.
Annunci online

rossoshocking
dove tutto è famiglia
vita familiare
25 agosto 2008
Trasloco da fare,Attacchi di panico da evitare, valigie da preparare, treni e aerei da prendere....


Mai periodo più incasinato come questo. Mai periodo con sbalzi di umore così acuti. Mai periodo così strano. Se non mi uccide sicuramente mi fortificherà. A breve cambierò casa e questo mi riempie di gioia (ma questa è un'altra storia e ve la racconterò... prima o poi). Domani parto per la Francia e sono felicissimo, ma d'altro canto non sono dell'uomore giusto e questo mi spaventa. Ho pura non solo di rovinarmi il viaggio, ma anche di rovinarlo all'amore mio. Ma dentro di me so che una volta arrivati a destinazione mi divertirò da matti e lascerò tutte queste brutte sensazioni, paure, angoscie a casa...
3 Giorni all'Eurodisney più un soggiorno a Marsiglia sicuramente mi rimetteranno in sesto...
A queste mie ansie e angoscie aggiungiamo anche lo stress del trasloco. sì, perchè entro e non oltre il 15 settembre io e l'amore mio cambieremo casa. Già da adesso, però, stiamo procedendo ad un lento e noiosissimo trasloco. Visto che andremo a vivere a casa con un nostro amico ogni giorno stiamo portando un pò di cose. Ora la libreria, poi uno scatolone pieno di vestiti, poi uno pieno di dvd (io ne ho una marea... forse troppi). Nel frattempo la nostra attuale casa si svuota e ogni ricordo, pensiero viene travolto via da una marea di cose da fare, oggetti da imballare, cose da prendere e portare. Ma devo fare anche la valigia per il viaggio. Cosa metto? So che a Parigi c'è un clima e a Marsiglia un altro. Farà caldo o freddo? Per esperienza personale so che la Francia è abbastnza più fredda dell'Italia. Ma siamo comunque ancora in estate. Che devo fa? la pelliccia (ecologica) la devo portare o no? E poi c'è il problema aereo. Anche se in vita mia ho viaggiato molto e mi son fatto pure più di 13 ore di aereo devo dire che la cosa non mi rallegra affatto. Anzi. Dovrò prendere l'aereo da Parigi a Marsiglia (cosa da poco rispetto alle 13 ore di Roma/Mauritius) ma mi scoccio. E a Parigi come arrivo? Con il treno. Parto domani sera e arrivo domani mattina. Che cosa romantica... Meno male che non è l'Orient Express altrimenti sono certo che ci scpperebbe il morto (vedi Agatha Christie)...
E adesso a meno di 24 ore dalla partenza ho un pò di ansia... che noia, che stress!!!! Dovrei esser  felice come una pasqua ed invece la mia "testa" mi gioca questi brutti scherzi!!! Ma psserà, farò in modo di combatterla questa situazione di MERDA!!! A dire la verità per distrarmi un pò a breve (se l'amore mio smettesse di stare a telefono) dovremo andare a mangiare la pizza e poi al cinema....

 

 Volevo mettere questa foto. Ma alla fine ho optato per quella che avete visto. Quella ad inizio post. Quella dell'Eurodisney. Voglio cominciare ad essere più positivo. Eppure se pur con una semplice foto, voglio farlo da adesso. Probabilmente questa foto rispecchia più il mio stato attuale, ma che cazzo devo partire per andare a divertirmi e voglio cercare di essere il più felice e sereno possibile. E quindi quale foto migliore se non il palazzo incantato dell'Eurodisney? Quale asupicio migliore?  BASTA con questa tristezza e depressione. La vita va affrontata da "combattente" e io cerco di adeguarmi e di combattere affinchè questo mio malessere possa essere distrutto, ucciso e schiacciato. E poi come si dice... chi ben comincia e a metà dell'opera! Adesso vi lascio. Ci vediamo a fine vacanza con tante belle foto e con un resoconto dettagliato di quello che ho fatto e visto.

Ciaoooooooooooooooooo!!!!

vita familiare
22 agosto 2008
Attachi di panico ed ansia... ecco cosa mi succede!!

