era proprio quello che mi ci voleva!!! Soldi ben spesi. By Ikea

In casa nostra mai che manchi un bel sacchetto di pout pourri rilassante! Ottimo acquiesto. By Ikea!

Una candela blu ed una arancione!!! Guai se in camera mia mancano le candele profumate!!! By Ikea

Si avvicina il Natale e la carta da regalo rossa non può mancare! By Ikea


Una scappatina il libreria per comperare il nuovo libro de "La Signora in Giallo" non poteva mancare!

E visto che mi son trovato ho comperato anche L.A Confidential special edition. Kim Basinger... che passione!!!

Prima di ritornare a casa non poteva mancare una sosta da Sephora, dove ho speso 18,50 euro!!

vita familiare
18 ottobre 2008
Sono a Napoli, la mia città

Ogni tanto mi concedo il lusso di staccare dalla vita romana per dedicarmi anima e corpo a quella che è la mia città natale; Napoli, la mia bellissima e bistrattata Napoli.
Spero, e ne sono sicuro, che questa mia breve permanenza mi rigenererà anima e corpo. Adesso sono a casa mia, la casa della mia infanzia, la casa che mi ha visto crescere e maturare. La casa dove c'è sempre il profumo di pulito, dove il letto è sempre in ordine, dove il piatto è sempre pronto e fumante quando ho fame, la casa dove la mia mamma mi ha cresciuto e dato tutto l'amore di cui necessitavo, la casa dove ho imparato cosa significa amare ed essere amato,ridere e piangere, questa è la casa dove io e la mia mamma abbiamo affrontato i periodi più difficili della nostra vita, nonchè quelli più belli e spensierati....
Qui, a Napoli e in questa casa è cresciuta la persona che sono adesso e per questo motivo ogni volta che ne varco la porta un brivido di felicità misto a malinconia mi pervade la schiena....
Se oggi sono così, è perchè ieri in questa casa, in questa città è cresciuto l'uomo che sono adesso!

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. napoli casa città io mamma

permalink | inviato da neutronik80 il 18/10/2008 alle 13:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
vita familiare
11 ottobre 2008
Da Napoletano's...
Questa sera è venuto mio cugino M da Napoli. E' venuto perchè la sua dolce e simpaticissima ragazza C, arrivava a Roma Tiburtina. Profittando di quest'evento abbiamo pensato di vederci. Così io, l'amore mio, mio cugino M e la sua fidanzata C abbiamo deciso di andare a cenare da Napoletano's, un ristorante/pizzeria molto buono che si trova in Viale Regina Margherita. Purtroppo il tempo a nostra disposizione è sempre poco. M e C stasera stesso dovevano ritornare a Napoli. Ci siamo incontrati verso le 21.00 e subito ci siamo diretti al ristorante. Tante erano le cose da dire e soprattutto era tanta la voglia di passare una serata in allegria e spensieratezza. Abbiamo chiacchierato di tutto. Dalla cavolata al discorso più serio. Dagli aneddoti personali a fatti più banali. Una serata davvero simpatica e piacevole. E poi è sempre molto bello poter vedere mio cugino. Anche se C. non la conosco a fondo mi sembra di conoscerla da tempo. E' una ragazza molto speciale. Con lei mi sento a mio agio.
Sono felice perchè, nonostante la distanza, il rapporto tra me e M. è sempre molto forte. E poi anche l'amore mio ha instaurato un berl rapporto conloro. Stasera era tutto perfetto... Adesso dobbiamo solo organizzarci per passare più tempo assieme...

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. amore mio cugino m C napoletano's io

permalink | inviato da neutronik80 il 11/10/2008 alle 1:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
vita familiare
10 ottobre 2008
Ancora dal parrucchiere: Permanente andata a male
Vi ricordate? Mercoledì scorso andai a farmi fare la permanete da Parrucchieri pazzi. Tutti voi ricorderete quanto è stata estenuante per me quell'esperienza. Tanto lo stress che il giorno dopo mi è venuta la febbre. Febbre che non mi ha permesso di andare alla PRIMA DEL MUCCA ASSASSINA!
Ho superto lo shock di non poter apprezzare la prima serata del Mucca, ho superato la febbre, NON HO SUPERATO, però, la sconvolgente verità sui miei ricci!!! Sono durati il tempo di un battito di ciglia finte. Mercoledì ho fatto la permanente e domenica sera già i ricci stavano scomparendo per lasciar spazio ad un'acconciatura tra l'ondulato e il mosso. Disperazione. Dopo aver speso 85€ è  mai possibile che il riccio s'ammosci? Non posso permetterlo. Devo fare qualcosa. E qualcosa, in verità faccio. Mercoledì ritorno da parrucchieri pazzi per reclamare e per rimediare a questi ricci andati a male.
Io: "come è possibile che dopo 7 giorni e solo due shampi i miei ricci si sono ammosciati? La permanente non c'è più. Fai qualcosa!
Lui: "Amore! Prima che la permanente passi..."
Io: " Nel mio caso è bastata una settimana. Guarda non sono nè carne nè pesce. Mezzi lisci, mezzi ricci, mezzi mossi... Me la devi rifare"
Lui: "Ma se hanno un effetto così naturale..."
Io: "Ma io ho chiesto un trattamento ARTIFICIALE, capace di farmi i ricci che io NATURALMENTE non ho!"
Lui: Ma li hai asciugati con il diffusore come ti ho detto io?
Io: "Li ho asciugati in tutti i modi"
Lui: " Forse a te la permanente non prende bene"
Io: " Ma come ti dissi la settimana scorsa, questa non era la mia prima volta... Le altre volte l'effetto era molto più forte..."
Lui: " Vabbeh! Vieni venerdì, che cerchiamo di riprenderla. Oggi non posso.
Io: " Ok, grazie. Però dopo aver già cacciato 85 € preferirei non pagare altro..."
Lui: "Vedremo..."
Io: "No! Io ho già pagato 85 €"
Lui: "Ok"

