.
Annunci online

rossoshocking
dove tutto è famiglia
POLITICA
28 aprile 2008
Già i primi preicolosi e violenti segnali fascisti...
 La targa commemorativa delle vittime delle Fosse Ardeatine è stata fatta a pezzi e sostituita con la scritta: «Il popolo di Ostia inneggia al Duce». L'iscrizione era collocata in piazza della Stazione vecchia ad Ostia, quartiere del litorale di Roma.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. duce fosse ardeatine ostia

permalink | inviato da neutronik80 il 28/4/2008 alle 21:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
SOCIETA'
19 aprile 2008
Arcigay Roma: MANIFESTAZIONE CONTRO TUTTE LE FORME DI INTOLLERANZA
 OGGI SABATO 19 APRILE IN VIA DI SAN GIOVANNI IN LATERANO ALLE ORE 23.00 si terrà una manifestazione promossa dall'Arcigay Roma per combattere contro l'intolleranza e tutte le forme di razzismo che stanno prendendo sempre più piede. L'ultimo episodio risale a qualche giorno fa quando un gruppo di estrema destra al suon di "DUCE, DUCE" ha interrotto le attività del circolo di cultura omosessuale Mario Mieli, mettendo a soqquadro l'ingresso dell'associazione, rovesciando scrivania, estintori, divano, quadri e il materiale informativo dell'Associazione.

Alla manifestazione aderirà anche la ministra Barbara Pollastrini.

Gay e non gay dobbiamo essere in molti. Perchè il problema per ora è circoscritto agli omosessuali, ma in futuro potrebbe estendersi anche ad altre fascie della società o ad altre minoranze od etnie.
IO CI SARO'!
SOCIETA'
18 aprile 2008
Attacco Nazista al Mieli: Dopo la deriva nazi-fascista che ha colpito l'italia il circolo di cultura omosessuale Mario Mieli è stato colpito da un RAID FASCISTA


Non è passato molto tempo da quando sull'italia si è abbatuta la disgrazia del nazi-fascismo guidato da Berlusconi e Bossi e già ci sono i primi attentati alla libertà di espressione. La situazione è peggiorata da quando a Roma si è abbattuta la catastrofe Alemanno. I romani il 27 Aprile saranno richiamati alle urne per scegliere chi vogliono come sindaco, se il nazi-fascista Alemanno o il più moderato Rutelli...
Sulla base di queste premesse il 17 Aprile «un folto gruppo di ragazzi di età compresa tra i 20 e i 25 anni ha fatto irruzione nella sede del Circolo di cultura omosessuale Mario Mieli in via Efeso 2/a, mettendo a soqquadro l'ingresso dell'associazione, rovesciando scrivania, estintori, divano, quadri e il materiale informativo dell'Associazione».
Questo è quanto osservato dal presidente del circolo Rossana Praitano, che ha anche avvertito le forze dell'ordine. Ora sull'accaduto sta indagando la Digos.
Sempre quanto riportato dalla Praitano «i vandali si sono allontanati solo grazie all'intervento dei soci presenti al primo piano dell'Associazione. Mentre andavano via gridavano improperi come froci di merda ed inneggiando al Duce e ai campi di sterminio. Temiamo che questa situazione sia collegata al clima elettorale. Se così fosse ci verrebbe da dire, amareggiati e preoccupati. Il circolo spera che sia stato solo un episodio isolato e non un'azione programmata, una sorta di spedizione pilotata che potrebbe riproporsi in futuro».

REAZIONE DEI FUTURI SINDACI:

ALEMANNO
«Si tratta di un gesto intollerabile - ha affermato - condanno ogni forma di teppismo e esprimo la mia solidarietà al circolo»
 
RUTELLI:  
«Grande fermezza» e una «risposta corale» verso «questo rigurgito fascista, intollerante ed omofobico»Dobbiamo scongiurare che la campagna elettorale sia accompagnata da fatti come questi che sono da relegare nei sotterranei della civiltà».
 
