.
Annunci online

rossoshocking
dove tutto è famiglia
POLITICA
18 agosto 2008
L'italia di Berlusconi: "Gay nei forni subito"
 
Dopo aver appreso che un ragazzo africano è stato picchiato ed offeso a Genova, non posso stupirmi se a Roma, in Via San Giovanni in Laterano, (la gay street della Capitale) alcune persone (se persone possono essere definite) hanno scritto "Gay nei forni subito"   "via i froci dal quartiere". E' più che "normale" se episodi del genere si manifestano in una città il cui sindaco è un ex lanciatore di molotv fascista fino ai capelli e che si trova in accordo con le politiche razziste ed omofobe di una valletta messa come Ministro per le Pari Opportunità, che ha come unico merito ha quello di aver fatto vedere la sua vagina nel programma di Gianfranco Magalli e mostrato tette e culo in un calendario sexy di serie Z! Parlo dell'indegna Mara Carfagna, la cui dubbia capacità ha portato a negare il patrocinio al Gay Pride di quest'anno. 
Le scritte, di chiaro stampo omofobo e razzista, sono state ritrovate su una panchina adiacente ad una gelateria gestita da una coppia omosessuale!
Fabrizio Marrazzo, presidente dell'arcigay, così commenta il fatto:
"
queste scritte 'indicano come la strumentalizzazione politica della strada alimenti l'odio verso lesbiche, gay e trans, che non proviene dai residenti, che si sono anche espressi in modo favorevole alla pedonalizzazione della via; la negazione comporta solo una contrapposizione ideologica senza dare nessun vantaggio ne' ai residenti che vedono la strada affollata e con il pieno caos creato dalle macchine che cercano di passare e ne' alla comunita' gay costretta a destreggiarsi tra le macchine.
La mancata pedonalizzazione, non consente di attuare le attivita' culturali, come mostre o incontri, che potrebbero permettere il dialogo con la citta' e contrastare l'omofobia, per tali motivi speriamo che l'amministrazione decida di pedonalizzare tale tratto di strada, come avviene in tutte le capitali europee e non solo"

Ma non dobbiamo preoccuparci, è  tutto normale! Questa è l'italietta dei berlusconiani, l'Italia della gentarella che si è lasciata abbindolare da un uomo vecchio e malconcio che con i soldi e il potere crede di poter fare di tutto...

Prima di tutti vennero a prendere gli zingari e fui contento perchè rubacchiavano.
Poi vennero a prendere gli ebrei e stetti zitto perchè mi stavano antipatici.
Poi vennero a prendere i comunisti ed io non dissi niente perchè non ero comunista.
Un giorno vennero a prendermi e non c'era rimasto nessuno a protestare
 
Bertold Brecht
POLITICA
24 aprile 2008
Fini, Berlusconi e Alemanno: Che brutta fine! Povera Italia



Povera Italia! Che brutta fine!!! Siamo nelle mani di gente che pensa solo ed esclusivamente ai loro interessi. Gente che più che far politica sembrano fare televisione. Sembrano valletti e vallette pronti a tutto pur di sfondare! CHE VERGOGNA!
Allora, Gianfranco Fini ieri se ne andava in giro a BOCCEA a chiedere permessi di soggiorno agli IMMIGRATI E LORO, più stupidi che mai gli rispondevano pure! Col CAZZO che io gli  mostravo il mio permesso di soggiorno!!!! MA non ho capito sto Gianfranco Fini, chi si crederebbe di essere????
Alemanno, invece, sta facendo la sua campagna ellettorale (domenica ci sarà il ballottaggio a Roma tra lui e Rutelli) basandola sulla PAURA DELL'IMMIGRATO, DEL ROM O DEL RUMENO. Ogni scusa è buona per additarli come stupratori, assassini, persone senza cuore e senza permesso di soggiorno che vengono in Italia a stuprare ed uccidere i nostri cari!!! Pare che solo loro commettono certi tipi di violenze!!! RAZZISTA FASCISTA! <<Espelleremo circa 20 mila immigrati>> Oltremodo il nazista Alemanno si è facilmente innamorato di Storace tanto da esser felice del suo appoggio, ma come dice Rutelli <<Non è un grande guadagno per Alemanno avere questa alleanza, perché Storace, nei cinque anni che ha governato la Regione Lazio, non ha lasciato rimpianti ma un pò di inchieste giudiziarie aperte>>
E Berlusconi in tutto ciò cosa fa??? Vabbè a parte essere la Moira Orfei/Cher della politica italiana a quanto leggo su alcuni blog (http://www.spetteguless.blogspot.com/) Silviuccio ha dichiarto all' UE che è più importante occuparsi dei TRASPORTI, piuttosto che dei diritti degli OMOSESSUALI!!!!
BASTARDO!!!!! MI AUGURO CHE TUTTI I TUOI FIGLI DIVENTINO GAY E LESBICHE!!!!

