.
Annunci online

rossoshocking
dove tutto è famiglia
vita familiare
27 maggio 2009
I miei piedi al mare...


Quanto odio la sabbia sui piedi (specialmente prima di tornare a casa) e gli infraditi. Che con quel cosino al centro di distruggono le dita!!!!

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. piedi infradito ostia sabbia mare

permalink | inviato da neutronik80 il 27/5/2009 alle 20:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
vita familiare
27 maggio 2009
Una giornata al mare

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Ostai mare torvajanica

permalink | inviato da neutronik80 il 27/5/2009 alle 20:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
vita familiare
25 maggio 2009
Week-end massacrante

 
Comincio a farmi vecchio... gli anni che passano si fanno sentire. Non ho più l'età!!! Venerdì sono andato come al solito a lavoro. La sera, al cinema, a vedere Antichrist (bravissimo Lars Von Trier) Il film è cominciato alle 23.50 ed è terminato verso le 2 di notte. Sabato mattina l'ho dedicata alla pulizia della stanza. Mentre il pomeriggio sono andato a fare shopping con l'amore mio. Gli ho regalato 3 magliette e una camicia. Siamo rientrati verso le 21.00. Doccia  e barba veloce che ci siamo preparati per andare all'Alpheus con i nostri amici. Rientro a casa alle 5.00
Sveglia alle 8.00. Ostia ci aspetta. Preaparati, fai i panini, prendi il costume e ficcati nella metro rovente fino a Piramide. Scendi e prendi il trenino fino alla feramta stella polare. Ci diriggiamo verso la nostra solita, vecchia spiaggia. Ma arrivati ci viene detto che non c'è più posto per gli ombrelloni. Che si fa? Sotto un sole che spaccava le pietre ci incamminiamo e lido per lido chiediamo dove fosse disponibile un ombrellone per 4 poveri disgraziati che volevano godersi una giornata di mare. Solo alle 11.45 troviamo posto. Il lido Plinus ci ospiterà fino alle 17.00 inoltrate. Con poco meno di 3 ore di sonno sulle spalle arrivo a casa verso le 19.00. Siamo tutti sfatti e stravoli (io anche un pò carbonizzato).
Poco dopo mezzanotte ero già nel mio lettino!!!!!

BRUTTA BESTIA LA VECCHIAIA!!!!
SOCIETA'
8 agosto 2008
Il Mare di Napoli
Oggi ho passato una stupenda giornata al mare. Sono stato con la mia mamma e con la mia dolce zia P. Ci siamo rilassati sotto questo magnifico solleone e rinfrescati facendoci di tanto in tanto un bagno rigenerante e refrigerante!














Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Mare napoli vacanza mamma zia p

permalink | inviato da neutronik80 il 8/8/2008 alle 23:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
vita familiare
24 maggio 2008
Gli irriducibili del mare: io e l'amore mio
Questa mattina ci siamo svegliati presto. Erano circa le 11. Decidiamo che DOBBIAMO andare al mare. Decidiamo, però di andarci con calma, senza andare di fretta e soprattutto, visto che E' IL PRIMO BAGNO meglio andare in un orario in cui il sole non PICCHI troppo. Allora facciamo colazione, io mi faccio la barba, andiamo a fare la spesa, torniamo, mangiamo, ci mettiamo il costumino e ci dirigiamo verso OSTIA!!!! Erano circa le 15.00
Prendiamo il trenino da Piramide. Troviamo pure il posto... che strano. Solitamente è sempre affollatissimo. Vabbè, meglio.

Il tragitto dura una trentina di minuti. Scendiamo a "stella polare"
Durante tutto il percorso notavo una cosa. Il sole era andato via per far spazio alle nuvole. Ma che ci frega... sicuramente riuscirà. Come no?!?!?!?!
Scesi dal trenino ci dirigiamo verso il nostro lido (rigorosamente libero)

LA gente è poca e quelle poche che ci sono stanno per andarsene.
Io penso. Wow. Che culo. Il nostro primo bagno e se siamo fortunati arriva pure uno tzunami.
Ma noi imperterriti apriamo gli zaini ed estraiamo gli asciugamani, ma fa troppo freddo. Ci stediamo con tutti i vestiti.

