.
Annunci online

rossoshocking
dove tutto è famiglia
POLITICA
26 maggio 2009
Alemanno assassino di Roma: Questa volta è EMERGENCY a farne le spese


Oggi al cinema Aquila doveva essere presentato il docu-film di Emergency "Domani Torno a Casa". L'evento doveva essere presentato da Vauro. Ma al sindaco Alemanno e all'assessore alla cultura Umberto Croppi la cosa non doveva piacere particolarmente ed infatti, una settimana fa è arrivato un no secco da parte del comune. Il motivo???? un'ipotetica irregolarità sui tempi di richiesta!!!!!!
Il Sindaco Alemanno e l'inetto assessore Umberto Croppi si dicono ignari di quanto accaduto.
"non c'e' nessuna contrarieta' all'utilizzo della sala da parte di Emergency e quindi possiamo solo ripetere che non sappiamo cos'e' successo e che ci dispiace per questo incidente". Ha affermato il povero Alemanno. Lo stesso Croppi ha dichiarato di non saperne nulla, altrimenti sarebbe stato più che felice di concedere il cinema per il documentario sulla guerra in Sudan e Afghanistan.

Beh ma se non le sanno loro ste cose chi le deve sapere??? Pippo e Topolino??? Se l'assessore alla cultura non è informato su eventi del genere allora cosa cazzo fa dalla mattina alla sera??? Si masturba sulla foto di Alemanno????
Tutte scuse. Il documentario non piaceva e quindi i due fascistoni hanno pensato bene di CENSURARLO!!!
Ma per fortuna  c'è Nanni Moretti che venerdì proietterà il documentario nel suo cinema, il Nuovo Sacher.


Il film-documentario "Domani torno a casa" di Fabrizio Lazzaretti e Paolo Santolini, presentato  all’ultima Mostra del cinema di Venezia, è il frutto di due anni di riprese tra il nuovo Centro cardiochirurgico di Khartoum e il Centro chirurgico di Kabul di Emergency. Il film racconta le vicende emblematiche dei due piccoli protagonisti: Yagoub, un quindicenne sudanese colpito da una grave malattia cardiaca, e Murtaza, un afgano di sette anni incappato in una mina. Entrambi, in modi diversi, vittime della guerra
.
vita familiare
25 maggio 2009
Week-end massacrante

 
Comincio a farmi vecchio... gli anni che passano si fanno sentire. Non ho più l'età!!! Venerdì sono andato come al solito a lavoro. La sera, al cinema, a vedere Antichrist (bravissimo Lars Von Trier) Il film è cominciato alle 23.50 ed è terminato verso le 2 di notte. Sabato mattina l'ho dedicata alla pulizia della stanza. Mentre il pomeriggio sono andato a fare shopping con l'amore mio. Gli ho regalato 3 magliette e una camicia. Siamo rientrati verso le 21.00. Doccia  e barba veloce che ci siamo preparati per andare all'Alpheus con i nostri amici. Rientro a casa alle 5.00
Sveglia alle 8.00. Ostia ci aspetta. Preaparati, fai i panini, prendi il costume e ficcati nella metro rovente fino a Piramide. Scendi e prendi il trenino fino alla feramta stella polare. Ci diriggiamo verso la nostra solita, vecchia spiaggia. Ma arrivati ci viene detto che non c'è più posto per gli ombrelloni. Che si fa? Sotto un sole che spaccava le pietre ci incamminiamo e lido per lido chiediamo dove fosse disponibile un ombrellone per 4 poveri disgraziati che volevano godersi una giornata di mare. Solo alle 11.45 troviamo posto. Il lido Plinus ci ospiterà fino alle 17.00 inoltrate. Con poco meno di 3 ore di sonno sulle spalle arrivo a casa verso le 19.00. Siamo tutti sfatti e stravoli (io anche un pò carbonizzato).
Poco dopo mezzanotte ero già nel mio lettino!!!!!