POLITICA
15 aprile 2008
ITALIANI: POPOLO DI MERDA VOTA BERLUSCONI E FA SPARIRE BERTINOTTI! DOPO 62 ANNI SPARISCE LA SINISTRA IN ITALIA!
Ecco! Ieri ho avuto la conferma che siamo un popolo di merda. Un popolo masochista! STO INCAZZATO NERO per quello che è successo. Sto incazzato nero con gli elettori, ma soprattutto CON VALTER WELTRONI e quella cazzata mostruosa del PD. NON SOLO ha letteralmente scippato voti alla Sinistra Arcobaleno (che non esiste più) MA ha fatto stravincere IL PDL.
VINCE L'ITALIA FASCISTA!!!

PER TUTTI I CITTADINI DEL SUD ITALIA CHE HANNO VOTATO PDL E
che adesso vi ritrovate senatori, deputati e ministri della LEGA non lamentatevi si poi vi chiamano TERRONI e proporranno politiche che PENALIZZERANNO IL SUD A FAVORE DEL NORD.

NAPOLETANI che avete votato BERLUSCONI ricordatevi che se siete nella MUNNEZZA è colpa del CAVALIERE e del suo decreto del 2003 bocciato dalla COMUNITA' EUROPEA!!!

GAY DI DESTRA non lamentatevi se adesso leggi a favore delle convivenze anche per omosessuali non verranno approvate. Anzi temete il peggio... con questo governo non mi meraviglierei se venissero fatte leggi razziali
CONTRO gli OMOSESSUALI, GLI ZINGARI, GLI EMMIGRATI....

VOI CHE SIETE POVERI, SENZA CASA O AUTO e che avete votato PDL ben vi sta se a breve vi ritroverete in mezzo ad una strada costretti a fare straordinari su straordinari per guadagnare qualche eruo/centr in più al mese. BEN VI STA! Dovrete gioire, però, che chi ha case o macchine
non pagherà più l'ICI o il BOLLO AUTO!!

STUDENTI di destra adesso vedrete come aumenterà il costo dello studio... vi faranno CAGARE IN MANO!!! BEN vi STA!!!!

SIAMO UN POPOLO DI MERDA.... E CI MERITIAMO SOLO CHE QUESTI 4 FASCISTI AL GOVERNO....
PREVEDO UN PERIODO DISASTROSO!!!!


QUANTO ALLA SINISTRA ARCOBALENO: è la prima volta dalla costituente che in italia non ci saranno rappresentanti della sinistra al governo. Nessuno più che lotterà per le cause del popolo, per i più deboli, per gli emarginati, per i disabili, per i gay, per le etnie religiose diverse, per i roma e per tutte le minoranze socio-cultural-politiche.
Nennuno più che lotterà affinchè in Italia possa vincere una politica ecologica o sociale. Nessuno più che si preoccuperà del WELFARE nessuno più che teneterà di ostruire
IL CONFLITTO DI INTERESSI....