Arriva venerdì, cioè oggi...
Arrivo in negozio verso le 11 e 30 (dopo una noiosissima lezione di Analisi dei Dati)
Al mio fianco questa volta c'è anche il mio caro amico B.
Ci fanno accomodare... Prima di me ci sono altre 3 signore. Nel frattempo io e B sfogliamo qualche rivista in cerca di qualche donna con i capelli ricci da prendere in esempio. IL NULLA. TUTTE  LISCE...
Aspettiamo e riaspettiamo...niente. Ad un certo punto mi sento chiamare.
Felicissimo. Esclamo. Wow!! Il mio turno.
Lui: "Potresti andare a prendere al bar 3 caffè? Logicamente se lo vuoi prendilo anche te...
Momento di silenzio. Non so... sta scherzando? No! Dice sul serio.
Io: "Ok! Andrò!
Sempre più sconvolto, mi avvicino a B e gli chiedo di accompagnarmi...
B: "Ma non è che è una candid camera?
Io: "Non lo so..."
Ridiamo tutto il tempo... finalmente arriva il bar. Dietro il bancone c'è un tizio grasso, grosso e basso che indossa una maglietta con la scritta Thin & light...
Io: "Salve"
Barista: "Ciao. Cosa prendi?"
Io: "Tre caffè da portare. Sa sono per i ragazzi di parruccieri pazzi. In più, però, voglio un caffè al banco da prendere adesso."
Barista: "Dici a M. (parrucchiere che mi ha fatto la permanente) che deve morire". Ride. Dopo questa squalli-battuta che non ho capito mi fa i tre caffè da portare. Mi da lo zucchero e si accinge a preparare il caffè per me!
Barista:
"Lo vuoi un bel caffè lungo?"
Io: "No grazie. Lo preferisco normale."
Noto che ci sta mettendo troppo tempo...
Barista:
"Allora, prendi il caffè lungo, giusto?"
Io:
"No. Prendo quello normale"
Ancora un pò di attesa...
Barista:
"Ecco fatto. Un bel caffè lungo"
Io:
"Grazie, proprio quello che volevo". Sconvolto più che mai lo prendo senza batter ciglio.
Lasciamo il bar con i caffè tra le mani...
Arriviamo nel negozio.
Lui: "grazie, ragazzi"!
Noi: "figurati"
Aspettiamo ancora parecchio. Poi contemporaneamente viene il nostro turno. B sarà servito da una ragazza molto brava ed io da lui.
Mi rilava i capelli. Questa volta gli chiedo di posizionarmi la testa in modo tale da non sembrare che mi stiano decapitando. 
Lui: "vedi? Da bagnati sono ricci."
Io:  "Sì, hai ragione. Ma io esco con i capelli asciutti, e i capelli una volta asciugati reggono pochissimo! Dopo qualche oretta si allisciano e finchè non li rilavo rimangono tra il mosso e l'ondulato. Di certo non li definirei ricci"
Mi mette in mano un cestino. All'interno di questi ci sono "le cartine" e una marea di bigodini. Tutti diversi. Vanno dal più grande al più piccolo.
Lui: "Prendimi i bigondini più piccoli e anche le cartine. E quando te lo dico passami la cartina e poi il bigodino."
Io:  "Ok" Dovrà finire questo giorno, penso tra me e me.
Nel frattempo B ha finito il suo taglio, le altre ragazze del negozio sono in pausa. Ogni nuovo cliente che bussa per entrare, Lui chiede a B di andare ad aprire la porta.... Il povero B con una santa pazienza accetta di fare l'uscire di parrucchieri pazzi.
Lui: " Però nessun parrucchiere ti rifarebbe la permanente gratis"
Io: " Hai ragione, però, gli altri parrucchieri se mi fanno la permanente mi fanno uscire con i ricci e non con i capelli leggermente mossi!"
Finalmente si finisce con i bigodini. Mi mette la cuffia e lascia i capelli in "posa" per parecchio tempo. Nel frattempo io e B chiacchieriamo del più e del meno...
Passato il tempo necessario si procede al rilavaggio dei capelli. La puzza di zolfo è abbastanza forte e nauseabonda...
Adesso, da bagnati, i capelli sono riccissimi!!!
Lui: " adesso ti farò uscire come Michael Jackson"
Aridanghete!!! Ma Michael Jackson era riccio solo ai tempi dei Jackson Five e di Thriller! (penso io) Tutta la carriera l'ha condotta con i capelli lisci e la belle bianca!
Mentre procede all'arricciatura io e B notiamo che esiste un trattamento che si chiama LISCIO PER SEMPRE
Io: 
 "E in cosa consiste? Potrei farlo?" (provocazione)
Lui:
"Se mi chiedi una cosa del genere ti uccido!! Dopo due permanenti nell'arco di 9 giorni...
ridiamo tutti e tre...
Dopo aver finito di lavre i capelli mi fa cenno di sedermi dove ci sono i fon. Mi accomodo.
Comincia ad asciugarmi e un pò per gioco e un pò per sfida comincia ad asciugarmeli in modo tale che vengano sempre più gonfi. L'amore mio (che nel frattempo era arrivato) e B, mi guardano e ridono.
Io anche rido...
Lui: "Sembri mia nonna" Detto questo mi fa cenno di abbassare la testa e procede ad asciugarmi i capelli. Mi mette la lacca. "Ecco fatto. Adesso se mi dici che domani sono lisci ti sparo"
Io:  Guardandomi allo specchio. "Oddio!! Sicuramente adesso gli uccelli verranno a farsi i nidi nei miei capelli"
Tutti ridono compreso me. Nel frattempo si era creata un'atmosfera molto giocosa. A dire la verità tutti scherzavano sui miei capelli gonfi e ricci ricci.
Alla fine mi diriggo alla casa, dove B pagherà per il suo taglio!
Lui: "Sei sicuro che non vuoi comperare i miei prodotti? Lo shammpo e la maschera?"
Io:  "Li comprerei volentieri... ma dopo aver speso 85 euro non ho altri soldi... non saprei come pagarli...
Lui: "Perchè non vi prostituite...?"
Nessuno ride... forse la battuta era un pò troppo forte...
Per sdrammatizzare dico:" Con questi capelli sai quanta gente..."
Salutiamo e ce ne andiamo con la speranza di non dover ritornare per dovermi far fare la 3° permanente!



vita familiare
6 ottobre 2008
Come si passa la domenica nella checcasa
La domenica nella checcasa si passa esattamente allo stesso modo come in tutte le altre case del mondo. Ci si alza un pò più tardi del solito, si fa colazione, si perde tempo, parecchio tempo, si chiacchiera con i coinquilini, si gioca alla playstation, si controlla la posta elettronica e nel caso mio ci si prova la febbre!!! Ieri sono stato tutto il giorno con una temperatura corporea che non riusciva a superare i 36... Alemeno ero guarito.
A metà mattinata viene un amico di B. Questo amico si chiama G. è molto simpatico, anche molto alto. Ci farà vedere alcuni video, presi da internet, davvero molto interessanti. Pranziamo io, l'amore mio, B e G. Dopo pranzo io e L'amore mio ce ne andiamo in camera nostra a giocare alla play station... precisamente giochiamo ad Alone in the dark. Grazie ad un suggerimento di G superiamo un pezzo abbastanza complicato.
Verso le 16 arrivano D e G, due ragazze amiche di B. Entrambe molto simpatiche. Con loro guarderemo dei viedo su youtube. Tra i tanti guarderemo anche uno scherzo fatto ad una cartomante molto sensibile...

Più tardi ancora arrivano altre due persone. E & V, due amici miei e dell'amore mio. In tutto siamo 8. Decidiamo allora di giocare al gioco da tavola che si chiama 27. Davvero molto divertente. Ho vinto io, se mi ricordo bene.
Siamo arrivati alle 20.00
Gli amici di B sono andati via. Siamo rimasti solo io, l'amore mio, B, E&V. Decidiamo di cenare un una pizza e dopo di giocare tutti assieme al Paroliere. Vincerà l'amore mio.
Verso mezzanotte gli ospiti si congedano. Noi tre ci facciamo un infuso rilassante e ci buttiamo sotto le coperte paghi della bella giornata!

Peccato, causa febbre, non aver potuto partecipare al pranzo che il nostro amico V. ha fatto a casa sua!! Sigh sigh.
moda
1 ottobre 2008
L'ho fatto!!! Mi son fatto la permanente!!!
Non ho resistito. L'ho dovuto fare. Preso da uno strano raptus oggi pomeriggio mi sono recato dal parrucchiere!!! Era da tempo che ci riflettevo. Lo faccio o non lo faccio? Riccio o non riccio? Liscio o corto? Li taglio o li arriccio? Bene alla fine ho deciso, li ho arricciati, mi son fatto una bella permanente!!! Ma il problema è: dove? Quale barbiere/parrucchiere/tosatore mi avrebbe sistemato per le feste? Centro Degradè Joelle?jean louis david, capellimania? No!!! Alla fine, dopo una meticolosa ricerca su internet opto per Parrucchieri Pazzi, siti in Via La Spezia 18 (ve lo consiglio). Prima di recarmi decido di chiamare e chiedere se effettivamente fanno la permanente anche agli uomini.
Io: Salve parlo con parrucchieri pazzi?
Lei:
Io: buonasera, sono un ragazzO e volevo sapere se facevate la permanente anche agli uomini
SILENZIO
io: pronto? c'è ancora?
Lei: sì, un secondo che chiedo...
Sento che si allontana e che chiede al suo superiore: "c'è uno che vuole farsi la PERMANENTE. La facciamo anche agli uomini?
Lui:"Cosa?
Lei: "la permanente agli uomini"
Lui:"sì"
Lei a me: " sì la facciamo, il costo è di 40 €"
Io: "Bene!!! C'è bisogno di prenotare?"
Lei: "no! Noi non lavoriamo per appuntamento"
Io: "Perfetto, allora a dopo"
Felice come una pasqua prendo la metro e mi faccio le mie 9 fermate!!! Mi accompagna l'amore mio.
Arriviamo alle 17:20.
Io: "Salve, ho chiamato poco fa. Sono il ragazzo che vuole farsi i ricci"
Lui: "ciao. Sì te la posso fare, ma calcola che per avere un buon esito la devi curare molto, specialmente dopo"
Io: "Sì, non ci sono problemi, mi sono scocciato di vedermi con sti capelli lisci, piatti ed anonimi!"
Lui: "Bene, allora puoi toglierti la maglietta e metterti il camice" Mi porge un camice bianco. Esterrefatto mi avvio al bagno. E' la prima volta che vado da parrucchiere e mi chiedono di spogliarmi. Bah. Il camice è bianco, quasi seta. Per chiuderlo c'è una cinturina bianca!! L'infilo. Mi guardo allo specchio.... "Il pazzo di Psyco. Un mostro!"
Escco, mi seggo sulla sedia dove procedono al lavaggio dei capelli.
Lavati e tamponati si procede con l'applicazione di bigodini e cartine. Passerà più di mezz'ora prima che la mia testa sia completa di bigodini. Ad ogni bigodino corrisponde una spruzzatina di acido o non so cosa... stavo morendo intossicato dalla puzza. Dopo circa 45 minuti era tutto un bigodino
 