BRUTTA BESTIA LA VECCHIAIA!!!!
vita familiare
25 agosto 2008
Trasloco da fare,Attacchi di panico da evitare, valigie da preparare, treni e aerei da prendere....


Mai periodo più incasinato come questo. Mai periodo con sbalzi di umore così acuti. Mai periodo così strano. Se non mi uccide sicuramente mi fortificherà. A breve cambierò casa e questo mi riempie di gioia (ma questa è un'altra storia e ve la racconterò... prima o poi). Domani parto per la Francia e sono felicissimo, ma d'altro canto non sono dell'uomore giusto e questo mi spaventa. Ho pura non solo di rovinarmi il viaggio, ma anche di rovinarlo all'amore mio. Ma dentro di me so che una volta arrivati a destinazione mi divertirò da matti e lascerò tutte queste brutte sensazioni, paure, angoscie a casa...
3 Giorni all'Eurodisney più un soggiorno a Marsiglia sicuramente mi rimetteranno in sesto...
A queste mie ansie e angoscie aggiungiamo anche lo stress del trasloco. sì, perchè entro e non oltre il 15 settembre io e l'amore mio cambieremo casa. Già da adesso, però, stiamo procedendo ad un lento e noiosissimo trasloco. Visto che andremo a vivere a casa con un nostro amico ogni giorno stiamo portando un pò di cose. Ora la libreria, poi uno scatolone pieno di vestiti, poi uno pieno di dvd (io ne ho una marea... forse troppi). Nel frattempo la nostra attuale casa si svuota e ogni ricordo, pensiero viene travolto via da una marea di cose da fare, oggetti da imballare, cose da prendere e portare. Ma devo fare anche la valigia per il viaggio. Cosa metto? So che a Parigi c'è un clima e a Marsiglia un altro. Farà caldo o freddo? Per esperienza personale so che la Francia è abbastnza più fredda dell'Italia. Ma siamo comunque ancora in estate. Che devo fa? la pelliccia (ecologica) la devo portare o no? E poi c'è il problema aereo. Anche se in vita mia ho viaggiato molto e mi son fatto pure più di 13 ore di aereo devo dire che la cosa non mi rallegra affatto. Anzi. Dovrò prendere l'aereo da Parigi a Marsiglia (cosa da poco rispetto alle 13 ore di Roma/Mauritius) ma mi scoccio. E a Parigi come arrivo? Con il treno. Parto domani sera e arrivo domani mattina. Che cosa romantica... Meno male che non è l'Orient Express altrimenti sono certo che ci scpperebbe il morto (vedi Agatha Christie)...
E adesso a meno di 24 ore dalla partenza ho un pò di ansia... che noia, che stress!!!! Dovrei esser  felice come una pasqua ed invece la mia "testa" mi gioca questi brutti scherzi!!! Ma psserà, farò in modo di combatterla questa situazione di MERDA!!! A dire la verità per distrarmi un pò a breve (se l'amore mio smettesse di stare a telefono) dovremo andare a mangiare la pizza e poi al cinema....

 

 Volevo mettere questa foto. Ma alla fine ho optato per quella che avete visto. Quella ad inizio post. Quella dell'Eurodisney. Voglio cominciare ad essere più positivo. Eppure se pur con una semplice foto, voglio farlo da adesso. Probabilmente questa foto rispecchia più il mio stato attuale, ma che cazzo devo partire per andare a divertirmi e voglio cercare di essere il più felice e sereno possibile. E quindi quale foto migliore se non il palazzo incantato dell'Eurodisney? Quale asupicio migliore?  BASTA con questa tristezza e depressione. La vita va affrontata da "combattente" e io cerco di adeguarmi e di combattere affinchè questo mio malessere possa essere distrutto, ucciso e schiacciato. E poi come si dice... chi ben comincia e a metà dell'opera! Adesso vi lascio. Ci vediamo a fine vacanza con tante belle foto e con un resoconto dettagliato di quello che ho fatto e visto.