SIAMO NELLA MERDA!!!!
ABBIAMO UN GOVERNO FASCISTA!!! SIAMO RITORNATI ALL'ITALIA DI MUSSOLINI E DI HITLER!!!
POLITICA
8 marzo 2008
BERLUSCONI: no allle donne; FINI: no ai Neri (Obama). Politici ed età media
 
Berlusconi offende le donne nel giorno della loro festa. Segno che il cavalier sta davvero perdendo la testa, oltre che i capelli.

Ecco quanto il cavalier moderno dice all'apertura della sua campagna elettorale:
"Abbiamo voluto inserire il 30% dell'altra metà del cielo. Per arrivare al 50% forse l'Italia non è ancora pronta, ma io credo siamo già sulla buona strada". Lo ha detto il candidato premier del Pdl Silvio Berlusconi, aprendo la manifestazione elettorale al Palalido di Milano. "I giornali - ha spiegato - si sono scatenati inventando candidature che non esistono, tutte quelle pubblicate sui giornali semplicemente sono fasulle. E quando abbiamo deciso di ospitare nelle nostre liste il 30% di quella parte dell'Italia che oggi festeggia la sua festa, l'altra metà del cielo - ha aggiunto Berlusconi - si scatena subito la corsa a guardare nel passato e poi addirittura le fidanzate di Gianfranco, le fidanzate mie... Noi siamo un po' superman, diciamolo chiaro, da quel punto di vista",

Bisonga dire proprio che è un SIGNOR CAVALIERE. Incommentabile quanto detto. Neanche nelle campagne dell'estremo sud a sud del mondo si sentono dire certe cose. Questa affermazione la ritengo offensiva non solo per le donne ma per tutte quelle persone dotate di cervello che si sono resi conto di non essere più nel 1700, ma nel 2008. Discorso davvero pericoloso.

se hai il coraggio clicca e ingrandisci Il FASCISTONE - SESSISTA - RAZZISTA - OMOFOBO - DIVORZIATO Gianfranco Fini, oggi a Tv7 ha avuto il coraggio di dire: "Non credo che gli Stati Uniti siano pronti per Obama che sarebbe il primo presidente nero". Io penso che questa sia una gaffe che può avere gravi conseguenze nei nostri rapporti con gli Stati Uniti».

Allora mi chiedo, molto candidamente, ma se in politica escludiamo le DONNE perche se son troppe è pericoloso, i GAY perche minano l'istituto famiglia, I GIOVANI, perchè son troppo giovani ed inesperti, i TRANSESSUALI perchè producono prblemi per le file dei bagni, i NERI perchè son neri e non BIANCHI, chi rimane??? La solita VECCHIA - nel vero senso della parola - CASTA di politici corrotti che si appoggiano vicendevolmente in un gioco in cui gli unici perdenti siamo noi cittadini.

LA CASTA :

Analizzando 27 tra i più famosi deputati italiani  ci si rende conto che hanno in media 62 anni.
Terrificante.
  1. Silvio Berlusconi --> 1936
  2. Rosy Bindi --> 1953 (ammazza come se li porta male)
  3. Paolo Bonaiuto --> 1940
  4. Emma Bonino --> 1948
  5. Enrico Boselli --> 1957 (ammazza come se li porta male)
  6. Umberto Bossi --> 1941
  7. Fausto Bertinotti  --> 1940
  8. Giuliano Amato --> 1938
  9. Pierferdinando Casini --> 1955
  10. Lorenzo Cesa --> 1952
  11. Paolo Cirino Pomicino -->1939
  12. Massimo D'Alema --> 1949
  13. Ciriaco De Mita --> 1928
  14. Antonio di Pietro --> 1950
  15. Piero Fassino --> 1949
  16. Gianfranco Fini --> 1952
  17. Maurizio Gasparri --> 1956
  18. Franco Grillini --> 1955
  19. Enrico La Loggia --> 1947
  20. Ignazio La Russa --> 1947
  21. Roberto Maroni --> 1955
  22. Gaetano Pecorella --> 1938
  23. Cesare Previti --> 1934
  24. Francesco Rutelli --> 1954
  25. Claudio Scaloja --> 1948
  26. Silvio Sircanan --> 1951
  27. Paolo Bonaiuti --> 1940


