.
Annunci online

rossoshocking
dove tutto è famiglia
POLITICA
19 novembre 2008
99 fosse. Ecco i testi incriminati dei gruppi di estrema destra
La musica dei 99 Fosse (nome preso dal gruppo 99 posse scioltosi nel 2005) è di chiaro stampo antisemita, auspica la morte degli ebrei e deride la Shoah e i campi di sterminio.
Su youtube circolavano le loro canzoni, ma a quanto pare non sono più "cliccabili". Ecco i testi che si rifanno ad alcune canzoni note.

05. Himmler (basato su "Gianna" di Rino Gaetano) Himmler Himmler Himmler addestrava le SS, grandi animatori di villaggi per le vacanze. Era obbligatorio per gli ebrei di tutto il ghetto, il problema era sempre quello: "Dove cazzo li metto?" A Dachau, a Mathausen, a Treblinka, ti ho dato una spinta, vai dentro la fossa, tua moglie la doccia, tua figlia Rachele la diamo a Mengele, chi vivrà vedrà! Ma dove vai! Vieni qua! Ma che fai, da Dachau non scapperai! Vieni qua, ma chi sei! Vieni insieme agli altri ebrei Vieni qui, anzi lì, nella doccia col Zyclon B! Vieni qua, ma che vuoi? Dentro i forni i figli tuoi! Himmler Himmler Himmler lui amava tutti i bambini biondi occhi azzurri con le trecce, comunque ariani. Himmler detestava quelgi ebrei, poichè animali ladri naso grosso con la kippah e non pagani. Ma una notta finì il supplizio di tutti gli ebrei, evviva la razza! A morte i giudei, una razza bastarda di mercanti usurai! Chi vivrà vedrà! Ma dove vai! Vieni qua! Ma che fai, da Dachau non scapperai! Vieni qua, ma chi sei! Vieni insieme agli altri ebrei Vieni qui, anzi lì, nella doccia col Zyclon B! Vieni qua, ma che vuoi? Dentro i forni i figli tuoi!

08. Stornello romano (basato su "Stornello romano", canto popolare romano) Aronne regazzino dentro al ghetto voleva da vedè zio Samuele, andò a bottega sua pe' cercallo ma ce trovò un bijetto de Mengele, per progresso della scienza nun poteva avè clemenza! Stateve attenti! Nun sò finiti qua gli esperimenti! Aronne regazzino dentro al ghetto la voleva 'nda sapè 'ndo stav'er nonno, la mamma je rispose: "Fijo bello, ma che, c'hai già guardato dentro al forno?" "Mamma, mamma, che vergogna, credi ancora ar genocidio! Nun ce lo sai? Sò morti tutti quanti de suicidio! Rachele grande troia dentro al ghetto se trastullava al portico d'Ottavia, frattanto che arivò un vecchietto je disse: "Quanto vuoi pe' fà da cavia?" La ragazza non capiva, ma le coscie già s'apriva, era Mengele, il bisturi sfilò e non il pene. La Levi Montalcini da regazza voleva diventare 'na scienziata pe' riscattare la sua razza da anni odiata e perseguitata. Rovistando ore ed ore trova i fogli del dottore. E Porco Dio, con questi vinco i Nobel pure io! Copiando quegli appunti per intero comincia a fà li soldi pe' davero! Li studi le ricerche ch'ha pubblicato e dopo anni il Nobel le hanno dato. "Ma che pumma che sò stata! Soldi e fama assicurata! E bei cojoni! Gli appunti de Mengele erano boni!"

06. Nati sotto la stella di David (basato su "Nata sotto il segno dei pesci" di Antonello Venditti) Ti ricordi quella strada, la bottega di Mosè? Lui prestava i soldi a strozzo alla gente come te. "Tutto quello che voglio è soltanto il 205% e la casa in garanzia, che se per caso non mi paghi domani te la porto via". Nato con la stella, nato con la stella di David! Lui chiedeva gli interessi, incurante dei tuoi guai: orologi e braccialetti e orecchini, casomai! Tutto quel che chiede è soltanto il e la casa in garanzia, che se per caso non lo paghi domani te la porta via, perchè è nato con la stella, nato con la stella di David! Ma un bel giorno di gennaio, era forse il '33, Adolf Hitler cancelliere stabilì e decise che era finalmente il momento di creare le leggi razziali per tutti quegli ebrei che infestavano l'Europa nei campi infami ed usurai nati con la stella, nati con la stella di David! Da quel giorno di gennaio, (romantici) di Mosè non ce n'è più (magari!) stessa fine per Aronne, per Giacobbe ed Esaù ma quel che resta e rimane è solamente sapone e un denso fumo blu! I parassiti dell'Europa da oggi non ci sono più! Morti con la stella, morti con la stella di David! E libertà per noi, che siamo i figli dell'Europa senza rabbini ed usurai! Noi che siamo nati, nati con la croce uncinata!