Ciaoooooooooooooooooo!!!!

cinema
15 marzo 2008
Improvvisamente l'inverno scorso. Visto in Anteprima


 
Tremate, Tremate il critico è tornato!

Successo strepitoso all'anteprima Romana. Applausi a scena aperta.
un docufilm su una tematica davvero scottante. Divertente, ironica ed estremamente vera.

Un film davvero molto interessante narrato da Veronica Pivetti. I protagonisti della vicenda sono Gustav Hofer e Luca Ragazzi . Sono una coppia omosessuale. Sono assieme da ben 8 anni (lo sono anche nella realtà). Il film, anzi il documentario, narra dello sconcerto della giovane coppia che sgomenta osserva il fallimento delle leggi riguardanti i DICO. L'intero documentario segue i due ragazzi attraverso il loro tentativo di capire perchè la politica e le persone sono così ostili di fronte alle tematiche riguardanti il riconoscimento dei diritti alle coppie di fatto. Numerose le testimonianze di gente comune, associazioni religiose, politici di destra e di sinistra, tra gli altri Rocco Buttiglione, Paola Binetti, Barbara Pollastrini, Franco Grillini, Cesare Salvi. Il risultato è un’immagine poco edificante e alquanto contraddittoria del Belpaese. Il tutto è condito da una sana ironia, una verace semplicità e una vena autocritica davvero interessante. Anche se il documentario ancora non ha trovato una distribuzione sono certo che se ne sentirà parlare.
Al festival di berlino ha riscosso un ottimo riscontro, speriamo che l'Italia non sia così ceca da lasciarsi sfuggire questo delizioso documento che mostra, da una parte tutte le falle del sistema politico italiano e dall'altro da la possibilità a tutti di capire che una coppia omosessuale non è diversa da una coppia eterosessuale. D'altronde l'amore non deve essere ricercato nelle mutande.
Per tutti coloro che ancora non sanno cosa sono i Dico, i Pacs, i Cus e per tutti coloro che vogliono avere una panoramica armonica e completa su quelli che sono i problemi delle coppie omosessuali consiglio vivamente di vedere questo interessante documentario.

I due protagonisti, Luca  e Gustav, (presenti alla proiezione) sono di una simpatia incredibile. Dopo la proiezione del film è seguito un interessante dibattito in cui erano presenti i due protagonisti, l'onorevole Franco Grillini, Cesare Salvi, Vincenzo Vita ed un esponente del Pd di cui mi sfugge il nome.
VOTO 9

DA VEDERE PERCHE? Perchè è un film CORAGGIOSO, un film che parla di gente normale e che si rivolge alla gente normale. Un film che in modo semplice e chiaro getta degli interrogativi su un probelma visto da molti come anormale.
Un film per chi non vuole rimanere intrappolato in un'idea preistorica sulla famiglia, sulla società e sull'amore.

cinema
14 marzo 2008
Sweeney Todd


Tremate, tremate il critico è tornato!