Già da queste due dichiarazioni si intravede il tipo di mentalità e il tipo di concezione politica dei due candidati. Mentre Alemanno suggerisce che questi sono atti di TEPPISMO, Rutelli, a ben vedere, parla di atti di OMOFOBIA INTOLLERANTI.
Io, NON MI SENTO SICURO con Alemanno sindaco. Questo sarebbe capace di inneggiare ai campi di sterminio, alla violenza, al razzismo, al dispotismo, all'intolleranza... NO, NO, ROMA MANDALO A CASA!!!


In risposta a questo attentato alle singole libertà individuali Sabato 19 aprile si svolgerà a Roma una manifestazione contro l'omofobia, dopo la denuncia del raid fascista nella sede. Lo ha annunciato l' Arcigay di Roma, preoccupato per il clima di odio e violenza.

«Negli ultimi mesi stiamo assistendo al dilagare di un preoccupante clima di violenze e di odio che ha tra i principali obiettivi le persone lesbiche, gay e trans. Solo negli ultimi 6 mesi sono accaduti gravi episodi come: le minacce di morte al presidente di Arcigay Roma (dove in in questi giorni gli inquirenti stanno indagando), l'incendio dello storico bar Coming Out cuore della Gay Street (Colosseo), le scritte lesbiche No Grazie al Liceo Aristofane, il divieto di un taxista di far salire un ragazzo gay nel suo taxi, le scritte gay nei forni presso la gay street al Colosseo. Per questo Arcigay Roma, ha indetto una manifestazione contro tutte le forme di intolleranza per sabato 19 Aprile alle 23 a via di San Giovanni in Laterano - Gay Street. La scelta di questa manifestazione si rafforza alla luce del raid squadrista ai danni del circolo Mieli di giovedì 17».

Lo comunica Arcigay Roma. «Quello che è avvenuto ci preoccupa moltissimo. Pensavamo di non dover più assistere a episodi simili e invece l'intolleranza viene alimentata con la complicità di ideologie vecchie ed estremiste. Temiamo che il ballottaggio di domenica prossima possa influire nella pianificazione di ulteriori attacchi», afferma Fabrizio Marrazzo, presidente di Arcigay Roma, «è il motivo per cui scegliamo di manifestare sabato 19, alla gay street luogo simbolico, dove purtroppo sono avvenuti molti episodi di discriminazioni, perché Roma respinga l'inciviltà e l'intolleranza. Purtroppo le dichiarazioni di Alemanno di solidarietà sono tardive, solo un mese fa gli abbiamo inviato un appello dopo l'incendio del Coming Out al Colosseo e non abbiamo ricevuto nessuna risposta ed non ha inserito nulla contro l'omofobia nel suo programma. Non ci bastano le dichiarazioni di solidarietà da Parte della destra, che negli ultimi anni non solo non ha mai dato nessun cenno di solidarietà per tutti gli eventi di discriminazione accaduti ma non ha mai fatto azioni per contrastare l'omofobia».

sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

 

 

 





banner200x175













Ultimo Film Visto: 
     
          
                Voto 4


Il Libro Che Sto Leggendo




Ultimo libro letto



La serie tv che sto guardando




Ultima serie tv vista: LA TATA 

          VOTO 10






Prima di tutti vennero a prendere gli zingari e fui contento perchè rubacchiavano.
Poi vennero a prendere gli ebrei e stetti zitto perchè mi stavano antipatici.
Poi vennero a prendere i comunisti ed io non dissi niente perchè non ero comunista.
Un giorno vennero a prendermi e non c'era rimasto nessuno a protestare
 
Bertold Brecht

 

 











Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha responsabilità per quanto riguarda i siti cui è possibile accedere tramite i collegamenti interni al sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Il fatto che il blog offra questi collegamenti non ne implica l'approvazione, sulla cui qualità , contenuti e grafica l'autore declinapertanto qualsiasi responsabilità, così come declina responsabilità di qualsiasi tipo sui commenti inerenti ai post. Inoltre questo sito contiene, tra le altre cose, immagini di nudi. La sua visione, quindi, è consigliata ad un pubblico maggiorenne. 

 


Poor is the man whose pleasures depend on the permission of another




IL CANNOCCHIALE