Mentre il parrucchiere procedeva ad inserirmi bigodini, acidi, cartine e altre schifezze sull'altra sedia c'era una signora (non più giovanissima) alla quale venivano tagliati i capelli, ma con la macchinetta, quell'affare che solitamente usano i barbieri per tagliare i capelli ai maschietti.
Io in bigodini e lei, povera, con un taglio da maschio!!!
Quando tutti i bigodini erano stati messi mi infilano una fastidiosissima cuffia (vedi foto) che dovrò tenere per parecchio tempo. Non vi dico il prurito!!!! Chi bello vo parè, guai e pene adda patè.
Ma non finisce qui. Tolta la cuffia mi conducono al lavandino per lavarmi i capelli. Ma prima di procedere al lavaggio mi fanno stare con la testa all'indietro, appoggiata a quel maledetto lavandino per circa un quarto d'ora.
Io: "Ma cosa stiamo facendo?"
Lui:Ti ho messo una maschera per annullare l'effetto della permanente. Deve rimanere in posa per 15 minuti"
Io: "Annullare l'effetto della permanente?"
Lui: :" Serve solo a nutrire i capelli che sono stati sottoposti a un feroce stress" Detto questo si lascia andare con uno sproloquio su acidi, shampi anti acido, hp del capello, hp neutro e tante altre cose... Logicamente annuivo, senza capire nulla. E mentre lui parlava io avevo il collo all'indietro, nel lavandino, per far agire questa maledetta maschera...
Finito il quarto d'ora mi rilavano i capelli.
Lui alla ragazza :" lavagli i capelli con dello shampoo all'anguria e dopo mettigli la maschera.
Mentre lei strofina, strizza e massaggia i miei capelli permanentati sento un ottimo odore..
Io:" cos'è?"
Lei: "Anguria"
Io: "Anduja?"
Lei: "no!!! Shampoo all'anguria"
Lui:" No, ma che dite è alla papaya!"

Altra mezz'ora col collo spezzato all'indietro per farmi lavare i capelli. Sarà la 4° volta che me li lavano.
Dopo averli lavati mi lasciano ancora un bel po' con il collo all'indietro e con i capelli che vanno a finire nel lavandino. Oramai ho perso sensibilità a tutto il collo. Potevano anche tagliarmelo non avrei sentito nulla!
Aspetto e riaspetto... Avranno deciso di farmi morire qui con la testa appoggiata a questo strano lavandino... bah.
Finalmente arriva Lui
che mi rassicura: " Abbiamo quasi finito"
Io: "Ok"
Mi rifanno accomodare sulla sedia avanti allo specchio. Finalmente, per la prima volta mi guardo. Non ci posso credere. Nonostante i capelli siano ancora bagnati e senza forma, mi PIACCIO, MI PIACCIONO, sembrano essere fatti apposta per la mia faccia!! Sono felice, anche se ho il collo che mi duole, il cuoi capelluto che mi pizzica e sono tutto bagnato (dopo tutti questi shampi è stato inevitabile che dell'acqua mi sia caduta addosso!)
Finalmente si presegue all'asciugatura...
Lui: "quando li asciugherai dovrai usare il diffusore. Lo hai vero?"
Io: "certo" Mento sapendo di mentire. Ma ero troppo terrorizzato. Temevo che me lo avrebbe venduto.
Lui:  "
Una volta lavati asciugali un poi metti questo balsamo ravviva ricci. Mi raccomando lo devi comperare assolutamente come devi comperare assolutamente anche la maschera per i capelli trattati da permanente e lo shampoo per capelli trattati da permanente"
Annuisco perplesso e penso :"Ma per chi mi ha preso? per la figlia segreta di Aristotele Onassis?"
Dopo altri quindici minuti sono pronto. Posso andare a rimettere la mia maglietta (Sono le 19:25, sono passate due ore!!! Ma come facevano le donne negli anni '80?). Soddisfattissimo del risultato lo ringrazio e mi avvio alle cassa. Lui mi precede e si siede al registratore di cassa.
Lui: "Allora in totale sono 65,50 € (prima mossa epilettica. Pensate che per telefono avevano detto che la permanente costava 40€
Io non parlo. Sono senza parole e con i ricci.
Lui: 
"Affinchè la permanente abbia un buon esito e i tuoi capelli non soffrano troppo per questo trattamento così radicale è necessario che tu compri:
  • La crema ravviva ricci al costo di 20 €
  • Lo shampoo per i capelli trattati al costo di 15 €
  • La maschera per capelli stressati al costo di 20 €

A questo punto ho avuto la seconda crisi epilettica!!!!
Io: "Veramente non avevo intenzione di spendere così tanti soldi. Potendo comprare solo una di queste cose tu cosa mi consigli?"
Lui: "
La crema ravviva ricci"
E ti pareva... mica mi consigliava il prodotto da 15 euro!!!
Alla fine pago 85 €, svuotato nel conto in banca ma pago emotivamente me ne ritorno felice felice a casetta mia!!!

Ecco come sono i miei capelli ora

vita familiare
5 settembre 2008
La mia vacanza in provenza (tante foto)
Come dicevo dopo essere stati all'Eurodisney io e l'amore mio abbiamo preso l'aereo e siami arrivati a Gardanne, dove abbiamo alloggiato a casa della cugina dell'amore mio.





Questa è Gardanne a pochi kilometri da Marsiglia. Questa nella foto è la casa di Cezanne!



Questa è la piazza di Gardanne



Qui, invece, siamo ad Aix... un posticino davvero delizioso sempre a pochi passi da Marsiglia



Sempre Aix.



Non è che io e l'amore mio abbiamo bevuto più cocacola del necessrio. Eravamo semplicemente in tre. Io l'amore mio ed Emilie, la cugina dell'amore mio. Questo era un bar che si trovava ad Aix
 
Ancora un bel passeggio di Aix. Tante bancarelle e tante cose che qui in Italia non si trovano.


Dopo aver visitato Aix ci occupiamo di Marsiglia. Come prima cosa notiamo un negozietto molto particolare che ci ricordava qualcosa....


Ecco una bella veduta di Marsiglia da Notredame De La Garde


Ancora una veduta di Marsiglia da Notredame De LaGarde


Eccola la mitica Notredame De La Garde

Il
IL porto di Marsiglia


Come non potevo farvi vedere Marsiglia di notte?


qui siamo, invece, a Cassis. Notissima località turistica e balneare sempre nei pressi di Marsiglia. Detta anche la piccola Saint Tropez. Questo in foto è il porto.



Qui, invece, è dove abbiamo fatto il bagno. Finalmente un pò d'acqua pulita, limpida e fresca. Wow!



Concludo il mio reportage fotografico con una bella foto notturna di Marsiglia!!



Ciao e al prossimo viaggio!!!!
vita familiare
13 agosto 2008
Ieri: io e l'amore mio. Una giornata tutta per noi

Tutto comincia verso le 16.00  quando l'amore mio viene a prendermi con la sua macchinina. Fa abbastanza caldo, ma con i finestrini aperti e la forte velocità non soffriamo molto.

La strada è sgombra e il vento entra felicemente dai nostri finestrini aperti. Il tragitto è lungo ma noi abbiamo parecchie cose da dirci.  Discutiamo sul nostro imminente e quantomai "incasinato" viaggio. Ma nonostante tutto sono certo che ci divertiremo un mondo.
Dove stiamo andando? L'amore mio ha deciso di portarmi a vedere un nuovo centro commerciale che si è aperto a Napoli, anzi a Nola. Il centro si chiama "Vulcano Buono". E' un enorme centro commerciale realizato da Renzo Piano la cui forma è un Vulcano.

Da fuori non sembrava un granchè, ma arrivati all'interno sono rimasto piacevolmente sorpreso. bei colori e soprattutto tanto spazio e tanta aria condizionata. A qusto vanno aggiuntiIl tanti bar e ristoranti. Anche il cinema c'era! Però non non ci siamo andati!

Perchè siamo andati? Semplice perchè volevamo profittare degli ultimi gliorni di saldi. E poi era l'unico posto dove poter prendere un pò di fresco e vedere tantissimi negozi e io adoro andare per negozi. Abbiamo fatto un divertente giro da Media World dove abbiamo deciso che a casa nostra non potrà mancare questa stupenda lavatrice e questa sobrissima lavastoviglie. Un duetto davvero semplice e irresistibile.

Dopo aver visto questi splendidi elettrodomestici abbiamo sfogato la nostra frustrazione per non averli potuti acquistare comperando tanti bei vestiti. Io ho preso una camica gialla a mezza manica, una maglietta di filo a maniche lunghe celeste e bianca, una viola con maniche e colletto bianchi e viola, una maglietta nera a maniche corte e una camicia nera con zip e bottoni molto particolari. L'amore mio ha preso una camicia verde a mezze maniche, una maglietta di filo a maniche lunghe verde acido e una con strisce orizzontali tutte colorate. Bellissima. La volevo io!
Dopo aver speso i miei ultimi averi ho pensato bene di offrire una pizza all'amore mio al ristorante "Da Peppe" situato sempre nel centro commerciale.