Sono stanco, non ne posso più. Oramai è più di un mese che combatto contro questo malessere quotidiano. Ho perfino paura di scriverene perchè scriverelo significa ammettere che c'è un problema e a nessuno fa paicere dover ammettere (a se stesso e agli altri) di non essere perfettamente "sano". Circa due anni fa ebbi degli attacchi di panico che, dopo tempo, denaro e qualche pillola della felicità riuscì a curare ed eliminare. Adesso, a distanza di due anni, sono ripiombato nello stesso malore. A differenza di allora sono più cosciente e più sicuro di quello che mi sta capitando. So che non sto morendo, che non mi sta venendo un infarto, un cancro o una delle malattie più brutte e devastanti che esistano in nautra. So che è un qualcosa che nasce dalla mia mente e che deve passare, ma a volte vengo attanagliato da paure angoscianti. Questo mi capita specialmente quando sono solo o quando so che devo fare qualcosa che non mi va di fare o che mi provoca stress.
Sto vivendo in un costante, e peraltro ingiustificato, senso di preoccupazione verso qualsiasi evento o cosa che devo fare o so che dovrò fare.
Ecco cosa provo:

  • Costante inquietudine
  • Insonnia
  • Difficoltà di concentrazione
  • Vertigini
  • Sonnolenza
  • Intorpidimento

A volte (specialmente per il passato) mi è capitato anche di avere delle:

  • Palpitazioni
  • Dolori al torace o senso di malessere
  • Sensazioni di soffocamento
  • Vertigini
  • Tremore
  • Paure legate a certe situazioni
  • Ansia incontrollabile
  • Sensazione di irrealtà
  • Intorpidimento

Tutte cose che ti rendono davvero difficile superare quel momento. Fortunatamente, essendoci già passato due anni fa, riesco tranquillamente  a controllare questi meledettissimi attacchi di panico (che per adesso sono rarissimi), ma resta il fatto che da circa un mese ho un continuo giramento di testa, un senso di intorpidimenti e una strana difficoltà di concentrazione che di certo non mi rende felice. A volte ho addirittura pensato di impazzire o di morire, ma ho avuto la forza di autocontrollarmi e di capire che era solo frutto della mia immaginazione. Adesso sto lavorando affinchè questi fottutissimi giramenti di testa se ne vadano. Non sentendomi bene mi verrebbe voglia di rimanere sempre a casa, magari sdraiato (da steso provo un bellissimo beneficio), ma non voglio assolutamente abbattermi e per quanto posso, voglio provare ad essere il più attivo possibile (anche se mi riesce difficile) così da essere sempre distratto ed indaffarato. Quello che più mi da noia è diventare un peso per le persone che mi stanno attorno. A volte mi capita davvero di essere intrattabile o di poca compagnia. Qaundo tutti vogliono uscire a me va di stare a casa o di non vedere nessuno... Questo, forse, è l'aspetto che più mi pesa di questa situazione. Conoscendomi è raro che opto per rimanere a casa, a volte esco con la morte nel cuore, quando non lo faccio è proprio perchè sto male. Sono sicuro che questo momento passerà, però mi sento in colpa perchè in questo ultimo mese sono stato poco presente e poco affettuoso con le persone che più mi amano. Loro sanno cosa sto passando, ma nessuno potrà mai capire fino in fondo ciò che si prova a vivere con la testa che ti gira 24h su 24. Spero, inoltre, che i miei amici potranno perdonarmi se mi ritroveranno più rincoglionito del solito...

sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

 

 

 





banner200x175













Ultimo Film Visto: 
     
          
                Voto 4


Il Libro Che Sto Leggendo




Ultimo libro letto



La serie tv che sto guardando




Ultima serie tv vista: LA TATA 

          VOTO 10






Prima di tutti vennero a prendere gli zingari e fui contento perchè rubacchiavano.
Poi vennero a prendere gli ebrei e stetti zitto perchè mi stavano antipatici.
Poi vennero a prendere i comunisti ed io non dissi niente perchè non ero comunista.
Un giorno vennero a prendermi e non c'era rimasto nessuno a protestare
 
Bertold Brecht

 

 











Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha responsabilità per quanto riguarda i siti cui è possibile accedere tramite i collegamenti interni al sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Il fatto che il blog offra questi collegamenti non ne implica l'approvazione, sulla cui qualità , contenuti e grafica l'autore declinapertanto qualsiasi responsabilità, così come declina responsabilità di qualsiasi tipo sui commenti inerenti ai post. Inoltre questo sito contiene, tra le altre cose, immagini di nudi. La sua visione, quindi, è consigliata ad un pubblico maggiorenne. 

 


Poor is the man whose pleasures depend on the permission of another




IL CANNOCCHIALE