 Nel Senato italiano la situazione è ancora più disastora. In media i nostri senatori hanno 69 anni

  1.  Livia Turco --> 1955
  2. Francesco Storace --> 1959
  3. Renato Schifani --> 1950
  4. Giovanni Russo Spena --> 1945
  5. France Rame --> 1929
  6. Sergio Pininfarina --> 1926
  7. Marcello Pera --> 1943
  8. Giorgio Napolitano --> 1925
  9. Giorgio Mele --> 1953
  10. Clemente Mastella --> 1947
  11. Rita Levi Montalcini --> 1909
  12. Paolo Guzzanti --> 1940
  13. Roberto Formigoni --> 1947
  14. Marco Follini --> 1954
  15. Domenico Fisichella --> 1935
  16. Anna Finocchiaro --< 1955
  17. Francesco D'Onofrio --> 1939
  18. Lamberto Dini --> 1931
  19. Marcello Dell'Utri --> 1941
  20. Armando Cossutta --> 1926
  21. Francesco Cossiga --> 1928
  22. Carlo Azeglio Ciambi --> 1920
  23. Roberto Castelli --> 1946
  24. Roberto CAlderoli --> 1956
  25. Rocco Buttiglione --> 1948
  26. Giulio Andreotti --> 1919    
  27. Calogero Mannino --> 1939

Detto questo si deduce che siamo goverani da una banda caotica di 60enni incalliti restii a promuovere politiche innovative e soprattutto adeguate ad un'Italia che sta cambiano. Ma nonostante ciò, questi rimangono ancorati ad idee e valori più che tradizionali oserei dire preistorici che in Italia oltre a non fare più breccia risutlano essere inadeguati. Se è vero, come dice la scienza moderna, che l'anziano è più  restio ad accettare e comprendere l'innovazione ed il cambiamento, io opterei per fare una bella PIAZZA PULITA. Fuori il vecchi dentro il GIOVANE.
Basta con sti politici che oltre ad averci ammuffito le tasche sono loro stessi ad essere ammuffiti.

POLITICA
8 marzo 2008
Luxuria, Mussolini, la tetta, la lettera e ... "meglio fascista che frocio"...
 Come dicevo nel post precedente cercando delle immagini carine di Vladimir Luxuria in "google immagini" mi sono imbattutto in una marea di foto osè di Alessandra Mussolini, quella dalla tetta facile. Ho detto "vuoi vedere che pesco qualche altra foto nuda della Mussolini? Vuoi vedere che oltre la tetta questa ci ha fatto vedere anche il resto?" L'esito della mia ricerca è stato negativo. La foto di Vladimir l'ho trovata, ma ho trovato anche una lettera di una ragazza che ha ben pensato di scrivere alla gentilissima Mussolini e per avere una chiarificazione sulle numerose foto nude che la suddetta gentilissima avrebbe fatto quando era solo una ragazza. La lettera risalirebbe al 9 Marzo 2006 durante la campagna elettorale.
Ecco quanto dice la ragazza nella lettera (testo integrale)

Gentilissima Sig.ra Alessandra Mussolini,

l’altra sera, 9 marzo, Lei, durante la trasmissione televisiva “Porta a Porta”, si è rivolta ad un altro ospite dello Studio, il transgender Vladimir Luxuria, come Lei candidata alle prossime elezioni politiche, e molto chiaramente ha affermato che è meglio essere fascisti, piuttosto che “froci”.

Chi Le scrive non si permetterà di giudicare i Suoi giudizi.

E non si permetterà nemmeno di giudicare le occasioni che Lei sceglie per esternarli, né le modalità espressive, verbali e non, che ritiene di adoperare al riguardo.