Dopo aver cenato romanticamente siamo ritornati a casa. O meglio l'amore mio mi ha riaccompagnato a casa. Li abbiamo proseguito la nostra seratina chiacchierando un pò con la mia mamma. Verso l'una di notte l'amore mio è tornato a casa lasciandomi solo soletto....
Sono stato così bene con lui che doverlo salutare mi ha fatto rattristare. E' così strano non vivere assieme nella stessa casa e non poter vivere la quotidianità...


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. io amore mio mamma shopping vulcano buono

permalink | inviato da neutronik80 il 13/8/2008 alle 16:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
SOCIETA'
26 luglio 2008
Gay Village... Il nulla!!

 

Ieri sera Io, l'amore mio, i miei amici B, V e la new entry (che poi non è tanto nuova, è nuova per il blog) R siamo andati al Village. Serata deludente.

Quest'anno, vuoi l'allenaza Imma Battaglia/Gianni Alemanno, vuoi la nuova location, il gay village (l'evento dell'estate romana) è davvero pessimo!
Da dove comincio? Cominciamo col dire che i giorni di apertura sono solo GIOVEDI' - VENERDI' - SABATO.
Costi spropositati. 13 euro, con consumazione, nel week-end (venerdì e sabato) e 7 euro giovedì. Free entry fino alle 21-30 tutti i giorni.(giovedì, venerdì, sabato)
8 € consumazione "normale", 10 quelle pestate (Mojito).
(Meno male che io posso entrare sempre gratis)
Il posto è mal illuminato con tanto di POMICIO-ZONE (pratone senza un minimo di luce dove le coppiette possono rotolarsi come maiali nell'erba sporca). Largo spazio al buio con sedie e tavolini... Pedana con tanto di "Calcio Balilla" e videogames (patetico).
Nessun  ristorante "importato" (es. ristorante del Gloss), pochi o quasi nulli i bar degni,pochissima animazione e spettacoli indecenti. E' tutto fuorchè un villaggio, sembra un groviglio di roba messa così, a casaccio, senza la minima voglia di armonizzare il tutto.
Ma la vera nota dolente è la musica. Le due piste da ballo, una commerciale e l'altra Tecno/House a volte sembravano suonare la stessa musica. In quella commerciale mancavano pezzi FROCIAROLI e in quella tecno/house, mancavano pezzi da sballo. La cosa più grave è stata l'alternanza delle canzoni. Ogni pezzo durava anche 7 minuti... NOIA!!!! Se beccavi il pezzo che non ti piaceva potevi anche tagliarti le vene. Il dj metteva una canzone, andava a rifarsi il trucco in bagno e dopo 7-8 minuti tornava, ne metteva un'altra e spariva per altri 7-8 minuti. Da GALERA!
Ogni anno trovo che il Gay Village peggiora, ma quest'anno ha toccato il punto di non ritorno!! Peccato!!!

VOTO 4

vita familiare
11 luglio 2008
Spese pazze
 

Oggi io e l'amore mio ci siamo divertiti, vista la crisi econimica, a spendere un pò dei nostri soldini. Io ho comperato alla Fnac ben 5 dvd. La carica dei 101, Ratatouille, Il libro della giungla, Harry Potter e Il calice di fuoco, Harry  Potter l'ordine della fenice. In più ho comperato da Ovviesse una camicia arancione, una nera e un pinocchietto arancione e una maglietta rosa.
 Solo martedì avevo comperato un pantalone nero, un panalone beige, una camicia beige e una camicia viola a strisce bianche.
L'amore mio ha comprato, invece, solo un pinocchietto bianco, un jeans e una maglietta grigia.
A me manca solo il jeans estivo e poi ho finito con lo shopping.
vita familiare
24 giugno 2008
Dopo la Chiabotto anche io e l'amore mio inauguriamo Euroma2 - Reportage Fotografico
Anche noi abbiamo voluto inaugurare l'EUROMA2, il centro commerciale più grande d'Italia. Non potevamo permettere che a farlo fosse stata solo la Chiabotto. Cristina Chiabotto è una tra le numerosissime vincitrici di Miss Italia che è divenuta celere però con la pubblicità di una nota marca di acqua.
Il nostro giudizio sul centro commerciale è negativo. In primis perchè era ancora in fase di costruzione e poi perchè sembra essere stato costruito solo per ricevere l'appellativo de "il più grande d'Italia". Eccentrico e kitsch, sembra essere stato fatto solo per sbalordire il povero acquirente. Tantissimi negozietti che nulla aggiungono al solito concetto di "centro commerciale". Decisamente più delizioso quello di "Porta di Roma", ugualmente grande e con tanti negozi, ma meno sfarzoso. Qui sembra di camminare per i corridoi del Titanic (speriamo non faccia la stessa fine) o tra le stanze della reggia di Versailles (speriamo che il proprietario non faccia la stessa fine di Maria e Luigi). Si è voluto osare troppo piegandosi allo stereotipo del Tutto Forma e niente Sostanza!
Una bruttissima copa de le G
aleries Lafayettes

Ecco un pò di foto
















vita familiare
22 giugno 2008
Ecco cosa abbiamo pranzato io e l'amore mio



Il mio piatto è quello con Yogurt, mela e banana!

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. io amore mio pranzo yogurt banana

permalink | inviato da neutronik80 il 22/6/2008 alle 14:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
vita familiare
20 giugno 2008
Ecco cosa abbiamo cenato io e l'amore mio
 
Ecco cosa ho cenato io:
10 pomodorini ciliegino tagiati in 4 pezzi
1 mozzarella da125g tagliata a tocchetti
1 aglio tagliato a rondelle
Un pò di cipolla tagliata sottile
4 olive verdi
4 olive neri
un piccolo pezzo di formaggio piccante tagliato a dadini
3 foglie di basilico
1 pizzico di sale
1 pò di olio



Ecco cosa ha cenato l'amore mio:

1 cetriolo tagliato a rondelle
olive nere
olive bianche
3 pomodori San Marzano tagliati a fette
3 foglioline di basilico
Olio
1 pizzico di sale
Aceto
1 scatoletta di Simmenthal

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. cena io amore mio

permalink | inviato da neutronik80 il 20/6/2008 alle 21:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa
SPORT
18 giugno 2008
Il calcio, i falli e i gay

E' solo grazie a me, l'amore mio, V e B che l'Italia può esultare.

Ingredienti per una vittoria sicura:
metti 4 gay che non capiscono un cazzo di calcio e aggiungici:
4 tipi diversi di birra
una vodka al lime
una vodka all'arancia
vino fragolino
gelato
insalata di pasta
Coreografie degne di Britney Spears
Coinquilini di B che ad ogni gol dell'italia sembravano voler rompere le pareti di casa a "capate"
"Grosso"
Fallo
e
Fallo di mano
Agita e sbatti come si deve e stai sicuro che la vittoria è in tasca.

Quindi, dopo aver mangiato, bevuto e strabevuto abbiamo esultato per la vittoria dei nostri beniamini, anche se ad un certo punto più che una partita di calcio sembrava un incontro di boxe.
Tra un gol e un rigore ci siamo anche allenati con Ab king pro (la panca per fare gli addominali).
Quanto ci sentivamo sportivi....
Comunque agitati ed emozionati alla fine abbiamo brindato alla vittoria dell'Italia e alla sconfitta dell'odiosa Francia con tanto di vino fragolino. Delusi e affranti per una MANCATA diretta negli SPOGLIATOI  abbiamo deciso di organizzare una partitona a "solo", gioco a carte stile "Uno". Visto che eravamo un pò alticci le partite si sono svolte nel più totale caos.
Dopo aver perso tutte le partite, io, V e l'amore mio abbiamo salutato B, ringraziato per la bella serata e per l'ospitalità e ce ne siamo andati a casa
.

vita familiare
16 giugno 2008
In Gita Alla Fao: Reportage Fotografico

Oggi, dopo aver sostenuto l'esame "Storia dei conflitti in Africa", sono andato con l'amore mio a mangiare alla Fao. Alla Fao lavora il nostro carissimo amico V.


Poichè noi non lavoriamo lì, per poter entrare dobbiamo, non solo dichiarare di essere "ospiti" di V, ma anche lasciare i nostri rispettivi documenti di identità in cambio di un "pass"

Fatto questo ci siamo addentrati per i corridoi della Fao. E camminando, camminando incappiamo nella BRUTTISSIMA statua donata alla Fao dalla signora Gina Lollobrigida.