REGIA:Tim Burton realizza una favola nera, interpretata da i magnifici Johnny Deepp ed Helena Bonham Carter (moglie del regista). Tim, abbandona i toni romantici e suggestivi dei suoi precedenti lavori decidendo di colorare di rosso sangue l'intera vicenda. Atmosfere cupe e gotiche, colori smorti, sporcizia e fetidume per un film davvero molto intelligente.
La Londra del film è in antitesi con la Parigi di Moulin Rouge. Se Buz Luhrmann aveva realizzato una città colorta, stilizzata, finta, kitsch, romantica, favolosa e da favola, Burtn si diverte a rendere Londra un luogo spettrale, nero e dai colori scuri. Quello che più colpisce di questo film sono la sceneggiatura e la fotografia. Sono spettacolari, semplicemente perfette.
ATTORI:In alcuni momenti si assiste ad un lavoro di totale perfezione dove Johnny Depp ed Helena Bonham Carter interpretano con maestria ed eleganza la coppia più gotica e surreale della storia del cinema. Helena è magnifica. Il suo incarnato grigio, i capelli arruffati ma sexy, trucco pesante, scollature profonde rendono il suo personaggio un vero capolavoro. Sembra essere uscita da una fiaba dei fratelli Grimm. (il film ricorda molto, la storia di Hansel e Gretel). Cattiva, scontrosa, sensuale, sporca e innamorata. Lei è la vera sorpresa del film. Nessuno poteva interpretare meglio di lei questo personaggio così sfaccettato.
Johnny Depp come al solito riesce bene nei ruoli caricati e ambigui. E' bravissimo e davvero cattivo. Taglia più gole lui che un fattore nella sua fattoria. Unica pecca è che il bravissimo Depp oramai recita sempre lo stesso ruolo. Pur essendo talentuoso rischia di diventare la fotocopia di se stesso.
STORIA: il film è tratto da un famosissimo musical di Brodway e narra la vicenda di Benjamin Barker, accusato ingiustamente di omicidio, viene allontanato dalla moglie e dalla figlia e rinchiuso in prigione. Quando riesce a tornare Londra, vuole a tutti i costi saziare la sua sete di vendetta contro le persone che sono state ingiuste nei suoi confronti, non tanto per la pena che ha dovuto scontare, ma per la sorte che é toccata alla moglie e la figlia. Diventerà così Sweeney Todd, conosciuto come il diabolico barbiere di Fleet Street, e con l'aiuto di Mrs. Lovett, che ha un negozio di torte sotto il suo salone, porterà avanti il suo piano. La storia è avvincente non perde un colpo, la cosa davvero interessante è la violenza. Tanto sangue, sangue a volontà. La scena finale è particolarmente cruenta. Rimarrà sicuramente nella storia del cinmea contemporaneo, da antologia.
DIFETTI: l'unica nota negativa per questo film sono le canzoni. Essendo un musical è davvero un peccato dover sentire canzoni che non "prendono". Sono fredde e distanto dall'atmosfera gotica e nera del film. Sono pezzi degli anni '70 ai più sconosciutie. Un vero peccato.
SCONSIGLIATO: ai deboli di stomaco e soprattutto ai non amanti dei musical. Considerate che le canzoni non sono famose o ritmate. Potreste annoiarvi.
CONSIGLIATO: a tutti colori che amano Burton e Johnny Depp e che hanno voglia di assistere ad uno spettacolo unico ed irripetibile. 

VOTO 8 - 
CULTURA
7 marzo 2008
scarlett johansson: solo flop per l'attrice più sopravvalutata della storia del cinema

                            

Se pur bellissima, la giovane Scarlet non riesce ad ingarrare un film. Colleziona flop su flop. Tutti la venerano, tutti la vogliono, tutti gridano alla diva, ma nessuno guarda i suoi film.  Come mai? Cosa c'è sotto?
Ecco quanto incassano i suoi film. Anche Sharon Stone (la floppona per eccellenza farebbe meglio)

  1. The Other Boleyn Girl $10,007,033
  2. The Nanny Diaries  $25,930,652
  3. The Prestige $53,089,891
  4. The Black Dahlia  $22,545,080
  5. Scoop  $10,525,717
  6. A Good Woman $238,609
  7. Match Point  $23,151,529
  8. The Island  $35,818,913 
  9. A Love Song for Bobby Long $164,308 
  10. In Good Company $45,806,659
  11. The SpongeBob $85,417,988
  12. The Perfect Score$10,391,003
  13. Girl with a Pearl Earring Lions $11,670,971
  14. Lost in Translation $44,585,453
  15. Eight Legged Freaks $17,322,606
  16. The Man Who Wasn't There $7,504,257
  17. An American Rhapsody $850,255
  18. Ghost World $6,217,849
  19. The Horse Whisperer $75,383,563
  20. Home Alone 3 $30,882,515
  21. Fall $51,266
  22. Manny amd Lo $502,313 
  23. If Lucy Fell  $2,420,162
  24. Just Cause $36,853,222
  25. North  $7,182,747 

Scarletta, fino a questo momento ha girato 25 film. 401,706,661 $ è il totale degli incassi di tutti i suoi film. Direi un pò pochino calcolando che solo Star Wars nel lontanto 1977 incassò  460,998,007 $


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. scarlett johansson cinema

permalink | inviato da neutronik80 il 7/3/2008 alle 17:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
cinema
21 febbraio 2008
Irina Palm

 


Tremate, Tremate il critico è tornato!