Tanto meno si formalizzerà se Lei ha voluto parlare di “froci” anziché di “omosessuali” o “gay” (spero però che un giorno mi chiarirà quale criterio omologo di giudizio unisca queste due categorie, la prima delle quali fa riferimento alle preferenze sessuali, l’altra, invece, a scelte – si spera autonome e consapevoli, non portate da moti inconsci della psiche – ideologiche e politiche: e proprio non capisco cosa c’entrino insieme, per esprimere giudizi comparativi sulle persone).

Chi Le scrive non rivelerà nemmeno la propria identità sessuale: etero, bi, omo, trans: potrebbe avere venti anni ed essere “frocio” – come dice Lei – oppure cinquantadue – o quarantasette, trentanove: faccia Lei – ed essere eterosessuale nonché felicemente sposato da anni e anni, con figli e figli.
Lei e le persone di cui Lei si circonda avete anche – e certamente – tutto il diritto di affermare privatamente e pubblicamente che “omosessuali, transessuali, lesbiche, travestiti” sono un “triste spettacolo” e le loro adunate “l’ennesimo scempio della nostra civiltà”, come leggo in un volantino di Forza Nuova, che protesta perché a Verona “sabato 26 febbraio sfileranno i figli legittimi di questo sistema” (cioè, appunto, “omosessuali, transessuali, lesbiche, travestiti”), intitolando il foglietto di propaganda “L’Italia ha bisogno di figli non di omosessuali” (frase, questa, per la quale però ammetterà – spero – la liceità della contraria affermazione).

Devo tuttavia dirLe che proprio dopo la Sua esternazione su “froci” e “fascisti” ho compiuto un rapido giro su Internet, e, su un motore di ricerca, alla sezione “Immagini”, voce “Alessandra Mussolini”, ho trovato molte immagini di una giovane e bella ragazza che si dice essere Lei (e, in effetti, Le somiglia), ritratta a petto scoperto e il resto non troppo coperto.

Se la persona delle foto non è Lei, Le chiedo subito scusa, e naturalmente mi auguro che Lei provvederà immediatamente alla rimozione del Suo nome dalle immagini in questione, previa doverosa smentita della identità della persona lì ritratta, indebitamente attribuitaLe.

Se invece dovesse trattarsi della Sua persona, mi permetto di dirLe che quelle che ho visto sono fotografie le quali – per intenderci – quando i “fascisti” erano alla guida della Nazione non sarebbero certamente approvate dal Regime; che la morale “fascista”, altrettanto certamente, ancora oggi riprova, giacché tale morale si pone a “salvaguardia della famiglia tradizionale come cellula vitale della società e palestra naturale per l’educazione delle future generazioni nel segno dei principi etici che contraddistinguono un vero popolo”, come scrive il volantino di Forza Nuova di cui Le ho appena detto, in quanto, come invece è scritto nel programma politico di Azione Sociale, “la famiglia fondata sul matrimonio costituisce il nucleo e il pilastro portante della società, in quanto primo sano momento pedagogico e formativo della società”.

Nel mentre mi rimangono impresse le parole che Lei ebbe a pronunciare quale commento ad una famosa sentenza della Suprema Corte in tema di ''maschilismo becero'': «C'è ancora molta strada da fare, anche se è innegabile che la Cassazione ha fatto dei passi in avanti rispetto alla sentenza sui jeans: tuttavia io affermerei il principio che sotto le gonne delle donne, di tutte le donne, non solo quelle elette, non si sbircia e basta!».

Sia ben chiaro: tra i diritti di ogni persona rientra certamente anche quello di spogliarsi, di farsi fotografare spogliata, di autorizzare la pubblica circolazione delle immagini, e – da ultimo, e non per ultimo – di cambiare idee e comportamenti.

Dirò di più: chi Le scrive ha sempre difeso il diritto di dive e divette – o aspiranti tali – a farsi ritrarre in abiti succinti, men che succinti e senza niente addosso.