I dipendenti sono costretti per rendere omaggio alla Lollo ad inginocchiarsi e a baciare la statua ogni giorno.
Ma non poteva fare come Sophia Loren e dedicarsi alle pubblicità di salumi? Era così necessario addentrarsi in questa nuova carriera artistica? Ricordiamo che la signora Lollobrigida nasce attrice, ma a quanto pare vuole morire scultrice. (poveri noi)
Dopo aver visto questo obbrobio siamo andati a mangiare alla mensa della fao



Alla modica cifra di 12.40€ io e l'amore mio abbiamo creato questi due deliziosissimi piatti


Entrambi abbiamo optato per un menù vegetariano.
V e S (la sua coinquilina che oggi era con noi) hanno, invece, preso anche del pesce.
Questa è la terrazza dove abbiamo pranzato.

E' questa è la vista mozzafiato che la Fao offre ai suoi dipendenti

Dopo aver pranzato e chiacchierato allegramente le strade di noi quattro si dividono. V, ritorna al lavoro, S, invece, si reca all'università. Io e l'amore mio decidiamo di incamminarci a piedi verso casa.
Cammin facendo ci ritrovammo in una selva oscura: IL COMING OUT APERTO DI GIORNO

Non ho resistito. Ho preso una costosissima coca-cola al modico (si fa per dire) prezzo di 2.50 €.
Approfittando della bella giornata abbiamo anche fatto i turisti fai da te.

Colosseo

Arco di Costantino.

Dopo aver fatto i turisti fai da te abbiamo proseguito fino a casa, dove siamo tutt'ora...

vita familiare
15 giugno 2008
Terzo trasloco:Casa Nocilla, un'avventura senza eguali e l'avvento di V

 

Il 5 Novembre 2002 io e l'amore mio trovammo casa.
Avevamo appena subito uno sfratto molto scocciante. Abitavamo in via Tuscolana 713. Una casa divisa con 3 lavoratori del sud. Uno più rozzo dell'altro. Ricordo ancora quando Gianluca (il più rozzo e il più ignorante dei tre) mi chiese :"Ieri sono stato con una donna (prostituta) ed oggi mi è uscita una cosa strana sul cazzo. Vuoi vedere cos'è?"
"Vai dal dermatologo"
gli dissi seccato.
Dopo ben 5 mesi di convivenza fummo (per fortuna) costretti a trovare nel giro di pochissimo tempo una nuova sistemazione. Prima di andarcene, però, avemmo l'opportunità di vedere il loro futuro coinquilino. Era una ragazzo effeminatissimo. una trans in provetta... Poverina e poverini loro... chissà cosa sarà accaduto.

Il 5 Novembre 2002 io e l'amore mio trovammo casa.
Grazie a "Porta Portese" Via Prenestina 246 fu la nostra nuova abitazione. La padrona di casa ci accolse con il marito al bar. Ci offrirono il caffè. Di cognome facevano Nocilla. (non so se lui o lei). Erano ricchissimi. Avevano tantissime case che affittavano agli studenti. Ci accordammo sul prezzo e sul quando avremmo potuto occupare la stanza (sempre doppia).
Prima di accettare, però, chiedemmo se era possibile visionare la stanza. Acconsentirono. Salimmo (non ricordo più a che piano era). La Lorena (la proprietaria) aprì la porta. Odore fortissimo di vernice. Stavano riverniciando le stanze.
"Questa è la vostra stanza". E indicarono una porta a vetri chiusa.
"Possiamo vederla?" Chiedemmo.
"No! E' chiusa a chiave perchè c'è ancor la pittura fresca. Però ve ne facciamo vedere un'altra che è uguale alla vostra" (scoprimmo, solo in seguito, che non era vero)
La stanza ci piacque e la prendemmo. Pagavamo circa 260€ a persona per il posto letto, 20€ di riscaldamento e 39€ di spese. Per un totale di circa 320 € al mese. In due, pagavamo,640€ per una stanza doppia. Il giorno in cui bloccammo la stanza, in casa (due bagni, 6 camere e cucina) era presente solo un ragazzo alto e magro (era Salvatore).
Il giorno in cuoi occupammo la stanza notammo che in casa era presente una MAREA di gente. Che bello pensai. Ci deve essere una festa. Mi sbagliavo.
Poco dopo aver sistemato i bagagli sentimmo bussare alla porta. Era un ragazzo dai capelli lunghi.
Aprimmo. Si presentò. Era V.
Ci riconoscemmo al volo. Sapevamo che eravamo gay, ma nessuno aveva il coraggio di chiedere. Però come prima cosa, V. ci fece notare che vicinissimo casa c'era il Qube dove il venerdì sera c'era la serata di Mucca Assassina. (cosa utilissima da sapere)
Io ero un fan di Mucca Assassina.
Dopo questa prima presentazione V ci disse che in casa eravamo 11. Cinque doppie e una singola.
Ecco il perchè di tutta questa gente...Uno Shock.
Ci presentò gli altri. Logicamente non memorizzai i nomi di nessuno. Solo due  ragazze che facevano l'erasmus. Una certa MURO che per i primi tempi evitavo di chiamarla per nome (ero sicuro che non avessi capito bene il suo nome. Era impossibile che si chiamasse MURO) e Diana, amica di Muro, anche lei in erasmus e anche lei spagnola. Giorno dopo giorno i rapporti con i miei numerosi coinquilini miglioravano, scoprii che Muro era Nuria e che il nostro vicino di stanza era Salvatore,un Writer (quello che scrive sui muri) calabrese e che si firmava TROLS. Roma è piena dei suoi capolavori. Adorava la musica Punk, e amava tenere lo stereo "A PALLA" anche tutta la notte. Era così alta la sua musica che le pareti di camera nostra tremavano. Era il periodo che ogni mattina io mi svegliavo alle 6 per fare il srvizio civile. Era il periodo che ogni sera a casa c'era una festa o una serata particolare e per la quale valeva la pena di restare sveglio fino a tarda notte. Salvatore divideva la stanza con un ragazzo olandese Rhud (bellissimo) biondo ed occhi azzuri, buono, calmo, pacioccone, totalmente in antitesi con il carattere irruento, casinista e disordinato di Salvatore Trolls.
Scoprimmo solo tempo dopo, che in casa c'era anche un ragazzo, portoghese (Pedro), che fumava canne come sigarette e che si alzava alle 5 o 6 del pomeriggio per fare colazione e che alle 4 o 5 di notte cenava (Ecco perchè alle volte, a notte fonda, trovavamo la pentola con le uova sode sul fuoco). Cera anche un ragazzo di Vibo Valentia, un certo Alessandro (in casa durò pochissimo) il quale il giorno in cui arrivammo in casa ci venne in contro con guanti gialli, (quelli per lavare) tinozza  di plastica celeste con dentro calzini a bagno e ci chiese "Sapete come funziona la lavatrice?"
"Siamo appena arrivati, non sappiamo neanche se c'è una lavatrice" Gli rispondemmo esterrefatti.
Qualche giorno dopo il nostro arrivo, venne una nuova ragazza. Lei accendeva la sigaretta con quella che stava per spegnere. Era carina ed estremamente simpatica ed aperta. Le sue spese personali le calcolava in sigarette. Es: questo nuovo vestito mi costa 5 pacchi di sigarette, andare a ballare stasera mi costa 3 pacchi di sigarette...
Poco tempo dopo rimase incinta (ancora dobbiamo capire di chi) e andò via.
Ci trovavamo benissimo in questa casa. Tutti sapevano che io e l'amore mio eravamo gay e che stavamo assieme e che anche V  fosse gay. Nel frattempo l'amicizia nostra e di V cresceva sempre più (oggi è uno dei nostri migliori amici.)
Tantissime volte siamo andati al Mucca Assassina assieme. Più cresceva la nostra amicizia più le cose in casa si complicavano. 11 persone in casa. 11 orari diversi in cui si utilizzava la cucina. Bagni sempre occupati. Nessuno che faceva le pulizie, nessuno che si degnava di buttare la spazzatura (fummo costretti a fare i turni). I vicini che si lamentavano delle nostre feste (effettivamente ne facevamo quasi una a sera), tempo per studiare ZERO, proprietaria di casa invadente e sanguisuga, gente che entrava ed usciva ado ogni ora del giorno e della notte. Si faticava a capire che fosse realmente "della casa" e chi era semplice ospite.
Una domenica mattina la proprietaria, bionda ed impellicciata come non mai, decise di venire a casa per riscuotere l'affitto di tutti noi. Io,V, l'amore mio ed altri (non ricordo chi) eravamo in cucina a fare colazione. Eravamo stravolti dal sabato. Lei, la Nocilla, entrò. Nessuno la salutò. Lei, disperata, si sedette su l'unica sedia libera della cucina e ci osservava. Tutti continuavano a fare le prorpie cose come se lei non ci fosse. Un fantasma. Non disse una parola per tutto il tempo che rimase. A nessuno passò per la testa che fosse venuta per l'affitto. Io ricordo stavo bevendo il caffè e chiacchieravo con V che mangiava dei cereali con Diana.
Ad un certo punto disse:
"Vabbene ragazzi, io me ne vado. Ripasso tra qualche giorno"
"arrivederci"