Ma che bel film!
Finalmente un film intelligente, innovativo e mai banale.
Tutto funziona. Dalla regia agli interpreti. La storia non è mai, o quasi mai scontata. Dialoghi brillanti e atmosfere cupe. Il regista decide di affrontare il tema della malattia infantile in modo lucido e delicato. Affronta le sofferenze a cui vengono sottoposti i familiari dei malati e decide di soffermarsi su cosa si è disposti a fare pur di salvare una vita umana. Specialmente se si tratta di un proprio nipote.
Questo è il plot della storia. Una donna di mezza età (Maggie) che per raccimolare i soldi necessari per le cure mediche del priprio nipote decide di sacrificare la prppria dignità andando a lavorare in un locale di spogliarelliste. Essendo, Maggie, (interpretata magistralmente da Marianne Faithfull) un pò attempata le verrà data la mansione di "masturbatrice". Sì, il suo compito sarà quello di masturbare i clienti che si celano dietro un muro ove vi è un appostio buco per infilare il proprio organo sessuale. L'anonimato è assicurato.
Ottima la prova di Miki Manjlovic, che interpreta il padrone del sexy club. Ora duro, ora volgare, ora dolce e innamorato il grande Miki da spessore ed intensità al suo personaggio.
Il regista (Sam Garbaski) decide di alternare momenti drammatici e momenti più leggeri. Riesce ad affrontare un tema scabroso (quello degli spettacoli sexy) in modo leggero e divertente. Lo fa in modo esplicito ma mai volgare. Non vi sono scene erotiche o porno-soft, non vi sono dialoghi osceni, non vi sono mai cadute di stile. Il tutto è raccontato con una raffinatezza e una semplicità illuminante.
Il tutto è condito da spettacolari performance da parte di Miki Manjlovic e Marianne Faithfull
VOTO: 8
15 febbraio 2008
Parlami D'amore

 
Tremate, tremate il critico è tornato!