Né tale diritto viene meno quando, strumentalmente, il ricorso a queste manifestazioni della propria personalità (ed esibizione della propria persona) ha il lucido e consapevole obiettivo di farsi strada nel pur difficilissimo mondo dello spettacolo (ecletticamente inteso), e quindi presuppone un giudizio comparativo tra mezzi e fine, nel quale i valori etici del pudore e della riservatezza della persona, cedono il posto a quello, evidentemente ritenuto più importante, della propria affermazione professionale.

Ma un soggetto politico quale è Lei, che pubblicamente esprime valutazioni di rango morale su profili che attengono alla (mera) identità sessuale delle persone, di altre persone, e nemmeno ai relativi comportamenti, e anzi le pone in negativa comparazione con scelte ideologiche e politiche, che peraltro si richiamano ad esperienze sulle quali il giudizio storico si è pressoché esclusivamente formato in senso negativo, dovrebbe poi fornire chiarimenti: non tanto e non solo sulla coerenza dei propri giudizi con propri comportamenti che, almeno prima facie, sembrano con quelli contrastare, quanto e soprattutto proprio sul fatto di aver espresso un verdetto – negativo – sulle scelte sessuali delle persone (sui froci, per usare le Sue parole) – e nemmeno su loro modi di fare pubblici – in presenza dei propri comportamenti in questione, sia pur pregressi (se è Lei, le immagini che ho visto risalgono certamente a parecchi anni fa).

Comportamenti che adesso, e ora per allora, dovrebbero comunque essere oggetto di pubblico esame e valutazione (così come è stato il giudizio sui “froci”), almeno in adesione al precetto evangelico – che, immagino, Lei predica e attua – “Non giudicate se non volete essere giudicati”.
Posso sperare in una Sua cortese risposta?

Con i migliori saluti di

Chimeraweb

Non so dirvi se la gentilissima quanto finissima e Mussolini abbia mai risposto. Ma pur se lo avesse fatto che poteva dire? LE TETTE SO MIE E ME LE GESTISCO IO?

Ecco alcune delle foto incriminate
Alessandra Mussolini nudaAlessandra Mussolini

Questo, invece, è uno stralcio della trasmissione "Porta a Porta" in cui Mussolini e Vladimir Luxuria si confrontato. Da notare la finezza della signora Mussolini "MEGLIO FASCISTA CHE FROCIO"



Alessandra, ma anche ai tuoi figli fai vedere le tue tette? O questo spettacolo lo riservi solo a pochi?
Alessandra ma quanto sono sfottuti i tuoi figli? Io avrei vergogna ad avere una mamma tettaiola e buzziocona come te!!! Dai ammettilo non sei certo il ritratto della donna di classe.
Alessanda, ma il tuo caro Benito Mussolini cosa avrebbe detto se fossi andata in giro con le tette di fuori?

sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

 

 

 





banner200x175













Ultimo Film Visto: 
     
          
                Voto 4


Il Libro Che Sto Leggendo




Ultimo libro letto



La serie tv che sto guardando




Ultima serie tv vista: LA TATA 

          VOTO 10






Prima di tutti vennero a prendere gli zingari e fui contento perchè rubacchiavano.
Poi vennero a prendere gli ebrei e stetti zitto perchè mi stavano antipatici.
Poi vennero a prendere i comunisti ed io non dissi niente perchè non ero comunista.
Un giorno vennero a prendermi e non c'era rimasto nessuno a protestare
 
Bertold Brecht

 

 











Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha responsabilità per quanto riguarda i siti cui è possibile accedere tramite i collegamenti interni al sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Il fatto che il blog offra questi collegamenti non ne implica l'approvazione, sulla cui qualità , contenuti e grafica l'autore declinapertanto qualsiasi responsabilità, così come declina responsabilità di qualsiasi tipo sui commenti inerenti ai post. Inoltre questo sito contiene, tra le altre cose, immagini di nudi. La sua visione, quindi, è consigliata ad un pubblico maggiorenne. 

 


Poor is the man whose pleasures depend on the permission of another




IL CANNOCCHIALE