Oramai eravamo da un pò in via Largo Preneste. Nuria e Diana erano due delle nostre amiche più care. Grazie a loro conoscemmo tantissimi ragazzi che erano a Roma per l'erasmus. (Come dimenticare Sebe, il ragazzo della Marsigliese) Con qualcuno di loro ci siamo visti anche tempo dopo. Da Nuria e Diana io,l'amore mio e V (la moglie di V) siamo andati a passare le vancanze qualche estate dopo.
Anche se ogni tanto qualche ragazzo andava via per fare spazio ad uno nuovo (come dimenticare Giovanni detto "Shakespire", Claudio detto "cosa",Gianluca che utilizzava la sua camera solo come garçonnière e che aveva la pessima abitudine di lasciare le sue scarpe puzzolentissime fuore la stanza), devo dire che il periodo di casa Nocilla (molto Appartamento Spagnolo, il film che uscì al cinema proprio quando noi eravamo lì) è stato uno dei più divertenti e dei più dissoluti della mia vita.
Feste a base di vino (rigorosamente quello nel cartone) e coca-cola (Kalimotcho), canne, alcool e schifezze varie allietavano quasi ogni nostra sera. Ricordo ancora una volta io e la mia amica V (la moglie di V) organizzammo con l'aiuto degli altri miei coinquilini una festa a sorpresa per l'amore mio. Andammo a fare la spesa a Carrefour. Comperammo tante di quelle cose da bere (2 bottiglie di vodka, 2 bottiglie di gin(quello scandente), 3 bottiglie di spumante, coca-cola e vino in cartone a volontà, birre a iosa, aranciata, 1 bottiglie di baileys, 2 di Rum (quello scandente) e ancora tante altre cose, che non riuscimmo a portarle. Dovemmo chiamare porpio l'amore mio (che non avrebbe dovuto sapre della festa a sorpresa) per farci accomoagnare a casa con la macchina (era l'unico ad averla).
Ricordo che in casa, nell'unica singola, viveva un ragazzo di nome Pino. L'uomo più puzzolente che io abbia mai conosciuto. (nessuno voleva entrare in camera sua. Puzzava troppo. Anche dopo che se ne andò e che la Nocilla la fece riverniciare).
Pino era ragazzo dall'aspetto molto terrorizzante. Sembrava uno skinhead, ma che in realtà era solo un burbero violento e pericoloso, ma dal cuore tenero. Era, per sua ammissione, bisessuale. Io e l'amore mio gli eravamo molto simpatici. Una volta mi regalò anche un enorme pezzo di fumo che io però persi. 
Era fatto 24h su 24. Rideva ad ogni cosa che gli si diceva. Utilizzava un coltellino sia per tagliare pezzi di fumo, sia per pulirsi le unghie (perennemente nere) sia per tagliare il pane.
Un giorno si portò a casa una prostituta che girava seminuda per casa senza il minimo imbarazzo.
Una volta, invece, venne con una sua amica. Erano seduti in cucina. Sulle gambe avevano il cartone della pizza che lui tagliava con solito coltellino. Lei aveva una cosa strana sul collo. E questa cosa, ogni volta che lei parlava si muoveva. Io ero senza lenti a contatto (praticamente non vedevo) e le chiesi cosa avesse sul collo.
Innocentemente mi disse :"Un ratto tatuato"
Aveva un enorme topo (pantegana) tatuato sul collo. Ogni volta che lei parlava il movimento del collo faceva muovere questo topo, che sembrava vivo. 
Disgustoso.
Ho sempre immaginato la scena di lei che torna a casa e che dice:"Mammina, mi sono fatta un nuovo tatuaggio"
"E cosa ti sei tatuata?"
Chiede premurosamente la mamma
"Una zoccola sul collo" risponde lei sinteticamente.

Anche Pino rimase poco. Prima di andarsene però ebbe una fortissima discussione con Salvatore Trolls (il writer che proveniva dalla calabria). Pensai che si sarebbero uccisi.
Nel frattemo la Nocilla stava giocando al massacro. Basta che uno di noi partisse per qualche giorno che al suo ritorno si trovava la stanza non più doppia, ma tripla.
Lei si giustificava dicendo che affittava il posto letto, non la stanza. Per questo motivo, molti dei notri coinquilini (tra cui V, lasciarono l'appartamento)
Arrivà l'estate. Molti di noi noin ci sono più (V, Nuria, Diana, Pedro, Pino,Salvarore ecc) Io e l'amore mio ci eravamo assentati per qualche giorno. Arrivando sotto casa notammo una strana persona alla finestra.
"Chi sarà?" Ci domandammo.
Arrivati a casa scoprimmo che da 11 eravamo arrivati a 13 di cui 7 medici over 50 di nazionalità mista (due egiziani, un albanese, uno sloveno, un libanese, due palestinesi) Le stanze (tranne la nostra) si erano trasformate in triple e quadruple.
Resistemmo ancora poco. Il 29 Giugno 2003 facemmo armi e bagagli in cerca di una nuova casa. 
Eravamo al 3° trasloco.

 

POLITICA
8 giugno 2008
Il Roma Gay Pride Day termina al Coming out
Non contenti di aver camminato per tutto il pomeriggio io e l'amore mio decidiamo di terminare questa serata al Coming Out che per questa sera si trasforma in discoteca.
Con noi vengono anche B, V, B (amico di V) C&H ed altri ragazzi di cui adesso mi sfugge il nome. Sono stanco e ho bevuto un cocktail fortissimo che mi ha steso, ma non contento ho sorseggiato anche il cocktail di B, che era altrettanto fortte.
Sono stanco morto! Non ho più l'età...
Ho i piedi che mi fanno malissimo. AIUTO!





Come era bello ballare e poter vedere il Colosseo a 4 passi da te...
La serata è stata molto bella anche se c'era troppa gente e non ci si poteva muovere.
Vabbè io vado a letto.
SOGNI D'ORO  A TUTTI
vita familiare
27 maggio 2008
Io e l'amore mio... ben 2250 giorni

MA SONO ANCORA POCHI!!!! DOBBIAMO MIGLIORARE....
TI AMO TANTO TANTO TANTO!!!

MA 2250 giorni a quanti anni corrispondono?
Tanti....


ps
spero di non aver sbagliato il calcolo, altrimenti qualcuno, e non dico chi, mi
UCCIDE!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. io amore mio

permalink | inviato da neutronik80 il 27/5/2008 alle 10:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
vita familiare
24 maggio 2008
Gli irriducibili del mare: io e l'amore mio
Questa mattina ci siamo svegliati presto. Erano circa le 11. Decidiamo che DOBBIAMO andare al mare. Decidiamo, però di andarci con calma, senza andare di fretta e soprattutto, visto che E' IL PRIMO BAGNO meglio andare in un orario in cui il sole non PICCHI troppo. Allora facciamo colazione, io mi faccio la barba, andiamo a fare la spesa, torniamo, mangiamo, ci mettiamo il costumino e ci dirigiamo verso OSTIA!!!! Erano circa le 15.00
Prendiamo il trenino da Piramide. Troviamo pure il posto... che strano. Solitamente è sempre affollatissimo. Vabbè, meglio.

Il tragitto dura una trentina di minuti. Scendiamo a "stella polare"
Durante tutto il percorso notavo una cosa. Il sole era andato via per far spazio alle nuvole. Ma che ci frega... sicuramente riuscirà. Come no?!?!?!?!
Scesi dal trenino ci dirigiamo verso il nostro lido (rigorosamente libero)

LA gente è poca e quelle poche che ci sono stanno per andarsene.
Io penso. Wow. Che culo. Il nostro primo bagno e se siamo fortunati arriva pure uno tzunami.
Ma noi imperterriti apriamo gli zaini ed estraiamo gli asciugamani, ma fa troppo freddo. Ci stediamo con tutti i vestiti.

Da notare quella "cosa in rosso". Non è ET è una signora che aveva leggermente freddo. Pur di rimanere a prendere il "sole" ha optato per un comodissimo e caldissimo kiway con tanto di cappuccio.
Come potete notare gli irriducibili non eravamo solo io e l'amore mio, ma anche altra gente e tra questi spiaccavano questi due simpatici ragazzi. 

Avrei voluto tanto fare un bagno rinfrescante, ma ho preferito rimandare questa grande occasione ad altro giorno. E poi a mare c'era troppa gente. Non spaevo dove tuffarmi.

Troppa gente, veramente troppa. non c'era spazio anche per me.
Ma vabbè, vista la situazione decido di andare a fare la pipì al bar. E cosa devo leggere attaccato alla porta del bagno?