Il giorno di San Valentini ho voluto concedere a me e al mio amore una giornata molto zuccherosa decidendo di vedere il nuovo film di Silvio Muccino.
Dico subito che è stata una delusione colossale.
TRAMA: Sasha (Muccino) ragazzo con sindorme di abbandono si lascia tentare dal gioco del poker mentre cerca di capire se è innamorato di una sua coetanea (Carolina Crescentini) o di una donna più matura (Aitana Sanchez Gijon)
REGIA: Muccino (Silvio) regista proprio nò! D'accordo che è alla sua prima esperienza e quindi avrà tempo per rifarsi, ma qui sbaglia proprio tutto, e che diavolo. Atmosfere da telenovela, dialoghi da fumetto adolescenziale, attori mal diretti e tanta tanta pubblicità occulta. Devo dire che, però, è stato molto bravo a scopiazzare un pò le atmosfere dei film americani. Ha ripescato qualche scena sexy (sexy si fa per dire) di "9 Settimane e Mezzo" (povera Kim Basinger) ha ripreso le atmosfere ambigue di "Eyes Wide Shut" (poveri Kidman-Cruise- Kubrik) e un pò ha scopiazzato anche da "Il matrimonio Del Mio Miglior Amico (poveri Roberts e Everet).
Ma la cosa più spiazzante di questa pellicola è la lentezza. Sembra promettere tanto, ma non mantenere nulla. Pretenzioso quanto basta per annoiare. Muccino è cresciuto nel fisico, ma nella recitazione no! Sempre le stesse mossettine e gli stessi gesti.
DIALOGHI: Banali, stupidi e davvero tristi. Frasi tipo "parlami d'amore" o "Ma poi Brucia" sono davvero patetiche. Non ho letto il libro, ma avendo saputo che è stato lui lo sceneggiatore della pellicola eviterò di spendere altri soldi. Nulla aveva senso. Frasi e situazioni ad effetto erano sbattute improvvisamente senza un nesso logico con la stoira.
SILVIO MUCCINO: come attore ripropone se stesso. Non cambia. Sempre uguale. Stessa recitazione per ogni copione, stessa faccia per ogni scena, stesse mosse per ogni film. Peccato!
CAROLINA CRESCENTINI: Mostra qualche tetta, fa la tipa sempre "fatta", quella aggressiva, quella dark, quella ricca... ma in fin dei conti il suo personaggio è solo leggermente accentato. Lei è bravina a fare la parte della ragazza drogata tutta sesso e divertimento, ma non convince.
AITANA SANCHEZ GIJON: Interpreta in modo stereopatico la psicologa di turno, afflitta dal suicidio di un suo ex (anche questa storia è solo minimamente accennata). Frasi fatte, battue scontante e gesti da donna esaurita non aiutano la Aitana a calarsi al meglio nella parte. Devo dire che sicuramente la colpa è del regista e dei dialoghi a dir poco ridicoli. Nonostante l'età risutla però più sexy della sua giovane antagonista (Crescentini)
In definitiva ritengo che questo film possa serenamente essere evitato. Brutto, ma proprio brutto. Noioso e lento, mal recitato e diretto. Solo la colonna sonora si salva. Gli attori sencondari sembrano usciti da un manicomio. A cominciare dal cugino di Sasha fino all'amico ricco della Crescentini, Flavio Parenti. Qui recita il ruolo del cattivo, ma tutto sembra furchè cattivo. Ridicolo il suo personaggio e ridicolo il modo in cui ha deciso di interpretarlo.
VOTO: 2,5

13 febbraio 2008
Questi sono i film che voglio andare a vedere al cinema. Voi cosa vedreste?
Ecco l'elenco dei film che voglio vedere


  1.  La guerra di Charlie Wilson (questo lo vedrò stasera)
  2. Sogni e delitti
  3. La promessa dell'assassino
  4. Irina Palm
  5. Ps I love You
  6. Caos Calmo
  7. Into The Wild

Cosa non vedrei mai???
Asterix alle olimpiadi!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. cinema

permalink | inviato da neutronik80 il 13/2/2008 alle 19:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
cinema
18 dicembre 2007
The Golden Compass (La bussola d'oro)




Tremate, tremate il critico è tornato!

Dunque, ieri ho avuto la spiacevolissima idea di vedere The Golden Compass (La bussola d'oro) la nuova fiaba natalizia.
Da dove comincio...?
Cominciamo dalla TRAMA: storia banale, stereotipata, un mix tra Il signore degli anelli, Harry Potter e Le cornache di Narnia... In più occasioni la storia risulta frammentata e poco chiara. Tutto è lasciato al caso, nulla è spiegato, tutto dato per scontato. Più vicende incrociate, ma mal amalgamate tra loro. La vicenda di Daniel Craig è solo abbozzata segno che è necessario un seguito.
REGIA: il povero regista (Chris Weitz), nonchè sceneggiatore, ha cercato di semplificare troppo il libro mescolando un pò tutto, scopiazzando un pò  quà e un pò là.. I personaggi sono solo abbozzati, l'intricata trama non è spiegata al meglio e nonostante l'utilizzo di molti effetti speciali il film non tiene incollato lo spettatore alla poltrona. Non avvince.
ATTORI: La povera Nicoletta, che anche in questa occasione non ha rinunciato ai suoi Chili di botox e collagene per le labbra, sembra aver perso il suo charme e il suo carisma di attrice.
Presentato come il SUO film, la star è presente in sole poche scene e viene utilizzata dal regista solo per farci ammirare la sua stucchevole bellezza e per farci dire "wow, ma come è ben vestita! Che bei capelli, che bella donna!". Insomma è utilizzata come merso strumento per attirare le masse.
ATTORI: Daniel Graig... No Comment. Fa solo un piccolo cammeo. Si vede all'inizio, ma poi il regista si dimentica di lui e c'è lo fa vedere solo alla fine per qualche minuto.
ATTORI: Eva Green è l'unica sorpresa del film, anche se fa una piccola parte, riesce con il suo carisma e la sua bravura a dare quel tocco in più al film
ATTORI: la piccola (12 anni) 
Dakota Blue Richards, non copisce. E' lei la protagonista assoluta del film, ma purtroppo la sua recitazione è molto fredda e non da calore al film.
GIUDIZIO: filmetto natalizio travestito da kolossal. Delusione. Si può non vedere
7 dicembre 2007
Cosa Facciamo?