07. Il gatto e la volpe (basato su "Il gatto e la volpe" di Gianni Morandi e di Edoardo Bennato) Quanta fretta, ma dove corri, dove vai? Non ti hanno detto che qui è in vigore l'apartheid? Io son bianco, e tu sei negro! Questa è una società di nome Ku Klux Klan! Non parlarci dei tuoi problemi, cazzi tuoi! Chi ti da da mangiare, in fondo, siamo noi, e tu dacci, vai pappone, questa è la verità, ma presto finirà! Noi studiamo i tuoi movimenti, non lo sai? La tua casa, i tuoi parenti, i figli tuoi! Dacci solo 4 cappucci ed 1 croce di legno, stanotte brucerai! Non perdere l'occasione, non vedi che è un vero affare, se no poi te ne pentirai! Non capita tutti i giorni di essere inchiodati da due bianchi che si prendon cura di te! Avanti, non perder tempo, sali qua! Quella croce in fiamme è una formalità. Tu ci doni la tua casa e le tue proprietà che un bianco occuperà! Non perdere l'occasione, non vedi che è un vero affare, se no poi te ne pentirai! Non capita tutti i giorni di essere inchiodati da due bianchi che si prendon cura di te! Quanta fretta, ma dove corri, dove vai? Che fortuna hai avuto ad incontrare noi! Noi siam bianchi, tu sei negro, questa è una società di nome Ku Klux Klan di nome Ku Klux Klan di nome KU KLUX KLAN


01. Anna non c'è (basato su "Laura non c'è" di Nek) Anna non c'è, è andata via l'hanno trovata a casa sua, nella soffitta di Amsterdam, ora è sul treno per Buchenwald! Un bel treno prima classe lì nei confini del terzo Reich e poi s'aprono le porte: "Avanti scendi adesso, che fai? Ti chiudi dentro al cesso? No, non puoi! Il capolinea è questo, non lo sai? E segui quella fila di giudei, di giudei!" Caro diario, ti voglio dire che qui è difficile scappare ma ci sono docce per farci lavare, c'è pure Mengele se ti senti male. Una guardia entra e mi chiede "Quanti anni hai?" e senza attendere risposta "Avanti esci adesso, su dai! E porta il tuo diario, se lo vuoi! Ti porteremo a spasso insieme a noi, su, non aver paura, Anna dai, Anna dai!" Adesso lo vedo, è proprio vicino, c'è un grande forno con un camino, uno strano odore che vedo lassù vedo del denso fumo blu! Mi fa mettere in colonna, poi viene davanti a me e mi urla sulla faccia: "Se vuoi ti brucio adesso, se vuoi, oppure io tigasso, con i tuoi, comunque fa lo stesso, tu lo sai. La soluzione è questa per gli ebrei, per gli ebrei!"

I video su youtube sono stati aggiunti da un utente italiano che si firmava  "Karl Gebhardt": era il nome del medico personale di Heinrich Himmler, ministro dell'Interno del Reich, noto per condurre esperimenti nel campo di concentramento femminile di Ravensbrück, utilizzando come cavie le prigioniere polacche e russe.

Per maggiori info 
http://www.stormfront.org/forum/

Nel forum ci sono molti utenti che apprezzano questo genere di musica e che sono fautori di un revisionismo storico che vorrebbe cancellare l'olocausto, visto come qualcosa di puramente "inventato".


In un paese governato dalle peggiori forze di destra (Ciarrapico, Alemanno, Mussolini, Fiore, Fini, Bossi, Calderoli, Berlusconi...) è più che logico che accada questo!!!!
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

 

 

 





banner200x175













Ultimo Film Visto: 
     
          
                Voto 4


Il Libro Che Sto Leggendo




Ultimo libro letto



La serie tv che sto guardando




Ultima serie tv vista: LA TATA 

          VOTO 10






Prima di tutti vennero a prendere gli zingari e fui contento perchè rubacchiavano.
Poi vennero a prendere gli ebrei e stetti zitto perchè mi stavano antipatici.
Poi vennero a prendere i comunisti ed io non dissi niente perchè non ero comunista.
Un giorno vennero a prendermi e non c'era rimasto nessuno a protestare
 
Bertold Brecht

 

 











Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha responsabilità per quanto riguarda i siti cui è possibile accedere tramite i collegamenti interni al sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Il fatto che il blog offra questi collegamenti non ne implica l'approvazione, sulla cui qualità , contenuti e grafica l'autore declinapertanto qualsiasi responsabilità, così come declina responsabilità di qualsiasi tipo sui commenti inerenti ai post. Inoltre questo sito contiene, tra le altre cose, immagini di nudi. La sua visione, quindi, è consigliata ad un pubblico maggiorenne. 

 


Poor is the man whose pleasures depend on the permission of another




IL CANNOCCHIALE