"E' vietato lavarsi i piedi dentro il bagno"? Sono rimasto sconvolto. Evidentemente è stato trovato qualcuno che si lavava i piedi dentro il water... io sono una persona di larghe vedute e quindi mi sento di dire che ognuno è libero di lavarsi i piedi dove crede... ma proprio dentro la tazza del cesso NO! Che schifo. Specialmente questa dove sono andato io. Più sporca dei bagni di Termini (che poi sono puliti). Mi sono anche guardato in giro. Mi son detto evidentemente deve esserci un tubo per l'acqua, forse il cartello si riferiva a questo, cioè vietato lavarsi i piedi con il tubo dell'acuqa dentro il bagno. No! Il tubo non c'era! Poi ho notato un lavandino. Sapete quello con lo specchio dove ci si lava le mani dopo aver fatto pipì. Evidentemente il cartello a quello si riferiva... ma no. Il lavandino è troppo alto. Anche un uomo di due metri non riuscirebbe a ficcarci il piede...
Alla fine ho dovuto constatare che il cartello si riferiva proprio alla tazza del cesso....
Scoperto questo ho deciso di fare armi e bagagli e andarmene.
Ciao OSTIA!

Ma per dovere di cronaca devo dire che io e l'amore mio siamo stati benissimo. Nonostante il freddo polare, il vento, il bar del lido CHE NON AVEVA NULLA DA VENDERTI SE NON IL CAFFE', le cinesine che ogni 5 minuti passavano a chiederci se volevi un messaggio (sembrava ci fosse un'invasione di massaggiatrici cinesi. Erano tutte uguali. Le riconoscevi solo dal cappello di paglia diverso), venditori ambulanti che ti vendevano di tutto. Dagli asciugamani, agli occhiali, dai pantaloni agli incensi... Mancava solo l'onda anomala e tutto era perfetto.
E pensare che l amore mio si era portato pure la protezione solare 40!!! Con quel freddo ci voleva la pelliccia di Visone, altro che crema solare!
Ma a parte questo devo dire
GRAZIE amore MIO per QUESTO splendido POMERIGGIO.
CULTURA
23 maggio 2008
Il gioco del criceto e le labbra della Mussolini a casa di B.
 Per chi ancora non lo sapesse questi siamo Io, L'amore mio, V e B


Come precedentemente detto ieri io V e l'Amore mio siamo stati ospiti di B. Siamo arrivati da B con circa 30 minuti di ritardo. Erano le 21 passate quando abbiamo bussato al citofono.
La tavola era già imbandita. Io ero affamato e non vedevo l'ora che si aprissero le danze.
Per fortuna B ci chiede quasi subito se vogliamo già mangiare. Io senza aspettare che glialtri rispondessero accendo la mia risposta: "Sì, ora, adesso"!

Primo Piatto: insalata di riso (uno dei miei piatti preferiti)
Secondo Piatto : Tortino rustico con wursterl e zucchine (ottimo)
Bevande: Coca cola, acqua, e prosecco (omaggio di V)
Frutta: Fragole

Dessert: Mignon (omaggio mio e dell'amore mio)

 Tra una chiacciera e una risata, una battuta e una cazzata la nostra cena è stata allietata da "Anno Zero".
La cosa che però più ci ha scosso sono stati i labbroni della Mussolini. Eravamo terrorizzati. Pensavamo che da un momento all'altro potessero uscire dalla TV e fagocitarci tutti.




Finita la cena è finito anche "Anno Zero" e con esso anche la paura che le mostruose fauci della Alessandra, tetta facile, Mussolini, potessro ingoiarci vivi.
Tetta Facile? Perche? Vedere per credere.
 Questa foto è stata appositamente tagliata da me. Per la versione originale clicca
qui.

Dopo cena ci siamo dedicati una bella sigaretta. Assolutamente fuori il balcone. B non fuma!


Paghi della nostra bella sigaretta abbiamo deciso di dedicarci a qualcosa di CULTURALE ed estremamente impegnativo: Giocare al "Gioco Del Criceto" una variante del Gioco della Carfagna, oops dell'Oca!


Io sono il criceto giallo e modestamente parlando HO VINTO!!!! Non potete immaginare neanche lontanamente quanto sia stato stressante e difficile arrivare al traguardo. Ho rischiato parecchio.
Ma non contenti ci siamo voluti provare in un altro gioco: "Salti in mente". Dico solo che ho riso per tutta la partita.
Stanchi, devastati e distrutti per tali impegni culturali io V e l'amore mio ci siamo congedati.
Ed è così che le nostre strade si dividono, ma solo momentaneamente!

Ciao miei cari e dolci amici.

vita familiare
12 maggio 2008
My beautiful Family
Sono oggi ritornato in quel di Roma dopo un viaggio abbastanza estenuante. Sono stato a Napoli dalla mia bellissima faliglia.
Sono arrivato a casa venerdì 9 Maggio. Alla stazione c'era ad aspettarmi la mia dolce mamma. Abbiamo preso assieme l'autobus. E' sempre emozionante riabbracciarla. A casa c'era anche la mia cuginetta C. che vive a Berlino, ma che era in vacanza a Napoli, ospite da noi.
Abbiamo oradinato una bella pizza. La pizza di Napoli è la pizza con la P Maiuscola!!!! Gnam gnam.. Verso le 23-30 sono arrivati, a sorpresa, i miei 3 cugini. Siamo rimasti assieme fino all'una di notte circa, quando loro si sono congedati.
Sabato 10 Maggio la mia dolce mamma mi sveglia presto così che possiamo andare a mare con C, zia P e zia G. Logicamente mi sono ustionato il viso. Ancora mi brucia un pò.
Il pomeriggio io la mia mamma e C siamo andati a Via Chiaia a fare un pò di shopping. Ho comperato un bel paio di scarpe. Ci volevano proprio. La sera stanchi e distrutti tutti e tre (io, mamma e C.) abbiamo visto Saw II e Saw III.
Domenica 11 Maggio la mattina sveglia presto. Accompagno mamma a fare la spesa. Pomeriggio un pò di cazzeggio a casa e la sera con zio R (papà di C.) mamma ed io siamo andati a casa di E. la mia cuginetta. Abbiamo cenato tutti assieme allegramente. Sul tardi è arrivato anche M. il marito di E. A casa mi sono addormentato quasi subito. Ero stanchissimo.
Lunedì 11 Maggio. Sveglia presto. Esco con mamma per andare a fare delle commissioni. Dopo aver pranzato divinamente facciamo inseme la valiggia e verso le 15 ci dirigiamo verso la stazione centrale. Alle 16 e 48 ho il treno. Sul treno mi ricongiunerò anche con l'amore mio.

Sono da poco a Roma e già mi manca tutta la mia famiglia. Specilmente mamma.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. mamma io amore mio c zia p zia g zio r e m

permalink | inviato da neutronik80 il 12/5/2008 alle 21:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
vita familiare
3 maggio 2008
My love and me: desperate housewives
 
Abbiamo fatto la spesa! un salasso. Meno male che esiste il TUO, mitico discount. Meno male che esiste LA SAPONERIA. Negozio di detersivi:)
Ecco cosa io e l'amore mio abbiamo comperato

Dal TUO:

  1. Spugna da Bagno
  2. Asciuga tutto 4 rotoli
  3. Passata di pomodoro Brik (1 kg)
  4. 4 Mozzarelle da (125 gr)
  5. Latte Uht ps (1 Litro)
  6. 2 Baguettes
  7. 3 deodoranti per wc (quelli che fanno l'acqua blu)
  8. Pesto fresco
  9. Biscotti al cacao (200 gr)
  10. Mele Golden
  11. Zuppa assortita (1 L)
  12. Arachidi salate (200 gr)
  13. Patatine (200 gr)
    TOTALE--> 12,38 €



Da LA SAPONERIA

  1.   Mentadent rosa
  2. Lysoform Casa Greggio
  3. Schiuma da barba Gillett
  4. Balsamo ultra dolce Garnier
  5. Shampoo Fructis Fresh
  6. General lavatrice (3 l)
  7. Smac sgrassante per pavimenti
  8. Svelto gel attivo per piatti
  9. Deodorante Felce azzurra
    TOTALE --> 19.35 €

Da salumeria sotto casa detta "L'IMBROGLIONA"

Coca Cola BIPACK  2,95€

Totale del totale -->   33,68€
dei conti non è tanto se si considera il fatto che è da dividere per due!!!