Allora, per chi volesse spendere un pò di soldini nella Capitale...

Qube -  si festeggiano i 17 anni di Mucca Assassina storica serata danzante all'insegna della Trasgressione del Divertimento e.... scopritelo voi!!!
Costo 15 € con consumazione.
indirizzo: Via di Portonaccio 212.


Ristorante Napolitano's  - Ristorante Italo/Americano dalla cucina napoletana. Potrete assaggiare la vera pizza di Napoli con una vastissima e ricchissima scelta di antipasti da PAURA!!! Il tutto arredato in stile americano anni 30.
Buono economico e bello.
Indirizzo: Viale Regina Margherita n. 72. All'angolo di Piazza Quadrata 

Cinema -  Ecco cosa è uscito di nuovo:
Come D'Incanto (Favola Natalizia)
Hitman - L'assassino (Tratto dall'omonimo videogioco)
L'età Barbarica (Seguito de Le Invasioni Barbariche)
Paranoid Park (dal regista di Elephant. Da VEDERE)
Triplice Inganno (poliziesco)

Coming Out - Per tutti coloro che amano il modno gay- gayFriendly. Come ogni giorno anche stasera è aperto il Pub Gay più bello e frequentato di Roma. Bello ed Economico a due passi dal Colosseo.
                                                               

Cocoricò - Per chi ama cantare ed esibirsi in pubblico non deve assolutamente mancare di visitare questo delizioso bar sito a  San Lorenzo, che mette a disposizione per i suoi ospiti la piattafroma per il Karaoke. Da notare che il pub è  nella vivissima zona di San Lorenzo, nota per la miriade dei suoi pub, ristoranti e per la sua piazza sempre gremita di giovani ragazzi.

Per adesso è  tutto. Se avrò altre idee ve lo farò sapere.

sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

 

 

 





banner200x175













Ultimo Film Visto: 
     
          
                Voto 4


Il Libro Che Sto Leggendo




Ultimo libro letto



La serie tv che sto guardando




Ultima serie tv vista: LA TATA 

          VOTO 10






Prima di tutti vennero a prendere gli zingari e fui contento perchè rubacchiavano.
Poi vennero a prendere gli ebrei e stetti zitto perchè mi stavano antipatici.
Poi vennero a prendere i comunisti ed io non dissi niente perchè non ero comunista.
Un giorno vennero a prendermi e non c'era rimasto nessuno a protestare
 
Bertold Brecht

 

 











Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha responsabilità per quanto riguarda i siti cui è possibile accedere tramite i collegamenti interni al sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Il fatto che il blog offra questi collegamenti non ne implica l'approvazione, sulla cui qualità , contenuti e grafica l'autore declinapertanto qualsiasi responsabilità, così come declina responsabilità di qualsiasi tipo sui commenti inerenti ai post. Inoltre questo sito contiene, tra le altre cose, immagini di nudi. La sua visione, quindi, è consigliata ad un pubblico maggiorenne. 

 


Poor is the man whose pleasures depend on the permission of another




IL CANNOCCHIALE