.
Annunci online

rossoshocking
dove tutto è famiglia
POLITICA
14 marzo 2008
Vittoria!!! Il 19enne gay non sarà ucciso.
 

gay iraniani in procinto di essere impiccato
Ieri c'è stata l'approvazione da parte del parlamento Europeo con 46 voti favorevoli, 2 contrari e 12 astenuti, della risoluzione d'urgenza promossa dai deputati europei radicali Marco Cappato e Marco Pannella che rivolgeva "un appello agli Stati membri interessati affinché trovino una soluzione comune in modo da assicurare che sia concesso asilo o protezione sul territorio dell'UE a Mehdi Kazami e che egli non sia espulso in Iran, dove sarebbe giustiziato", la notizia che tutti stavamo aspettando con ansia da settimane: il governo inglese ha deciso di sospendere la deportazione di Mehdi Kazemi in Iran. Il ministro dell'Interno britannico Jacqui Smith ha deciso oggi di sospendere la deportazione dopo aver ricevuto una lettera firmata da oltre 60 membri della camera dei Lord che chiedeva di intervenire in favore del 19enne: "Noi membri della camera dei Lord siamo profondamente preoccupati dalla possibilita' che Mehdi Kazemi venga condannato a morte se gli verra' rifiutato l'asilo in Gran Bretagna e verra' deportato in Iran. Chiediamo al governo di Sua Maesta' di mostrare compassione e di dare rifugio nel Regno Unito a Kazemi'', si legge nella lettera. Il giovane, il cui compagno e' stato impiccato in Iran dopo essere stato condannato per ''sodomia'', si trova in Olanda dove gli e' stato rifiutato l'asilo ed ora potra' quindi tornare in Gran Bretagna senza alcun rischio.  
Secondo Sergio Rovasio, segretario Associazione Radicale Certi Diritti: "occorre ora garantire, e su questo vigileremo, che in tutti i paesi dell'Unione Europea venga applicata la Direttiva 2004/83/CE che impone il riconoscimento dello status di rifugiato anche alle persone perseguitate nel loro paese di origine a causa del loro orientamento sessuale".

gay iraniani impiccati
ANTEFATTO

20 Febbraio 2008:
Un altro ragazzo iraniano gay rischia di dover affrontare una condanna a morte. Mehdi Kazemi, 19 anni, si era recato in Gran Bretagna nel 2004 per motivi di studio ma qui aveva appreso che le autorità iraniani avevano arrestato il suo fidanzato, costringendolo a confessare la loro relazione.La scorsa primavera, alla scadenza del visto e al rifiuto del tribunale inglese di concedergli lo status di rifugiato, Mehdi era espatriato in Olanda, dove ieri la polizia lo ha arrestato per riconsegnarlo alle autorità inglesi la prossima settimana.
Attualmente è sorvegliato a vista dalla polizia di Rotterdam perchè si teme un possibile e annunciato tentativo di suicidio. Su di lui in Iran pende una condanna a morte in quando gay. 

AUGURO A TUTTI COLORO CHE HANNO COMMESSO QUESTI ATROCI DELITTI A SCAPITO DEGLI OMOSESSUALI O COMUNQUE DI QUALSIASI PERSONA DI FARE LA STESSA MEDESIMA FINE!
gay iraniano impiccato
due ragazzi iraniani impiccatigay impiccatoE pensare che anche in Italia ci sono persone ed esponenti politici che proprio non riescono a tollerare l'omosessualità. (Mussolini, Gardini, Storace, Calderoli, Santanchè, Ratzinger, Fiore, Fini, Mastella, Casini ecc.ecc) Il gay continua ad essere visto sotto un'accezione negativa. E' colui che è portatore di valori sbagliati, esempio di un modus vivendi da non imitare. E' colui che deve essere discriminato, evitato e perchè no anche insultato, umiliato e impiccato. Auguro a tutte coloro che pensano queste cose TUTTO IL MALE DI QUESTO MONDO.

sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

 

 

 





banner200x175













Ultimo Film Visto: 
     
          
                Voto 4


Il Libro Che Sto Leggendo




Ultimo libro letto



La serie tv che sto guardando




Ultima serie tv vista: LA TATA 

          VOTO 10






Prima di tutti vennero a prendere gli zingari e fui contento perchè rubacchiavano.
Poi vennero a prendere gli ebrei e stetti zitto perchè mi stavano antipatici.
Poi vennero a prendere i comunisti ed io non dissi niente perchè non ero comunista.
Un giorno vennero a prendermi e non c'era rimasto nessuno a protestare
 
Bertold Brecht

 

 











Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha responsabilità per quanto riguarda i siti cui è possibile accedere tramite i collegamenti interni al sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Il fatto che il blog offra questi collegamenti non ne implica l'approvazione, sulla cui qualità , contenuti e grafica l'autore declinapertanto qualsiasi responsabilità, così come declina responsabilità di qualsiasi tipo sui commenti inerenti ai post. Inoltre questo sito contiene, tra le altre cose, immagini di nudi. La sua visione, quindi, è consigliata ad un pubblico maggiorenne. 

 


Poor is the man whose pleasures depend on the permission of another




IL CANNOCCHIALE