Da notare quella "cosa in rosso". Non è ET è una signora che aveva leggermente freddo. Pur di rimanere a prendere il "sole" ha optato per un comodissimo e caldissimo kiway con tanto di cappuccio.
Come potete notare gli irriducibili non eravamo solo io e l'amore mio, ma anche altra gente e tra questi spiaccavano questi due simpatici ragazzi. 

Avrei voluto tanto fare un bagno rinfrescante, ma ho preferito rimandare questa grande occasione ad altro giorno. E poi a mare c'era troppa gente. Non spaevo dove tuffarmi.

Troppa gente, veramente troppa. non c'era spazio anche per me.
Ma vabbè, vista la situazione decido di andare a fare la pipì al bar. E cosa devo leggere attaccato alla porta del bagno?

"E' vietato lavarsi i piedi dentro il bagno"? Sono rimasto sconvolto. Evidentemente è stato trovato qualcuno che si lavava i piedi dentro il water... io sono una persona di larghe vedute e quindi mi sento di dire che ognuno è libero di lavarsi i piedi dove crede... ma proprio dentro la tazza del cesso NO! Che schifo. Specialmente questa dove sono andato io. Più sporca dei bagni di Termini (che poi sono puliti). Mi sono anche guardato in giro. Mi son detto evidentemente deve esserci un tubo per l'acqua, forse il cartello si riferiva a questo, cioè vietato lavarsi i piedi con il tubo dell'acuqa dentro il bagno. No! Il tubo non c'era! Poi ho notato un lavandino. Sapete quello con lo specchio dove ci si lava le mani dopo aver fatto pipì. Evidentemente il cartello a quello si riferiva... ma no. Il lavandino è troppo alto. Anche un uomo di due metri non riuscirebbe a ficcarci il piede...
Alla fine ho dovuto constatare che il cartello si riferiva proprio alla tazza del cesso....
Scoperto questo ho deciso di fare armi e bagagli e andarmene.
Ciao OSTIA!

Ma per dovere di cronaca devo dire che io e l'amore mio siamo stati benissimo. Nonostante il freddo polare, il vento, il bar del lido CHE NON AVEVA NULLA DA VENDERTI SE NON IL CAFFE', le cinesine che ogni 5 minuti passavano a chiederci se volevi un messaggio (sembrava ci fosse un'invasione di massaggiatrici cinesi. Erano tutte uguali. Le riconoscevi solo dal cappello di paglia diverso), venditori ambulanti che ti vendevano di tutto. Dagli asciugamani, agli occhiali, dai pantaloni agli incensi... Mancava solo l'onda anomala e tutto era perfetto.
E pensare che l amore mio si era portato pure la protezione solare 40!!! Con quel freddo ci voleva la pelliccia di Visone, altro che crema solare!
Ma a parte questo devo dire
GRAZIE amore MIO per QUESTO splendido POMERIGGIO.
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

 

 

 





banner200x175













Ultimo Film Visto: 
     
          
                Voto 4


Il Libro Che Sto Leggendo




Ultimo libro letto



La serie tv che sto guardando




Ultima serie tv vista: LA TATA 

          VOTO 10






Prima di tutti vennero a prendere gli zingari e fui contento perchè rubacchiavano.
Poi vennero a prendere gli ebrei e stetti zitto perchè mi stavano antipatici.
Poi vennero a prendere i comunisti ed io non dissi niente perchè non ero comunista.
Un giorno vennero a prendermi e non c'era rimasto nessuno a protestare
 
Bertold Brecht

 

 











Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha responsabilità per quanto riguarda i siti cui è possibile accedere tramite i collegamenti interni al sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Il fatto che il blog offra questi collegamenti non ne implica l'approvazione, sulla cui qualità , contenuti e grafica l'autore declinapertanto qualsiasi responsabilità, così come declina responsabilità di qualsiasi tipo sui commenti inerenti ai post. Inoltre questo sito contiene, tra le altre cose, immagini di nudi. La sua visione, quindi, è consigliata ad un pubblico maggiorenne. 

 


Poor is the man whose pleasures depend on the permission of another




IL CANNOCCHIALE