Nel frattempo che scrivevo è entrata in camera UNA SUPER VESPA morente... La mia gattina voleva giocarci, ma l'amore mio l'ha sapentemente cacciata via!

vita familiare
22 aprile 2008
Ho festeggiato i NATALI di roma all' IKEA

 
Sono appena tornato da un faticosissimo tour de force passato tra mobili, poltroncine, bagni, wc, schiaccia tisane, piatti  e tende, scrivanie e scopini del wc, camere matrimoniali e porta cd... insomma sonoa appena ritornato dall' IKEA. Oggi la nota marca svedese ha festeggiato i natali di Roma rimanendo aperta fino alle 24.00 e offrendo sconti a tutti i possessori dell'Ikea Family. Una tesserina che dava diritto al 15% di sconto su tutti gli oggetti.
A questo lieto evento abbiamo partecipato IO, L'AMROE MIO, B.... e altre 3000 persone. Gente che veniva, gente che andava, bambini scomparsi e genitori che facevano  finta di non sentire gli altoparlanti che imperterriti gridavano "la signora e il signor X sono pregati di venire a ritirare i propri figli allo small-land" (che ancora devo capire cosa diavolo sia), persone con i carrellini pieni di roba, donne con il metro alla mano e mariti con matita targata Ikea che cercavano di misurare mobili e scaffali... In tutto questo caos c'eravamo anche noi. Carrellino e busta Ikea, matita, anzi matite (non so neanche io quante ne ho prese). Giravamo come dei pazzi tra i vari reparti. Ora provavavamo questa sedia, ora questo divano, poi passavamo a visitare "come vivere in 40 mq", poi ci aggiravamo tra gli scaffali dei barattoli e delle candele come pazzi, poi ci disperavamo perchè tra così tanta bella roba noi poveri disgraziati non avremo potuto comperare nulla. La casa ancora non l'abbiamo. (meno male che l'ici, il cavaliere, ce lo farà saltare!)
Alla fine decisi, optiamo per comperare 4 tovagliette all'americana, quelle che dovrebbero essere utilizzate come tovaglie. C'erano di tutti i tipi, rotonde, di paglia intrecciata, quadrate, spesse o dure, morbide o semi-rigide, ma come servivano a noi NO! Pazienza, le compreremo al negozio a tutto 50 eruo-cent! Bypassate le tovagleitte abbiamo optato per una padella antiaderente, un esfoliante e due ombrelli arancioni by Ikea, delle bavette da regalare al nipotino dell'amore mio, il rullo togli peli (dai vestiti, che sia chiaro) e.... credo basta!!! No!!! Dimenticavo... come posso dimenticare della mitica saliera e pepiera. Elemento chiave della mia, anzi, nostra vita!
B, invece ha preferito comperare una padella per grigliare (che poi voleva scambiare con una ragazza con una pianta di edera), il famoso pacco di 100 candele bianche ed altre cose...
Tra una corsia e l'altra abbiamo anche pranzato. Abbiamo preso dei tranci di pizza e coca cola. Niente di particolare.
Prima di arrivare alle fatidiche casse abbiamo camminato per circa 3 ore. Ore passate a ridere. Ridevo come non mai. Le battute di B sono davvero esilaranti. Era davvero tanto tempo che non ridevo fino alle lacrime. Il bello arriva alle casse. Fila lunghissima, cassiere lentissimo. B ha intavolato una discussione con una signora. Parlavano dell'edera. Questa povera piantina è stata l'oggetto della discussione di una coppia di signori, che erano indecisi se comperarla o meno. Per questa loro indecisione hanno bloccato una fila intera. Durante la fila c'era, per giunta, la piacevolissima voce del megafono che ogni 5 minuti ricordava che l'Ikea stava per chiudere e che il bar avrebbe chiuso anche prima. "Sigori e signore, vi ricordo che tra 15 minuti il bar chiuderà.." Questa annuncio è stato ripetuto ogni 5 minuti. Per alleviere noi poveri disgraziati Ikea ha pensato bene di far annunciare anche questo "signori e signori Ikea chiuderà tra circa 30 minuti." Anche questo messaggio è stato ripetutto in continuazione. All'incirca ogni 5 minuti. Ma non finisce qui. (tranquilli, non sono il fantasma di Corrado) il mio caro megafono per tutta la durata della fila, a fasi alterne, annunciava "Ci scusiamo con la gentile clientela, ma i pagamenti con bancomat e carta di credito sono RALLENTATI". La gente, noi compresi, era impanicata. Persone che avevano acquistato cose per svariate centinaia di euro non sapevano come poterle pagare... C'è chi ha optato per lasciare tutto e andarsene e chi come noi ha deciso ugualmente di fare la fila e vedere quanto effettivamente questi pagamenti con bancomat o carta di credito erano rallentati. A noi è andato tutto bene. Abbiamo pagato subito. Nessun problema. Siamo salvi. Possiamo ritornare a casa. Ma Durante le 3 ore passate ad Ikea Roma ha deciso di allagarsi. Una pioggia torrenziale ha allagato mezza Roma, trasformandola nella Venezia dei poveri.
Come sono stanco! Sono a casa!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Io amore mio b ikea ikea family Venezia

permalink | inviato da neutronik80 il 22/4/2008 alle 0:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
vita familiare
20 aprile 2008
Teatro, Mc Donald's, Manifestazione contro intolleranza, Gelato a San Lorenzo: bella serata!
Eccomi di ritorno da una "faticosa" serata. Faticosa perchè mi hanno fatto camminare un pò troppo per i miei gusti, ma n'è valsa la pena!
Io, l'amore mio, B. e V. abbiamo passato una bella ed intensa serata tutti assieme. B. puntualissimo arriva a casa nostra, dopo qualche chiacchiera qualche spruzzata di profumo, pipì e spazzolata ai capelli ci dirigiamo alla macchina. Parcheggiamo in Via Cesare De Lollis e prendiamo il 71, l'autobus. Scendiamo a Via Milano. Scendiamo alla fermata sbagliata perchè l'amore mio non si è fidato di me. E' ancora troppo presto e allora decidiamo di fermarci ad un caffè. Prendiamo un cappuccino, un acquario e un caffè7,50€ Un furto. Forse è stato il servizio a tavolo ci è costato troppo.
Poco dopo ci raggiunge anche V. ci fumiamo una sigaretta prima di entrare a teatro. Lo spettacolo, TROIA'S DISCOUNT comincia. Se d'apprima ero scettico alla fine dell'ora e mezza ero quasi dispiaciuto che lo spettacolo fosse finito. 
Usciti dal teatro, soddisfatti ci diriggiamo A PIEDI verso Piazza Della Repubblica per andare a mangiare dal Mc'Donald's. Io prendo un "crispy mc bacon" menù. V. lo stesso, l'amore mio prende Mc chicken menù e B. un  "doppio cheeseburger". Sazi, sazi ci dirigiamo verso la Stazione Termini dove prendiamo la Metro B. Scendiamo a Colosseo. Arriviamo al "Coming Out" dove il Comizio CONTRO LE INTOLLERANZE E L'OMOFOBIA INTOLLERATA E INCOTROLLATA è quasi finito, anzi è appena finito. Salutiamo un pò di gente e io faccio una fila di almeno 15 minuti per andare a fare la pipì. Dopo un pò io, l'amore mio e B. prendiamo l'11 notturno e scendiamo a Piazzale Del Verano. V. è rimasto, invece al "coming out".
Nel frattemo noi decidiamo di andarci a prendere un bel gelatone al Red Ice. io prendo nutella, kidenr cereali e bana. Costo 2€. L'amore mio, nutella, amarena e cioccolatto fondente. B, invece, nutella, kinder cereali e panna. Dopo l'abbuffata finale ritorniamo in via Cesare De Lollis a prendere la macchina. Accompagnamo B a casa e anche noi ci dirigiamo a casa, con la fortuna di trovare posto proprio sotto il portone. Che culo.
In definitiva devo dire che ho passato una bellissima serata con i miei amici di sempre. Vi voglio bene!
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

 

 

 





banner200x175













Ultimo Film Visto: 
     
          
                Voto 4


Il Libro Che Sto Leggendo




Ultimo libro letto



La serie tv che sto guardando




Ultima serie tv vista: LA TATA 

          VOTO 10






Prima di tutti vennero a prendere gli zingari e fui contento perchè rubacchiavano.
Poi vennero a prendere gli ebrei e stetti zitto perchè mi stavano antipatici.
Poi vennero a prendere i comunisti ed io non dissi niente perchè non ero comunista.
Un giorno vennero a prendermi e non c'era rimasto nessuno a protestare
 
Bertold Brecht

 

 











Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha responsabilità per quanto riguarda i siti cui è possibile accedere tramite i collegamenti interni al sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Il fatto che il blog offra questi collegamenti non ne implica l'approvazione, sulla cui qualità , contenuti e grafica l'autore declinapertanto qualsiasi responsabilità, così come declina responsabilità di qualsiasi tipo sui commenti inerenti ai post. Inoltre questo sito contiene, tra le altre cose, immagini di nudi. La sua visione, quindi, è consigliata ad un pubblico maggiorenne. 

 


Poor is the man whose pleasures depend on the permission of another




IL CANNOCCHIALE